*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 22 febbraio 2012

Alimentazione: mangiamo ogni giorno parti di insetto e non lo sappiamo

A cura dello staff di nocensura.com

Proprio così: ogni giorno mangiamo frammenti del corpo di insetti - ali, zampe, corna, etc - che finiscono li durante il processo di lavorazione.

La questione è stata trattata anche da Focus.it, che scrive:
È difficile stimarne la quantità, ma i prodotti più a rischio sono le farine e i derivati, il cacao, il caffè e le marmellate. La legislazione italiana, su questo punto, è vacante, anche perché zampette, ali, antenne e quant’altro non sono nocivi e non esistono quindi limiti massimi per la loro presenza nei cibi.

Questi limiti esistono invece negli Stati Uniti, dove gli alimenti possono generalmente contenere al massimo 50 frammenti di insetti in 50 grammi di prodotto. Il metodo ufficiale per l’individuazione dei pezzettini di insetti è il filth test: un campione dell’alimento, predigerito in ambiente acido, è sottoposto a trattamenti che isolano le impurità. Il materiale raccolto quindi viene poi disposto su vetrino da laboratorio e osservato al microscopio.

La questione è ben nota alle autorità sanitarie italiane, tuttavia non esiste una legislazione in merito;

L'Istituto Superiore di Sanità - ISS - ha affrontato la questione nell'ambito del documento "Impurità solide negli sfarinati e nei prodotti di trasformazione: metodo ufficiale di analisi (filth-test) e aspetti normativi" scaricabile qui in formato PDF - dal quale possiamo apprendere che i frammenti di insetto (o i loro escrementi) non sono l'unico "tipo di impurità" che finiscono nelle materie prime e quindi nei nostri cibi; altre impurità di questo tipo che vengono prese in esame sono derivate dai roditori: (topi) compresi i peli degli stessi.

Il documento dell'ISS sopracitato, che valuta come "modello" la rigorosa legge americana, nelle pagine 2 e 3 esprime perplessità in merito alla legge italiana che, su questo ambito, risulta vacante e lacunosa: infatti l'unica legge alla quale è possibile far riferimento, è quella che dispone "che i prodotti non devono essere insudiciati" - tuttavia, la legge non specifica quale sia il limite massimo oltre il quale la presenza di questo tipo di impurità costituisce "insudiciamento".


Di seguito riportiamo un estratto del documento dell'Istituto Superiore di Sanità (Fine pagina 2 e pagina 3)

"Come si può facilmente osservare la dizione "insudiciate" per indicare eventuale presenza di impurità solide, è abbastanza generica e nessun chiarimento in merito ne è venuto dal regolamento di esecuzione delle norme della legge predetta pubblicata diciotto anni dopo come DPR n. 327 del 26 marzo 1980, il quale si limita a prescrivere all'art. 35 che pe r i locali, gli apparecchi e le attrezzature usate nelle varie fasi della produzione e del comme rcio delle sostanze alimentari "debbono essere attuati efficaci mezzi di lotta e di precauzione contro gli insetti, i roditori e gli altri animali nocivi".

Anche ammesso che nella dizione "insudiciati" possano rientrare le impurezze corrispondenti al "filth" americano, come sembra evincersi da una sentenza del 1968 della Corte di Cassazione che ritiene "ai fini dell'art. 5 lettera d) sudicia ogni sostanza alimentare che contenga, internamente o esternamente, corpi estranei che ne alterino la purezza ed igienicità", restano tuttavia da definire i limiti entro i quali questi corpi estranei risultino realmente alterare le dianzidette caratteristiche. È noto infatti che ogni alimento, anche quando è stato prodotto s e condo buone pratiche di fabbricazione, può contenere naturalmente o incorrere in difetti inevitabili che, a bassi livelli, non sono tuttavia di rischio per la salute. A que sto riguardo la FDA americana stabilisce, qualora sia necessario e fattibile, dei livelli massimi per ciascun difetto, in altre parole ammette e sancisce delle tolleranze. Cosi ad esempio, per la farina di frumento viene tollerato un livello massimo di 50 frammenti di insetti e un pelo di roditori per 50 g di farina."

Per fortuna, questo tipo di impurità non costituisce un problema per la salute. Ma se il pensiero di mangiare abitudinariamente frammenti o escrementi di insetto, peli dei roditori etc, non leggete il documento dell'ISS...

staff nocensura.com


Giovani Boscaino ha detto...

bell'articolo. peccato che il rapporto a cui si fa riferimento è del 1995...

magari oggi le cose sono diverse. magari sono peggiorate :-)

martin ha detto...

ma va là XD che tanto SONo peggiorate, qua in italia i politici magnanoe basta
ormai ci cominceranno a mettere 10 g di insetti per 50 g di farina cosi la differenza se la intascano...

Luigino ha detto...

Questo articolo è totalmente folle!!

Nome

Email *

Messaggio *