Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 15 febbraio 2012
Dopo le sacrosante "sparate" di Celentano contro Chiesa ed Europa, il Festival di Sanremo è praticamente commissariato: i lavori saranno supervisionati dal vicedirettore generale, che sarà presente con poteri di intervento, praticamente imporrà paletti e detterà le linee guida, per evitare che Celentano possa ripetere discorsi che - pronunciati dinnanzi a dieci milioni di italiani - possono mettere in imbarazzo la RAI, da sempre al servizio dei poteri forti, chiesa e lobby dell'eurocrazia europea comprese.


Ma secondo qualcuno, le "sparate" della prima puntata potrebbero esser state un escamotage per attirare l'attenzione sul festival di Sanremo: infatti le sparate di Celentano, sono piaciute molto a quel genere di telespettatore che probabilmente non è propenso a guardare il festival, ma dopo questo episodio potrebbero farlo, con la speranza di vedere ripetere la performance.... un'aspettativa che comunque, possiamo scommettere che non verrà soddisfatta - staff nocensura.com
----
SANREMO - Dopo l'intervento di Celentano che ha colpito duramente i giornali del vaticano che pretende le scuse, arriva  l'annuncio del commissariamento del Festival di Sanremo: Lorenza Lei, direttore generale della Rai, invia a Sanremo il vicedirettore generale "per coordinare con poteri di intervento il lavoro del Festival".

IL FATTO. Il molleggiato, in uno dei suoi pensieri talmente profondi che sono circondati da silenzio, ha detto che i giornali del vaticano, "Avvenire e Famiglia Cristiana, dovrebbero chiudere". I due giornali hanno replicato a queste accuse dicendo che la fonte di tanto odio va ricercata nella contestazione al cachet che proprio su questi due giornali fu ampiamente alimentata.




In realtà c'è da dire che la protesta non è nata dai giornali, ma dalla rete, dai blog ed è rimbalzata di bocca in bocca fino a raggiungere il piccolo schermo. Di lì è nato un vero e proprio "Caso Celentano", che proprio per questa nuova fama acquisita la Rai ha voluto riproporre con forza. Ma anche la Sir è infuriata: l'agenzia di stampa della Conferenza episcopale parla di "ignoranza col microfono".                      

Ma Celentano si sa, non manda a dire le cose per posta! Sul palco dell'Ariston non ha esitato a lanciare le sue provocazioni. Provocazioni che hanno fatto tremare il tavolo del Direttore Generale della Rai, Lorenza Lei, la quale ha subito proposto e imposto un "Commissariamento del Festival" di modo che i vi sia una supervisione dall'alto dei contenuti del Programma che andrà in mondovisione.

Sarà dunque il vicedirettore generale, Antonio Marano, a coordinare "con poteri di intervento il lavoro del Festival". Che, di fatto, viene così commissariato.


fonte


1 commenti:

Salvatore ha detto...

Perchè la chiesa o altri soggetti menzionati da Celentano durante la prima serata del festival di San Remo, dovrebbero offendersi? Hanno la coscienza sporca? Facciano ammenda. Sono con la coscienza tranquilla? allora dov'è il problema? Cielo sereno, non teme i tuoni.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi