Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 26 febbraio 2012
ragazzo libiaA pochi mesi dalla morte del rais e dalla 'fine' del conflitto, la Libia permane sotto la morsa della violenza e dell'illegalità
A pochi mesi dalla morte del rais e dalla 'fine' del conflitto, la Libia permane sotto la morsa della violenza e dell'illegalità. Amnesty International e Medici senza Frontiere denunciano gli abusi, le detenzioni e le torture perpetrate dalle milizie degli ex insorti nei confronti di sospetti lealisti di Gheddafi.


Situazione fuori controllo. Ripetute violazioni dei diritti umani commesse dalle milizie degli ex insorti. Sistema giudiziario paralizzato e autorità nazionali impotenti. È quanto emerge dal nuovo rapporto di Amnesty InternationalLe milizie minacciano le speranze di una nuova Libia, reso pubblico qualche giorno fa.

Il rapporto documenta gravi e massicci abusi, crimini di guerra, detenzioni illegali e torture, da parte delle milizie degli ex insorti, al momento le forze più potenti della Libia, nei confronti di sospetti lealisti gheddafiani. “Le milizie sono ampiamente fuori controllo e l'impunità totale di cui beneficiano non fa altro che incoraggiare ulteriori abusi e perpetuare l'insicurezza e l'instabilità”, ha dichiarato Donatella Rovera diAmnesty International.
Le autorità nazionali rappresentate dal Cnt, il Consiglio nazionale transitorio, continuano a parlare di casi individuali, di 'errori', impedendo di fatto l'avvio di procedimenti nei confronti di coloro che da mesi, ormai, continuano a perpetrare violazioni nella più assoluta impunità. La guerra è finita, ma non gli orrori. Alla violenza subita si risponde con altrettanta violenza.
“Un anno fa”, continua Rovera, “i libici rischiavano la vita in nome della giustizia. Oggi, le loro speranze sono minacciate da milizie armate fuorilegge che calpestano i diritti umani impunemente”.
Teatri di queste violenze sono, soprattutto, i centri di detenzioneAmnesty International ha visitato 11 strutture detentive usate da varie milizie nella Libia centrale e occidentale.
In 10 di questi centri, i detenuti hanno denunciato di essere stati torturati. Hanno raccontato di essere stati sospesi in posizioni contorte, picchiati per ore con fruste, cavi, tubi di plastica, catene, sbarre metalliche e bastoni di legno e di essere stati sottoposti a scariche elettriche mediante elettrodi e congegni simili alle pistole laser. Parecchi detenuti hanno riferito che, per far cessare letorture, hanno dovuto confessare stupri, omicidi e altri crimini mai commessi.

gheddafiAmnesty International documenta gli abusi da parte delle milizie degli ex insorti nei confronti di sospetti lealisti gheddafiani
Secondo l'associazione umanitaria, dal settembre 2011, sono almeno 12 i detenuti morti a causa delle torture subite. E neanche di fronte a questi casi, non una sola, concreta indagine è stata svolta, anche quando i detenuti sono morti dopo essere stati torturati nelle sedi delle milizie o nei centri d'interrogatorio che sono, formalmente o informalmente, riconosciuti o legati alle autorità centrali.
La conferma di queste pratiche è arrivata anche dall'organizzazione medico umanitaria indipendente Medici Senza Frontiere, che, proprio qualche settimana fa, ha reso noto di aver sospeso le sue attività nei centri di detenzione di Misurata proprio a causa delle torture inflitte ai detenuti e della negazione agli stessi delle cure mediche di urgenza.
Le équipe di MSF sono presenti a Misurata da aprile 2011, nel pieno del conflitto libico. Da agosto 2011, MSF ha lavorato nei centri di detenzione di Misurata curando feriti di guerra, effettuando interventi chirurgici e fornendo cure ortopediche alle persone con fratture alle ossa. “Alcuni funzionari hanno tentato di strumentalizzare e ostacolare le attività mediche di MSF”, ha denunciato il direttore generale di MSF, Christopher Stokes. “Ci hanno consegnato pazienti provenienti da interrogatori affinché li stabilizzassimo per poterli nuovamente interrogare. Ciò è inaccettabile. Il nostro compito è quello di fornire cure mediche per feriti in guerra e detenuti malati, non di curare ripetutamente gli stessi pazienti per poter essere nuovamente torturati”.
bandiera libia
"È fondamentale che le autorità libiche dimostrino con fermezza l'impegno a girare pagina rispetto a decenni di sistematiche violazioni dei diritti umani"
A MSF è stato anche chiesto di curare i pazienti direttamente nei centri per gli interrogatori, cosa che l’organizzazione si è categoricamente rifiutata di fare. Dopo aver incontrato varie autorità, il 9 gennaio MSF ha inviato una lettera ufficiale al Consiglio Militare di Misurata, al Comitato di Sicurezza di Misurata, alNational Army Security Service e al Consiglio Civile Locale di Misurata chiedendo ancora una volta di porre fine immediatamente a ogni forma di violenza contro i detenuti.
“Nessuna azione concreta è stata intrapresa”, prosegue Stokes. “Al contrario, la nostra équipe ha ricevuto quattro nuovi casi di tortura. Abbiamo perciò preso la decisione di sospendere le attività mediche nei centri di detenzione”.
Nessuna indagine è stata portata avanti neanche su altri gravi abusi commessi dalle milizie, come l'uccisione di 65 persone i cui corpi sono stati ritrovati il 23 ottobre in un albergo di Sirte che serviva da base per i combattenti dell'opposizione provenienti da Misurata.
In un video ottenuto da Amnesty International, i miliziani colpiscono e minacciano 29 persone in loro custodia. I loro corpi sono stati trovati tre giorni dopo all'interno dell'albergo: molti avevano le mani legate dietro la schiena e un foro di proiettile in testa.
“È fondamentale che le autorità libiche dimostrino con fermezza l'impegno a girare pagina rispetto a decenni di sistematiche violazioni dei diritti umani riprendendo il controllo delle milizie, indagando sugli abusi del presente e del passato e processando i responsabili, a qualsiasi parte appartengano, secondo gli standard del diritto internazionale”, conclude Rovera.



fonte



1 commenti:

Gianni ha detto...

Le 16 cose che la Libia non vedra' piu.
Non vi era alcun bolletta elettrica in Libia; l’elettricità era gratuita per tutti i cittadini.
Non vi era alcun interesse sui prestiti, le banche in Libia erano di proprietà dello Stato, con i prestiti concessi a tutti i suoi cittadini a zero per cento di interesse dalla legge.
Avere una casa era considerato un diritto umano in Libia.
Tutti i novelli sposi in Libia ricevevano 60 mila dinari (US $ 50.000) da parte del governo per acquistare il loro primo appartamento per così contribuire ad avere una famiglia.
Istruzione e cure mediche erano gratuite in Libia. Prima di Gheddafi solo il 25 per cento dei libici erano alfabetizzati. Oggi, la cifra è all’83 per cento.
Per intraprendere la carriera agricola, avrebbero ricevuto gratis terreni agricoli, una casa agricola, attrezzature, sementi e bestiame per avviare le loro fattorie.
Se i libici non riuscivano a trovare il sistema scolastico o medico di cui avevano bisogno, ricevevano fondi del governo per andare all'estero, non solo, ottenevano 2.300 US $ al mese per indennità di alloggio e auto.
Se un libico comprava una macchina, il governo sovvenziona il 50 per cento del prezzo.
Il prezzo del petrolio in Libia era di 0,14 $ per litro.
La Libia non ha debito estero e le sue riserve pari a $ 150 miliardi sono ora congelate a livello globale.
Se un libico non era in grado di ottenere l'occupazione dopo la laurea lo stato avrebbe pagato lo stipendio medio della professione, come se lui o lei fosse impiegato, fino a quando l'occupazione non veniva trovata.
Una parte di ogni vendita del petrolio libico veniva accreditato direttamente sui conti bancari di tutti i cittadini libici.
Una madre che dava alla luce un bambino riceve 5.000 dollari USA.
40 pagnotte di pane in Libia costavano 0,15 $.
25 per cento dei libici sono laureati.
Gheddafi ha effettuato il più grande progetto al mondo di irrigazione, per rendere l'acqua facilmente disponibile in tutto il deserto del paese.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi