Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 12 febbraio 2012
Ecco i numeri sulla riduzione degli stipendi e delle pensioni che vuole la Troika (BCE) in cambio degli aiuti. 
Il taglio del 22% sugli stipendi minimi porterebbe il salario da 751,4 ala modica cifra di 586,1, il che comporta un’ entrata di 9 mensilità del vecchio stipendio minimo.
Il sussidio di disoccupazione viene portato a solo 360 euro mensili, i giovani sotto i venticinque anni di età, dovranno subire un’ ulteriore taglio del 10%, portando lo stipendio minimo a 528,5. Il salario giornaliero per un lavoratore non sposato e senza esperienza si riduce ai 26,18 euro, dai 33,57 euro, e per uno sposato ai 28,80 dai 36,92 euro.
Lo stipendio per un lavoratore con tre figli e nove anni di lavoro si abbasserà agli 808,96 dai 1.037,13 euro.
Per le pensioni taglio immediato del 15-20% e del 15% per quelle integrative, in pratica meno soldi, e parecchi per tutti. L’ Eurostat di Bruxelles ha fatto sapere che nel 2010 poco più di 3 milioni di persone, ovvero il 27,7%, vivevano ai limiti della soglia di povertà, immaginiamo adesso a cifra arriverebbe il paese ellenico con queste misure di austerità, molti sicuramente scenderebbero sotto quella soglia che verebbe rimpinguati da nuovi disperati. Teniamo anche conto che da quando iniziarono gli aiuti, un operaio con stipendio di 1500 euro si ritrovò a 750, chi aveva un mutuo sulle spalle si trovò nettamente in difficoltà sull’ adempimento del pagamento delle rate, se adesso ne prenderà 586, fate voi i conti.


(Pensate che la benzina in Grecia costa all'incirca quanto in Italia... vedi tabella europea)
Sicuramente scenderà in piazza molta più gente arrabbiata e gli scontri aumenteranno a livelli esponenziali, è un peccato vedere qualcuno ridotto così
Cosa si può fare? Pretendere che il governo riduca i salari minimi per decreto quando le parti sociali hanno appena deciso il contrario (di non aumentarli) è sicuramente da repubblica delle caciotte.
Dall’altra parte, in questa battaglia c’è molta ipocrisia.
Per la Confindustria greca non ha senso sprecarsi per ridurre i costi del lavoro quando si può tranquillamente ignorare la legge. Per i sindacati, assenti dalle imprese potenzialmente interessate, si tratta di un gesto meramente simbolico e ad alto contenuto ideologico. In questo contesto, trovare una soluzione non è semplice.
Una possibile propostapotrebbe essere rivolta ai sindacati e ai partiti del centrosinistra, è di accettare una riduzione del salario minimo, ma inferiore al 22 per cento attualmente in discussione, e di pretendere in cambio da governo e imprenditori il loro impegno su quattro punti:
(1) ammortizzatori sociali per le famiglie di disoccupati e di lavoratori poveri;
(2) ripristino della legalità dappertutto: nessun lavoratore in nero;
(3) riduzione subito dei prezzi da parte delle imprese coinvolte;
(4) aumento graduale del salario minimo nel futuro prossimo, man mano che l’economia cresce.
Attendiamo qualche risposta. Ma senza trattenere il fiato.
fonte: Trading No stop Finanza


4 commenti:

avv. Antonios Antoniadis ha detto...

meglio uscire dall'EUro e scattenare la reazione a catena che tra poco porterebbe italia, Portogallo e Irlanda fuori facebdo finire la era dell'Euro. All'inizio sarà trambusto ma poi saremmo meglio tutti.

Anonimo ha detto...

Global Debt Crisis

The greatest private fraud of human history.
Who are the great fraudsters who are becoming the murderers of the human kind? How does the economy "illness" threaten Democracy and the freedom of people?

http://eamb-ydrohoos.blogspot.com/2012/01/global-debt-crisis.html
---------------------------------
By knowing what happened in indebted Greece, where loan sharks created “bubbles” and the current inhuman debt, one can understand the inhuman plan in total ...understand where this plan started just to bring all states at the same end ...understand how this type of plans are established...

Authored by PANAGIOTIS TRAIANOU

Davide ha detto...

Questo significa uccidere l' economia e mandare all' astrico milioni di famiglie già duramente colpite.
Se pensano di salvare il paese con queste riforme per me stanno facendo un gravissimo errore.
Spero che L' Italia sia ancora lontano da questa situazione....

noiroma.blogspot.com

Anonimo ha detto...

Una voce greca
Deve includere nel suo giudicio anche il fatto delle migrazione.
Nella Grecia del incirca 9-10M di indigeni circolano 2 M (cifra conservativa)di immigrati, INCONTROLLATI. Molti dei immigrati hanno abbandonato grecia nella ricerca di lavoro -onesto- altrove. Dietro son rimasti i "fuorilegge" e "spie" di diverse "missioni" (inclusi tipi che possono appartenere nella EUROGENDFOR).

La gente Greca sostiene il "meglio povero ma libero" mentre la propaganda 24/7 sostiene che in caso di fallimento DOMANI non avremo cibo e petrolio !!

Augurateci buona fortuna .. seguiamo il destino che ci ha toccato da sempre.. speso di sangue.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi