Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 8 febbraio 2012
nuclearefrancia.jpg
58 centrali nucleari. Ma i francesi, con consumi record, sono costretti ad importare energia. Si chiama Paradosso di Jevons, ed è una condanna da cui fuggire.

C'è qualche problemino con i rifornimenti di gas, ed immediatamente tornano alla carica gli insopprimibili fautori del nucleare. Agitando la caramellina della risorsa inesauribile e quasi regalata, sperano ancora di portare acqua al loro mulino. Ieri sera a Porta a Porta ho ascoltato di sfuggita un tizio che raccontava come a Bruxelles se ne stessero tranquilli al calduccio perché "il Belgio si rifornisce da centrali nucleari e quindi non ha problemi".

Anche la Francia ha il nucleare. La bellezza di 58 centrali, per la precisione. Ebbene, come racconta Medo che vive colà, la Francia sta disperatamente cercando sul mercato l'energia elettrica di cui ha bisogno: costretta ad importarne da Spagna e Germania, costretta a dar fondo acentrali a carbone e a olio combustibile.
Che succede? Succede che i nostri cari cugini sono riusciti a consumare 77600 MW di picco alle 4 di notte, due giorni fa, e oggi in giornata è previsto il record galattico di 100000 MW. Le centrali nucleari francesi producono circa 60000 MW. Questo significa che la domanda è al doppio della produzione nucleare.

Se considerate invece che il record italiano di consumi elettrici è pari a circa 57000 MW, ottenuto nel mese digiugno a mezzogiorno, forse qualche conclusione riuscite a tirarla da soli.
I francesi sono forse 200 milioni di persone? Hanno una produzione industriale pari a quella della Cina? Niente affatto: sono semplicemente abituati a far uso smodato di energia elettrica, "tanto ci sono le centrali nucleari". E quando le temperature scendono o si alzano troppo, i consumi vanno alle stelle, e l'energia non basta comunque.
Si chiama Paradosso di Jevons, e funziona sempre. Più energia si ha a disposizione e più se ne chiede, all'infinito. Se costruissero altre 50 centrali, ci sarebbero ugualmente momenti di saturazione.
I consumi italiani sono invece considerati un modello di sobrietà (parola che va assai di moda ultimamente). Dove l'energia è preziosa, se ne fa un uso intelligente. E la qualità della nostra vita, da un punto di vista energetico, non è inferiore neanche di un millimetro a quella francese.

fonte





3 commenti:

IronGiulio ha detto...

Forse non è da sottovalutare che il modello energetico "sobrio" italiano dipende soprattutto dalla nostra latitudine, mentre la Francia arriva fin quasi all'estremo nord europeo (senza ovviamente contare gli estremi scandinavi). Questi giorni abbiamo provato sulla nostra pelle cosa vuol dire avere freddo all'improvviso. Io ho acceso TUTTO quello che potevo, phon compreso. Questo credo non abbia nulla a che fare con alcun paradosso, si chiama termoregolazione, e l'uomo (creatura omeoterma a sangue caldo) ne è terribilmente dipendente.
Piuttosto mi preoccuperei dello spreco di carbone e olio che viene fatto! Quelle si che sono risorse dannose per l'ecosistema, e non solo durante la combustione, ma in tutta la filiera produttiva, dall'estrazione (o coltura in caso dell'olio) al trasporto allo stoccaggio al consumo...
Giacchè il post ha anche un carattere di critica verso il nucleare, aggiungo che non sono pro nucleare. Ma sono contro anche tutto il resto. Dunque mi/vi chiedo: qual'è il male minore?

IronGiulio ha detto...

Forse non è da sottovalutare che il modello energetico "sobrio" italiano dipende soprattutto dalla nostra latitudine, mentre la Francia arriva fin quasi all'estremo nord europeo (senza ovviamente contare gli estremi scandinavi). Questi giorni abbiamo provato sulla nostra pelle cosa vuol dire avere freddo all'improvviso. Io ho acceso TUTTO quello che potevo, phon compreso. Questo credo non abbia nulla a che fare con alcun paradosso, si chiama termoregolazione, e l'uomo (creatura omeoterma a sangue caldo) ne è terribilmente dipendente.
Piuttosto mi preoccuperei dello spreco di carbone e olio che viene fatto! Quelle si che sono risorse dannose per l'ecosistema, e non solo durante la combustione, ma in tutta la filiera produttiva, dall'estrazione (o coltura in caso dell'olio) al trasporto allo stoccaggio al consumo...
Giacchè il post ha anche un carattere di critica verso il nucleare, aggiungo che non sono pro nucleare. Ma sono contro anche tutto il resto. Dunque mi/vi chiedo: qual'è il male minore?

Anonimo ha detto...

ma i francesi che abusano dell'energia elettrica, come fanno ? la bolletta a fine mese gliela regalano, non la pagano anche loro come noi in Italia .. non è un sacrificio abusare dell'uso dell'energia e dover dunque pagare di più ?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi