Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media diritti civili giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo guerra manipolazione mediatica bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari Russia poteri forti massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione finanza debito pubblico tasse israele siria UE disoccupazione ucraina travaglio agricoltura marijuana militari banchieri mario monti trilaterale califfo canapa germania geoingegneria ISIS terrorismo Grecia bambini obama vaticano Traditori al governo? big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta cancro vaccini tecnologia PD nwo armi equitalia Angela Merkel BCE austerity sondaggio umberto veronesi meritocrazia nucleare suicidi fini informatitalia.blogspot.it magdi allam cannabis m5s ministero della salute privacy video assad clinica degli orrori eurogendfor Putin marra sovranità nazionale staminali CIA bancarotta boston bufala droga monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo fmi fukushima nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ungheria università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse orban paola musu pensioni radioattività ricerca riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 5 febbraio 2012

L'ACTA ( Anti-Counterfeiting Trade Agreement "accordo anti-contraffazione")è una legge che non si occupa solo di contraffazione ma di ogni aspetto della cosiddetta proprietà intellettuale come definita dagli accordi TRIPS e quindi di: brevetti, copyright, marchi, segreto industriale, indicazioni geografiche, circuiti integrati, disegno industriale, pratiche competitive. Vediamo, prima, cosa sono gli accordi TRIPS !
Il TRIPS è un Accordo sui diritti di Proprietà Intellettuale relativi al commercio. La sua ratifica da parte degli Stati è un requisito obbligatorio per diventare membri del WTO (Organizzazione Mondiale sul Commercio); ogni nazione che cerchi di ottenere un facile accesso ai numerosi mercati internazionali aperti dal WTO deve varare le severe leggi sulla proprietà intellettuale stabilite dal TRIPS.
Il TRIPS richiede agli stati membri di fornire una valida protezione per i diritti di proprietà intellettuale.
L'accordo stabiliva che i governi avrebbero dovuto assicurare che i diritti sulla proprietà intellettuale potessero essere applicati sotto le loro leggi, e che le sanzioni per le infrazioni fossero abbastanza severe da risultare un deterrente per ulteriori future violazioni. Le procedure avrebbero dovuto essere corrette e eque, e non necessariamente complicate e costose. Esse avrebbero dovuto non comportare limiti di tempo irragionevoli o ritardi ingiustificati. Le persone avrebbero dovuto avere il diritto di chiedere ad una corte di rivedere una decisione amministrativa o di appellarsi alle decisioni di una corte.
L'accordo descriveva, in dettaglio, come l'applicazione doveva essere gestita, incluse le regole per ottenere prove, misure provvisorie, ingiunzioni e altri provvedimenti. Esso imponeva che le corti dovevano avere il diritto, sotto determinate condizioni, di ordinare il sequestro e la distruzione di merci pirata o contraffatte. La contraffazione di marchi registrati o la pirateria su scala commerciale doveva diventare reato criminale. I governi dovevano assicurarsi che i proprietari dei diritti di proprietà intellettuale potessero ricevere l'assistenza di autorità dedicate a prevenire l'importazione di merci pirata o contraffatte.
Orbene, tutto ciò, non solo viene recepito dall'ACTA, ma è stato anche inasprito. 'ACTA, per prima, bypassa le sedi competenti in materia di brevetti e copyright quali la WIPO e la WTO che hanno chiare garanzie procedurali.

Vediamo il perchè del titolo del post di oggi:



1.0 L'ARMAGEDDON DELLA SOVRANITA' DEGLI STATI

L'ACTA, estensione e inasprimento degli accordi TRIPS, viene spacciata come accordo di natura solo commerciale, invece, esso, è di natura legislativa!
Infatti la globalizzazione economica e sociale ha reso gli Stati Nazionali sempre più vulnerabili e le decisioni importanti per loro sono prese al di fuori del processo democratico, sulla spinta di lobby internazionali, soprattutto degli USA. L'Italia, per esempio, così come gli altri paesi aderenti al patto TRIPS, sarà legalmente vincolata a questo accordo, ma il Parlamento italiano non è mai stato informato nel merito dei contenuti né ha potuto analizzare l'impatto che questo accordo avrà sul nostro sistema legale e commerciale.
E' inaccettabile, quindi, che i nostri parlamentari, e quindi il popolo italiano, siano stati esclusi dal processo, mentre 42 dirigenti delle industrie con interessi correlati a brevetti e copyright abbiano potuto accedere ai documenti, alcuni dei quali ancora oggi secretati, e abbiano potuto concorrere alla loro formulazione.
E' inaccettabile che a decidere del futuro della libertà e ad interferire con le leggi di uno Stato sovrano siano pochi funzionari e rappresentanti di Corporations, per di più dopo un lavoro svolto in segreto e tutt'ora con angoli ancora bui.
Negli USA, l'ACTA è stata soprannominata un«accordo esecutivo», piuttosto che un «trattato», il che ha permesso ai negoziatori di saltare il processo ordinario di ratificazione al Senato. Obama, poi, ha posto il "segreto di stato", impedendo ogni discussione, in quanto, secondo lui, trattavasi di "Sicurezza Nazionale".
Se ACTA diventasse, quindi, una parte vincolante della legge internazionale, creerebbe sia "un precedente" per i futuri trattati che, così, potrebbero evitare i principi basilari di trasparenza e responsabilità democratica, sia potrebbe essere un altro meccanismo con cui i governi Occidentali costringerebbero i paesi più poveri ad adottare cattive politiche di copyright.
Ma quello che appare insopportabile è soprattutto la creazione di una nuova Istituzione, "il Comitato ACTA" con l'incarico di interpretare e implementare il trattato, purtroppo, senza alcuna garanzia che lo stesso Comitato operi in maniera aperta, trasparente, inclusiva e soggetta a pubblico esame, facendo del concetto dell''"open governement" (democrazia partecipata) carta straccia.
Il Comitato, infatti, potrà cambiare, a suo esclusivo giudizio, il trattato "in corsa"!
L'unica facoltà che avrebbero i firmatari dell'ACTA, sarebbe quella di "uscire dagli accordi", in caso di cambiamenti rilevanti che non approvassero.
Inoltre, se le Istituzioni di un paese si accorgessero che la difesa dei diritti di proprietà intellettuale hanno oscillato troppo in una direzione non favorevole all'economia del proprio paese, non potrebbero nemmeno cambiare la propria legge sui diritti e adottare, quindi, tutele di salvaguardia.
Infatti accordi internazionali come ACTA legano le mani dei legislatori, a meno che lo Stato in questione non intenda rinunciarvi, uscendo da tali accordi.
Ma sapete cosa significa uscire dagli accordi?
Lo Stato dovrebbe uscire, anche, dal WTO, come obbliga il TRIPS, con gravi danni sulla propria economia, e questo, come capite, è proprio un ricatto inaccettabile!
Insomma le Multinazionali hanno avviato un pericoloso meccanismo che lede la "Sovranità di ogni Stato", A FAVORE DI PRIVATI, ponendo, inoltre, i diritti di proprietà intellettuale a un livello più alto di altri, come quella sulla libertà d'espressione, d'opinione e sulla privacy.

2.0 L'ARMAGEDDON DELLA LEGALITA'.

2.1 In ambito scambio Merci:

2.1.1 Nell'ACTA, all'articolo 29 punto 2. viene introdotto, quasi di nascosto, il concetto di "USURPAZIONE", cioè la tutela del profitto che le Multinazionali farebbero se non ci fosse chi sfuggisse al loro impero, importando nel loro paese, per esempio, farmaci cosiddetti "generici" o sementi "non OGM". Queste due categorie di merci potrebbero essere considerate bloccabili alle frontiere, qualora una Multinazionale del settore stabilisse unilateralmente che la importazione, magari perfettamente legale nel paese importatore, di simili merci, ledesse i propri diritti e il proprio business. Il sequestro sarebbe applicabile non solo nel paese di origine o di arrivo delle merci, ma anche mentre esse fossero in transito in un paese terzo. Il trattato, rende, quindi, l'applicazione dei diritti di proprietà intellettuale alle frontiere, da parte di privati, più facile, meno costosa e più 'deterrente' a livello delle penalizzazioni. In questo modo, ACTA, incrementa quindi, i rischi e le conseguenze di perquisizioni, sequestri, azioni legali e altre azioni esecutive magari "errate" contro i legittimi fornitori di medicinali generici o di semi non ogm.
Perciò ACTA potrebbe sicuramente nuocere al flusso di farmaci generici e di semi non OGM verso i paesi poveri.

2.1.2 ACTA inoltre prevede la immediata distruzione delle merci, come prevedeva il TRIPS, ma ora, addirittura tale operazione viene avviata solo su SEMPLICE SOSPETTO, senza alcuna possibilità di opposizione e per di più avverrebbe a spese dell'importatore delle presunte merci "contraffatte"!

2.1.3 In termini legali, tutti questi provvedimenti, con la motivazione della urgenza, verrebbero presi "inaudita altera parte", cioè senza sentire i diretti interessati della vicenda. Inoltre, verrebbe prescritta, in questa fase, addirittura anche la confisca e il sequestro dei beni patrimoniali del presunto colpevole, per un valore adeguato al presunto danno. Tale diritto verrebbe concesso, da subito, a favore dal titolare del presunto diritto.

Tutti questi sarebbero, quindi, i provvedimenti di urgenza che l'autorità giudiziaria è obbligata a porre in atto prima dell'avvio di un regolare processo!
Tutto ciò, ovviamente, è contro lo STATO DI DIRITTO, che prevede un "giusto processo"!

2.1.4 Inoltre, al comma 3 dell'articolo 27 l'accordo prevede la "cooperazione" fra i titolari dei diritti e altre imprese (gli Isp o altri soggetti) secondo un meccanismo "extragiudiziale" o "alternativo al tribunale".
Questo significa che i compiti di polizia (sorveglianza e raccolta di prove), e quelli giudiziali possono essere affidati a soggetti privati, bypassando l'autorità giudiziaria e il diritto a un "giusto processo".

2.1.5 Anche nel caso, poi, di accertamento del reato e della condanna in sede civile al dovuto risarcimento del danno, si avrebbe un altro affronto alla legalità!
Il risarcimento infatti VIENE INDICATO DAL TITOLARE DEL DIRITTO! Questo è semplicemente pazzesco! Le corti di giustizia verrebbero quasi escluse dalla valutazione del danno in senso "oggettivo", sulla base di analisi indipendenti.

2.2 In ambito Digitale:
In questo ambito valgono le stesse regole di distruzione e di risarcimento previste per le merci.
2,2,1 Può accadere, quindi, che un vostro pensiero, una vostra opinione pubblicata sul web, se ritenuta lesiva di diritti, verrebbe subito cancellata senza che possiate opporvi o giustificarvi, in quanto nella prima fase, motivata dalla urgenza, non sareste nemmeno interpellati. ( inaudita altera parte).
Sapete come si chiama questa azione? CENSURA!

2.2.2 La preoccupazione principale, inoltre, è che possano essere bloccati i siti cosiddetti presunti colpevoli di violazione di diritti, per le pressioni delle lobby sui DNS, sui motori di ricerca, sulle reti di pagamento e sulla pubblicità, come è avvenuto al sito WikiLeaks.
Il tutto sembrerebbe non stabilito in maniera esplicita, ma il comma 3 dell'articolo 27 già citato, potrebbe essere il cavallo di troia, il cavillo per effettuare tali operazioni.

2.2.3 Lo stesso articolo 27 comma 3, potrebbe essere il cavallo di troia, il cavillo, anche per costringere gli ISP a monitorare attivamente il traffico dei loro clienti. Infatti, oltre ad altri, potrebbe essere questo uno dei metodi per soddisfare questo requisito. Anche implementare un regime di 'three strikes' ( dopo tre violazioni, il sito verrebbe chiuso) potrebbe essere un altro metodo. La vaghezza del comma induce a pensare di tutto!

Si modificherebbe, così, il quadro legale dell'Unione Europea, in quanto si renderebbero responsabili i fornitori di connettività e servizi di ciò che le persone immettono su Internet, facendo cadere i principi di libertà e di neutralità della Rete.
Questi sono stati i fondamenti grazie ai quali la Rete, finora, si è affermata come strumento essenziale per il commercio, la libertà d'espressione, l'arricchimento culturale e la partecipazione democratica.
Questa legge è stata modificata più volte dopo le proteste, ma, come vedete, ha lati così oscuri e ambigui per cui, sembra che ciò che è stato cacciato dalla porta sia rientrato, di nascosto, dalla finestra. Ed questo l'aspetto più inquietante della intera vicenda!

2.2.4 ACTA inoltre impone delle restrizioni all'interoperabilità dei contenuti e del software. Queste restrizioni arrecheranno notevoli danni ai consumatori e alle piccole e medie imprese, in quanto, all'articolo 23 punto 4, è stato introdotto il concetto di "incitamento alla violazione del copyright" che non fa parte del quadro legale europeo e ostacola, perciò, l'accesso ai contenuti anche quando questo è legale. Potrebbero con ciò essere messi al bando , per esempio, gli iTunes di APPLE.

3.0 L'ARMAGEDDON DELL'INNOVAZIONE!
La ricerca e la innovazione spesso crescono in quell'area grigia dove è facile violare la proprietà intellettuale.
Tali processi, quindi verrebbero frenati dall'ACTA per timore di cause legali che le CORPORATIONS potrebbero avviare, dopo aver fatto incetta di brevetti e copyright.  causa della succitata incetta, che normalmente viene effettuata dalle Multinazionali, non a vantaggio dei consumatori, ma per evitare che un nuovo brevetto intacchi il loro profitto, si creerebbe una vera e propria barriera al mercato, per le piccole e medie imprese.

4.0 L'ARMAGEDDON DELLA CULTURA!
Inoltre, L'ACTA richiede che i firmatari adottino il DMCA americana (Digital Millennium Copyright Act ), in particolare la parte che riguarda l'anti-aggiramento. ra, dopo dieci anni dall'entrata in vigore del DMCA, la Electronic Frontier Foundation ha documentato come esso abbia avuto un certo numero di effetti negativi, in particolare affermando che: limita la libertà di parola e la ricerca scientifica, come quando è stato usato contro il programmatore russo Dmitry Sklyarov, il professore di Princeton. Edward Felten, e alcuni giornalisti; mette in pericolo il fair use; (Il fair use consente la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro) infatti proibisce l'utilizzo della Rete alle persone che, senza scopo di lucro, condividono cultura e conoscenza attraverso il medium del nuovo millennio, e lo fa, come detto, con procedure invasive della privacy e senza garanzie giudiziarie. impedisce la competitività, come quando è stato usato per bloccare la competizione nel mercato dei toner per stampanti, dei meccanismi d'apertura per le porte dei garage, e per rinforzare i vincoli d'uso per l'iPod, etc.; interferisce con le leggi che difendono gli utenti dalle intrusioni informatiche.Si può senz'altro concludere che sia l'accordo TRIPS che il DMCA hanno limitato diverse libertà, ora l'ACTA moltiplica, in modo ancora più consistente, queste limitazioni! ' una vera e propria catastrofe della Libertà Mondiale!

L'11 FEBBRAIO 2012 VI SARA' UNA MANIFESTAZIONE CONTRO L'ACTA! ' NOSTRO DOVERE ADERIRE CON FORZA, VISTA LA PERICOLOSITA' DI QUESTA LEGGE CHE NON DEVE ESSERE ASSOLUTAMENTE APPROVATA DAL PARLAMENTO EUROPEO!

P.S. La Corte Suprema degli USA, ha stabilito il 18.1.2012, il principio in base al quale il Congresso degli Stati Uniti ha il diritto di rimettere sotto la tutela del Copyright, con tutto ciò che ne consegue in termini di obblighi , le opere che sono cadute in pubblico dominio, ovvero quelle opere per le quali, scaduto il termine di esigibilità legato alla morte dell'autore, diviene lecita la riproduzione in qualsiasi forma, senza dover pagare alcunché a nessuno. Altro danno alla libera circolazione della cultura!


fonte


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi