Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 26 febbraio 2012
EuroNonostante la crisi economica, un sondaggio di Ipsos, una delle più grandi società mondiali di indagini di mercato (fondata a Parigi nel 1975), ha trovato che in molti paesi del mondo le persone si dichiarano più felici rispetto a prima dell’inizio della crisi.
Ipsos ha intervistato 19 mila persone in 24 paesi, e il 77 per cento si è dichiarata “felice”, tre punti percentuali in più rispetto al 2007; tra questi, il 22 per cento si è detto “molto felice” (era il 20 per cento nel 2007). Le percentuali più alte sono state rilevate nei paesi poveri, mentre i paesi più ricchi hanno registrato le percentuali maggiori di infelici.

L’Economist ha pubblicato un grafico in cui mostra i risultati dell’indagine per quindici paesi: la barra mostra la percentuale di intervistati che si sono dichiarati “molto felici”, mentre a destra è riportata la cifra del prodotto interno lordo per abitante a parità di potere di acquisto.
Ci sono diverse ricerche che provano a misurare il livello di soddisfazione o di felicità delle persone nel mondo, ma tutte usano termini leggermente differenti e sono quindi difficilmente confrontabili: Gallup chiede a proposito del “benessere”, mentre World Values della “soddisfazione per la propria vita”. Inoltre, come è ovvio, le risposte non hanno verifiche e si basano solo sulle dichiarazioni degli intervistati. Tuttavia, comespiega l’Economist, Ipsos fa il sondaggio da cinque anni e le percentuali si sono dimostrate ogni volta stabili, una prova della relativa affidabilità della ricerca.
Dai dati si possono trarre due conclusioni, scrive il settimanale. La prima è che i paesi emergenti non hanno lo stesso pessimismo dei paesi industrializzati, con alcune notevoli eccezioni: non sorprendono i primi posti dell’Indonesia o dell’India, quanto i cattivi risultati della Russia, che pure ha un’economia in rapida crescita.
La seconda conclusione mette in discussione un pensiero comune in questo tipo di ricerche: quello che i livelli di felicità crescano generalmente con il reddito e poi rimangano stabili quando questo ha raggiunto circa 25 mila dollari (circa 18.500 euro) a persona per anno. Il sondaggio Ipsos sembra invece mostrare una relazione inversa tra reddito e felicità: si dichiarano più felici gli abitanti dei paesi più poveri, mentre i paesi europei, ad esempio, sono tutti sotto la media. In Italia, solo il 13 per cento degli intervistati si è dichiarato “molto felice”, un risultato solo di poco superiore alla Grecia (11 per cento).

fonte


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi