Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 9 febbraio 2012
Il tutto é iniziato il 2 giugno 1992, nei pressi di Civitavecchia, sul Britannia, il lussuosissimo panfilo della Regina Elisabetta. I più grandi banchieri anglo-americani lo affittarono a peso d’oro con lo scopo di avere un luogo sicuro in cui poter “chiacchierare” con gli italiani. Su quel panfilo l’Italia venne svenduta alle banche internazionali.
Lì venne decisa la scellerata privatizzazione dei principali beni dello Stato italiano. La SIP, le

autostrade, ENI, le Ferrovie dello Stato, le Poste e addirittura la Banca d’Italia. Fino a quel momento tutti noi contribuenti  italiani, con le nostre tasse, sovvenzionavamo tutte queste aziende. Dopo la riunione galleggiante, tutto venne privatizzato e svenduto alle banche. Da allora sono state licenziate migliaia di persone, i treni sono sempre più in ritardo, spedire un pacco costa sempre di più, la bolletta della luce é lievitata, il casello dell’autostrada é costantemente aumentato per ogni tratta, fino a triplicare ovunque il prezzo, senza che la qualità delle strade sia effettivamente migliorata. Ma quanti casellanti sono stati sostituiti dal Telepass o da quelle macchinette mangia soldi? A me stavano simpatici, con i loro musi lunghi e il loro cenno con il capo che sostituiva la parola “buona giornata”.

Preferivo di gran lunga che i soldi delle mie tasse andassero al casellante burbero, al secondo conducente del treno che non faceva niente (da quando questa figura é stata rimossa gli incidenti ferroviari sono aumentati a dismisura), al postino che era sempre al bar, al ragazzetto che leggeva il contatore della luce. Ora i soldi delle nostre tasse vanno nelle mani dei banchieri internazionali del Britanniache detengono azioni e hanno diverse partecipazioni nella gran parte delle aziende ex statali che sono state privatizzate ma che continuano a essere pesantemente sovvenzionate dal governo, con i nostri soldi.
La SIP é diventata Telecom, le Poste sono diventate Poste Italiane, le Ferrovie sono diventate Trenitalia e via discorrendo. Le spese più imponenti sono a carico di noi contribuenti, perché se ne fa carico lo Stato (vedi la copertura del pesante buco di bilancio di Trenitalia ad esempio) ma gli utili se li spartiscono loro. Ai banchieri evidentemente piace vincere facile.
Il nodo cruciale dell’intera vicenda delle privatizzazioni sta nel fatto che non sono state approvate per risanare il Bilancio dello Stato, per aumentare la competizione tra le varie aziende, favorire il libero mercato e rendere più efficiente il servizio (cosa che effettivamente sarebbe stata utile) ma soltanto per favorire le grandi banche padrone del mondo.
La svendita della nostra italia é avvenuta su un Panfilo, non in un Parlamento o in una qualsiasi altra sede istituzionale. La voce del popolo non é stata ascoltata. Il Parlamento non serve forse per far parlare il popolo attraverso i membri eletti democraticamente e messi lì dal nostro voto? Mario Draghi, Romano Prodi, Giuliano Amato & Company, che diritto avevano di discutere del futuro dell’Italia su quel panfilo? Certe cose non andrebbero discusse nelle sedi opportune per consentire il normale svolgersi della democrazia?
Invece tutto é stato deciso in mezzo al mare, lontano da occhi indiscreti. Quasi si trattasse di una segreta “riunione massonica”. Se poi consideriamo che Draghi, Prodi, Amato e circa il 90% dei partecipanti alla riunione fanno parte del Club Bilderberg…beh, lascio fare a voi 2+2.
La riunione galleggiante passò in sordina, i media non ne parlarono. Non per connivenza o sudditanza, ma perchè chi organizzò la svendita del nostro paese sapeva benissimo che tutta l’attenzione degli italiani era puntata sul coevo scandalo di Tangentopoli, che stava facendo affondare l’intera classe dirigente italiana.
Chi invece stava letteralmente a galla e con il vento in poppa, erano quei pochi politici ed imprenditori italiani che si salvarono da Tangentopoli, lo scandalo che indignò gli italiani. I pochi superstiti si trovavano già sul Britannia ad architettare una imponente svendita. Sembra quasi che la classe politica italiana non riesca proprio a fare a meno di farci incazzare. E il tutto senza perdere tempo! Lo scandalo delle tangenti era ancora caldo eppur già si lavorava ad una nuova e scandalosa decisione, che non solo ci avrebbe indignati, ma qualche anno dopo, ci avrebbe addirittura dissanguati.
Con il passaggio dell’uragano “Tangentopoli” noi illusi italiani, avevamo pensato che potesse iniziare un periodo migliore per il nostro Paese. Ora sappiamo che già nello stesso periodo delle inchieste di Di Pietro, ci stavano per preparare alla più grande inculata della storia. E pensare che con Tangentopoli pensavamo di aver toccato il fondo. Su quel panfilo l’Italia fu venduta per trenta denari. Addirittura fu venduta la Banca D’Italia, il bene supremo della collettività e simbolo della sovranità monetaria del popolo. Da allora si chiama Bankitalia ed é in mano alle banche private italiane, commissariate dalla BCE e in balia dei mercati finanziari, guarda caso gestiti, con le più abili speculazioni finanziarie, da quei ricchi banchieri che affittarono il panfilo dalla vecchia inglese e giunsero a Civitavecchia per comprare l’Italia.
La cosa più brutta é che i nostri “politici” glielo permisero. Per far ciò era necessaria la privatizzazione dei beni dello Stato, ovvero trasformare tutte le aziende statali in S.p.A. Che tramite il mercato finanziario e la compravendita delle azioni avrebbero potuto essere acquistate e controllate dai grandi speculatori internazionali. Cosa che avvenne con la piena accondiscendenza di Draghi, Prodi, Amato & Co.
Sotto il nome di “privatizzazione” era celato l’inizio della fine. le nostre braghe vennero calate;  poi, nel seguente decennio, ci hanno messo lentamente a 90. Oggi, sono passati 20 anni e la paura cresce. Siamo inermi ed incolpevoli, ci stanno per ingroppare a causa di quei quattro incapaci che, chissà come, si sono trovati su quel panfilo a dover decidere per le nostre chiappe. Possiamo solo sperare che la crisi finisca prima che le banche mondiali ci inculino selvaggiamente, lasciandoci tutti sul lastrico. E brucierà. Brucierà davvero tanto ora che sappiamo che le nostre natiche sono state così subdolamente svendute.


Sul Britannia, personaggi di destra e sinistra, per la prima volta nella storia d’Italia a braccetto, si piegarono all’unisono alle banche straniere. Svendettero la nostra sovranità, calpestarono la democrazia. Avvenne un vero e proprio smantellamento dello Stato imprenditore.
Secondo Antonella Randazzo, autrice del libro “Dittature. la storia occulta”, i principali artefici del Sacco d’Italia furono gli economisti Mario Draghi e Giulio Tremonti; l’allora presidente Iri, Romano Prodi; quello dell’Eni, Franco Barnabè;  il dirigente dell’Eni Beniamino Andreatta e il dirigente dell’Iri Riccardo Galli. Furono loro i principali sostenitori della svendita dell’Italia alle banche straniere.

Mario Draghi.
Per far approvare la dismissione dei beni italici, agli amici del Britannia, serviva qualcosa di forte. Qualcosa tipo una lira più debole, un bilancio ancor più disastrato e il declassamento dei nostri BOT. Tutte cose che vennero concordate su quel panfilo, con la piena accondiscendenza dell’intera classe politica italiana, di destra e di sinistra, viziosamente uniti nel male.
Ci si accordò per una supersvalutazione della lira. Il compito fu affidato al cattivone di turno:George Soros, super finanziere d’assalto di origini ungheresi ma yankee d’adozione, a capo del Quantum Fund e protagonista di una incredibile serie di crac provocati in svariate nazioni nel mirino degli Usa, potendo contare su smisurate liquidità capaci di creare default ad hoc e svalutazioni create ad arte. La svalutazione della lira raggiunse il 30%, il super attacco speculativo alla nostra moneta costrinse l’allora governatore di Bankitalia,Carlo Azeglio Ciampi, a prosciugare le risorse della banca centrale, bruciando 50 miliardi di dollari per arginare l’imminente tracollo della nostra economia monetaria: in pratica ci costrinsero a mutilare il nostro bilancio.

George Soros alias "Dottor Male".
Moody’s, l’agenzia di rating, completò l’opera declassando i nostri Bot. Un attacco speculativo ad opera d’arte.
Diverse procure italiane (fra cui Napoli e Roma) avviarono delle inchieste contro l’attacco speculativo e il super-aggiotaggio di Soros nei confronti dei nostri mercati. Soros venne accusato di aggiotaggio e insider trading, avendo utilizzato informazioni riservate che gli permettevano di speculare con sicurezza e di anticipare movimenti su titoli, cambi e valori delle monete. Una immensa frode legalizzata che avrebbe colpito tutti i cittadini-risparmiatori italiani ed avrebbe portato alla odierna recessione. Inutile dirlo le inchieste furono un buco nell’acqua. Nessun potente speculatore venne incriminato, nessun politico italiano fu mai dichiarato colpevole.

Reginald Bartholomew
, neo ambasciatore inglese a Roma e esponente di spicco della finanza anglo-americana dichiarò sbeffeggiante: «continueremo a sottolineare ai nostri interlocutori italiani la necessità di essere trasparenti nelle privatizzazioni, di proseguire in modo spedito e di rimuovere qualsiasi barriera agli investimenti esteri». Volevano a tutti i costi mettere le mani sui nostri beni, era così palese. Dovevamo fermarli. Purtroppo però siamo un popolo tradito dalla nostra classe dirigente, e non abbiamo i mezzi per farlo. Che desolazione.

Grazie a Elena Picco per la segnalazione
fonte1
fonte2


24 commenti:

Anonimo ha detto...

Il che è un po' una cazzata, visto che molte delle aziende elencate eran già piene di debiti allora.
Seconda cosa nel 1992 per legge le aziende statali son passate tutte ad esser SPA, quindi accettando capitali privati. Ciò non toglie che è un servizio pubblico e le ferrovie, praticando il prezzo politico, è ovvio che sian sempre in perdita(anche attualmente, pur aumentando i prezzi son in regime di prezzo politico - in Germania per gli stessi servizi, anche se migliori paghi molto di più - ma lì il servizio ferroviario è molto più privatizzato, giusto per dirne una).
La lira più debole in realtà fu frutto dell'alto debito pubblico, che a momenti ci lasciò fuori da Maastricht e dal trattato di inizio UE(noi e la Spagna - con la Germania che rischiò, visti gli enormi debiti dovuti alla riunificazione).
L'attacco speculativo derivò da questo. Che dopo fu giusto o sbagliato è un'altra cosa consequenziale, di sicuro non fu una riunione su una nave a portar a quella situazione, semmai 15 anni in cui passammo da inflazione super alta a spese pubbliche alla cazzo di cane, con esplosione successiva del debito pubblico.
Per esser traditi dalla nostra classe dirigente, beh, è ovvio ed i fessi che ancora ci credono, a prescindere dal dove, son idealisti fessi. Ciò non toglie che questo articolo dica inesattezze di livello.

Anonimo ha detto...

Anonimo informati meglio e poi ne riparliamo, privatizzare=condannare

Anonimo ha detto...

bravo anonimo. I treni arrivano in ritardo ma con articoli come questo saranno sempre più sospinti in avanti. Della sere ci facciamo camminare i treni...

Anonimo ha detto...

Sento sempre che in germania i servizi costano di piu', ma mai che gli stipendi sono quattro volte i nostri, l'anonimo si capisce che parla a vanvera!!

Anonimo ha detto...

Il primo ha detto cose sacrosante. la proprietà statale di tutte quelle imprese, e l'abitudine di merda di comprare tt le imprese in crisi x "salvare" i posti di lavoro, ha generato lenorme debito che abbiamo oggi. Tutti rivorrebbero il posto fisso?! Ma nn capite che quel sistema è stato la causa di quasi tt i nostri mali?? X qnto tempo lo stato doveva reggere il paese?! Prima o poi doveva crollare ed è successo! Svegliatevi!

Anonimo ha detto...

c'è poco da dire mi viene spontaneo da dire solo viva i terroristi, ma quelli veri che lottano per le cause giuste!!!!

Anonimo ha detto...

Dietro i nostri vizi c'è sempre un complotto. Siamo i primi della classe per rendite di posizione, siamo fra i peggiori negli indici della corruzione. Lo spread si misura non solo economicamente, ma eticamente. Un Parlamento in Germania toglie l'immunità al Capo dello Stato per favoritismi economici, qui vota compatto sulla consanguineità di Ruby e Mubarak e chiama ancora onorevole chi ha rubato i soldi del partito. Non ci srà mica un complotto dietro?

Anonimo ha detto...

Fino a quando kontinueremo a pagare il PIZZO ad una klasse politikA di korrotti,non faremo nessun passo avanti...quando la klasse politika è talmente korrotta da rendere inutile qualsiasi sakrificio dei cittadini,questi ultimi da buoni padri di famiglia devono prima di tutto assicurare una vita decente alle persone kare....tutto il resto passa in sekondo piano meglio evasore con famiglia in salute che contribuente senza famiglia.

Anonimo ha detto...

Purtroppo va detto, ma solamente l'Italia guidata da Mussolini riusciva a far politica ESTERA e difendere gli INTERESSI degli Italiani.. Poi 60 anni di Repubblica Italiana hanno portato Mafia in ogni settore, Politici corrotti e svenduto il nostro paese in mano agli Americani, Francesi, Inglesi e Israeliani.. Adesso ci si chiama Italia ma si legge COLONIA.. Riprendiamoci il nostro Futuro con un pò di sano Nazionalismo!!!

SVEGLIATEVI ha detto...

Purtroppo va detto, ma solamente l'Italia guidata da Mussolini riusciva a far politica ESTERA e difendere gli INTERESSI degli Italiani.. Poi 60 anni di Repubblica Italiana hanno portato Mafia in ogni settore, Politici corrotti e svenduto il nostro paese in mano agli Americani, Francesi, Inglesi e Israeliani.. Adesso ci si chiama Italia ma si legge COLONIA.. Riprendiamoci il nostro Futuro con un pò di sano Nazionalismo!!!

Anonimo ha detto...

Cazzata o no, resta il fatto che sotto ciampi, amato e prodi, con la complicità di de benedettis, ci sonostate le peggiori truffe ai danni dello Stato e quindi nostre.
Una magistratura seria e apolitica avrebbe dovuto gian indagare e condannare al risarcimento danni al popolo tutti i personaggi implicati nel complotto (george soros, carlo azelio ciampi, giuliano amato, romano prodis, carlo de benedettis, mario draghi, giulio tremonti, franco bernabè, beniamino andreatta, riccardo galli e in solido tra loro, tutti i responsabili dell'agenzia moody'e e i soci del bildeberg). Si accertino le loro responsabilità e siano condannati all'ergastolo con il sequestro di tutti i loro beni.

Anonimo ha detto...

Consiglio di leggere i libro del Bilderberg perché si è più sicuri che le informazioni riportate le abbia scritte l'autore e comunque sia una volta letto secondo me cambierete il modo di vedere le code ..se si collegano le info del libro e si accostyano alla storia troppe cose quadrano..

Anonimo ha detto...

Mentre in Italia si parlava e si parlò per anni solo di mani pulite !

Anonimo ha detto...

Ora,dire che il popolo italiano,così come tutti gli altri popoli,sia incolpevole,direi che è un'asurdità.Qunado deleghi qualcosa a qualcuno che di fatto NON CONOSCI(si presenta col sorriso sulle labbra e belle parole che timangono tali)e te ne disinteressi,la colpa è PRINCIPALMENTE TUA.Così funziona da quando sono nate le prime società e icon esse le prime "guide" ed è combiato poco e nulla.La colpa è dell'UMANITà,tutti noi compresi.

Anonimo ha detto...

Mi permetto di segnalare un video esplicativo e inerente all'articolo...

1992-2012 - "Guerra Finanziaria" all'Italia (con commento di Paolo Barnard)
http://www.youtube.com/watch?v=22wgp2rY6D4

Anonimo ha detto...

NAMCO61: Mi spiace ma tutto questo è solo pura dietrologia. Oggi l'Italia ha bisogno di persone che prendano apertamente posizione per risolvere gli innumerevoli problemi che il Popolo quotidianamente vive. Servono idee nuove e una gran voce per farle valere.

Anonimo ha detto...

Visto che la BCE è l'unica autorizzata a stampare carta straccia colorata e maleodorante frutto di 60 anni di minkiate per fare l'Europa,basterebbe solo che a Napoli,città dove i miracoli sono all'ordine del giorno,si stampassero Euro falsi...Poi vedrete come la BCE va a gambe all'aria assieme a Bilderberg &Company.

Anonimo ha detto...

L'articolo è strapieno di inesattezze. Mi piacerebbe che il Nostro Paese cambiasse classe dirigente, ma anche mentalità.
Basta con le teorie dei complotti...
Sono tristi quanto - se non più - della pochezza dei nostri politici e sindacalisti.

Anonimo ha detto...

Ha senso usare lettera k solo al posto della "c" dura, x risparmiare un carattere. Es. "poiché" diventa poiké. Non ha senso klasse politica, sakrificio ecc.

Max ha detto...

Mi fa letteralmente schifo leggere alcuni commenti, in particolare quelli espressi in italiano scorretto, che non permettono di carpire il senso di quanto si vuole comunicare, quelli a favore dell'una o dell'altra "fascia politica", quelli che danno contro alle "teorie del complotto" a prescindere dai contenuti di un articolo o di un pensiero.

Che l'Italia sia stata svenduta ai grossi gruppi finanziari che continuano a speculare sulle, di fatto, vite delle "persone pecore", è un dato di fatto, non una teoria di complotto: lo vediamo tutti i giorni anche oggi, negarlo equivale a negare l'esistenza dell'acqua. Chiunque si ostini a dire il contrario, si sta schierando apertamente con chi continua a disintegrare democrazia e Stati.

Il FMI, la BCE, i finti governi che abbiamo in tutto il mondo, devono essere disintegrati, così come sono da disintegrare i grossi gruppi bancari e finanziari, chiunque sia "troppo ricco".

Ha senso che esistano persone che possiedono miliardi di miliardi, che mai riusciranno oltretutto a spendere nel corso di mille generazioni, e altre persone che muoiono di fame? Credo proprio di no e azzardo a dire che chiunque sia d'accordo con questo concetto. Ma se tutti siamo d'accordo con questo, perchè non imporre, per legge e in tutto il mondo, una "forbice massima" tra chi ha tanto e chi ha poco? Che so, "un ricco non può possedere più di 100 volte quello che possiede un povero". Chi è straricco continuerebbe ad essere straricco, ma chi è povero, probabilmente, lo sarebbe "meno", e riuscirebbe per lo meno a campare dignitosamente.

Bilderberg, massonerie occulte, quinti poteri, governatori del mondo anonimi, verrebbero disintegrati dall'uomo stesso. Per farlo è necessario che ognuno di noi rifiuti di sottostare a determinate "regole necessarie". Esempio: le tasse sono troppo alte? Pago al massimo il 30% di quello che guadagno, il "di più" non lo verso. Se lo facessimo tutti, nessuno escluso, nessun politico potrebbe mettere in galera o far condannare un intero popolo, perchè non avrebbe più alcun popolo da governare. Altro esempio: un pluriomicida che ha sterminato 100 persone viene rimesso in libertà dopo 20-30 anni di carcere? Metto in galera chi ha permesso la sua scarcerazione e rimetto in galera il pluriomicida fino a quando non crepa. La classe politica che ho eletto non esegue il volere del popolo? La caccio, democraticamente o con una rivoluzione. Punto.

Fino a quando continueremo a schifarci senza muovere un solo dito per dare una svolta alla piega che ha preso non solo l'Italia ma tutto il mondo, le cose non potranno che andare sempre peggio, non esiste alternativa, non esiste un "DIO" che si rompe le balle di vedere questo schifo e rimette le cose a posto. DIO siamo NOI, ma dobbiamo ancora prenderne coscienza.

luigi c. ha detto...

anonimo del 9 FEBBRAIO, guarda che credo che tu stia sbagliando. le aziende italiane che dici essere già in situazione debitoria nel 1992 non è che sono giunte a tale stadio solo perchè erano pubbliche. non è che pubblico vuol dire per forza servizio di merda, dipende da chi gestisce la cosa. le aziende sono in debito perchè c'è chi ruba, chi evade, chi prende stipendi con cui si pagherebbero 100.000 persone al posto di un solo dirigente. il fatto che nel 1992 siano diventate private non è una conseguenza del debito pubblico, o perchè indebitandosi lo stato ha deciso di venderle. come dice l'articolo stesso, questo è stato programmato: tu azienda ti indebiti, quindi giustifichiamo la tua svendita, per altro a prezzi bassissimi perchè si valuta la lira e si ritiene l'azienda e lo stato in cui essa stessa risiede problematici nella solvilibilità così che chi ti comprerà potrà farlo con grande sconto. il debito pubblico non è certo aumentato perchè la spesa pubblica è stata accresciuta in quanto vi era + domanda di servizi. spero tu l'abbia capito che l'aumento esponenziale del debito pubblico, avvenuto principalmente dagli anni 80 è causa dei bastardi che hanno voluto approfittarsene e far guadagni con i ns. soldi che alla fine non sono stati trasformati in servizi. è impossibile che io dia + fondi alla sanità e giustizia ecc e i relativi servizi erogati siano peggiorati. se è così è perchè ci sono buchi. tu paghi + tasse, perchè dicono che c'è + richiesta di servizi pubblici e servono + soldi, e questi vanno nelle tasche dei politici e corrotti anzichè essere usati per la destinazione iniziale: + servizi. così è aumentato il debito pubblico e anche grazie al fatto che generando il fallimento di enti industriali, banche ecc, ad hoc, poi lo stato diceva: cittadini falliscono le banche quindi vi devo chiedere un sacrificio per salvarle, emetto titoli, voi li comprate, noi salviamo le banche, quindi i vs. risparmi, e tutto il sistema. poi se le banche la cui fine era stata progettata dettagliatamente,salvandosi non reinvestono questi soldi nell'economia reale, allora il circolo vizioso entra in circolo. tu continui a dare soli e loro li usano per fare i loro sporchi affare e tenendo presente solo i loro nefandi interessi. e cmq era meglio non entrarci mai nell'euro. lo stato così ha perso la propria sovranità monetaria. fondamentale requisito per avere un'economia sana, reale!

IRL ha detto...

PREMESSA: Il problema cronico ed atavico degli Italiani è la mancanza di lavoro. La classe Politica dei primi anni '70 ha cavalcato questa problematica per ottenere consensi elettorali, ed eccoti il POSTO STATALE o PARASTATALE FISSO. Il sogno di tutti gli Italiani medi che potevano pianificare tutta la loro vita. FANTASTICO!!! C'è un MA. Non tutti ne hanno potuto far parte per ovvi motivi (non si potevano creare 15/20 milioni di dipendenti pubblici), quindi, quando il SACROSANTO DIRITTO AL LAVORO, come recita la nostra (OBSOLETA) COSTITUZIONE, non viene GARANTITO a TUTTI i CITTADINI, esso, il DIRITTO AL LAVORO, non è più tale poichè diventa un PRIVILEGIO.
In una sociètà CIVILE i PRIVILEGI generano FIGLI e FIGLIASTRI. Ciò potrebbe portare alla rivolta se non alla rivoluzione da parte di un popolo esasperato,

COMMENTO: Premesso che i politici citati nell'articolo sono stati ripetutamente eletti e rieletti in PARLAMENTO, sebbene la stragranza maggioranza degli Italiani non li abbia votati, quindi "ognuno è artefice dei propri mali". Dopo oltre 20 anni di "DELIRANTE CULTURA DEL POSTO FISSO" le aziende citate nell'articolo erano ridotte sul LASTRICO. I BANCHIERI hanno fatto "il loro sporco lavoro", stava a noi ITALIANI respingere simili "attacchi". Ancora oggi, dopo 20 anni, non si è preso coscienza di quanto accaduto, e vi è una "cospicua" parte di Italiani (10\20 milioni chissà) che tra pochi mesi voterà a coloro che ci hanno (stanno distruggendo) la vita, nell'effimera illusione di conservare i PRIVILEGI citati in premnessa.

OSSERVAZIONI: Forse avrebbero dovuto affrontare il problema subito, non onorando completamente i titoli (BOT e CTT) allora in possesso di moltissimi Italiani. Sulla falsariga dell'Argentina. Certo che i disordini sarebbero potuti essere anche "DEVASTANTI".Hanno optato per l'Italico "metodo": temporeggiare, ed ovviamente, trarne ENORMI VANTAGGI PERSONALI. Ed eccoci qua, con l'acqua alla gola.

Andrea ha detto...

Anonimo del 09 febbraio 2012 18:15

Sei troppo stupido per capire, fatti una bella privatizzazione.

Daniele Gori ha detto...

L'Italia è sempre stato un paese strano, noi tutti continuiamo a parlare di trasparenza e moralità ma nessuno conosce il vero significato di queste due parole, esigiamo che gli altri siano onesti e poi al mattino di ogni giorno ci inventiamo qualcosa per tirare a campare fregandocene di tutto e di tutti.Una volta usavano dire "italiani brava gente", io penso che andava detto fin da allora "italiani brutta gente". Non meravigliamoci di eventuali porcherie che emergono alla luce del sole, è solo la punta dell'iceberg, nei palazzi del potere si consumano tanti delitti di ogni genere ma nessuno ne fa cenno ne a destra ne a sinistra.Tutti noi dovremmo sempre ricordare che il potere non ha colore, è il potere e basta. Le conseguenze di ciò sono tutti i giorni davanti ai nostri occhi, ma noi completamente ciechi continuiamo a gridarci l'un l'altro accuse di ogni genere, destra, sinistra, Berlusconi, Bersani,Monti,e via di seguito. Io mi auguro che tutti i popoli della terra un giorno prendano coscienza del vero problema e come unica possibile reazione prendano tutti i responsabili e li impicchino in una piazza del mondo a severo monito per quelli che seguiranno.Per ora mi limito ad essere desolato dello spettacolo che mi si offre ogni giorno.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi