Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 9 gennaio 2012
In Nigeria i problemi sembrano non finire mai. Già alle prese nelle ultime settimane con una serie di attacchi terroristici da parte di un gruppo islamico, il governo nigeriano deve ora affrontare uno sciopero ad oltranza e le proteste di massa che minacciano di paralizzare il Paese.

Nella nazione più popolosa dell'Africa migliaia di persone si sono riversate nelle strade da quando il governo ha annunciato, il 1 ° gennaio, che avrebbe interrotto i sussidi al settore petrolifero, in grado per decenni di mantenere il carburante a buon mercato (soldi in realtà sottratti alle infrastrutture, sempre più necessarie a causa dell'aumento costante della popolazione).

Nel giro di una notte, il prezzo della benzina alla pompa nel più grande produttore africano di petrolio è più che raddoppiato, arrivando a circa 1 dollaro al litro, cifra esorbitante se si pensa che in Nigeria quasi la metà della popolazione vive con 1 dollaro al giorno. Sfidando un'ingiunzione del tribunale che vietava gli scioperi, i leader del maggiore sindacato nigeriano hanno chiesto a più di due milioni di iscritti di iniziare uno sciopero "a tempo indeterminato" a partire da oggi. Sciopero che potrebbe paralizzare il traffico stradale e aereo e spegnere reti elettriche.

Veicoli della polizia blindata - molti già in giro dopo gli attentati religiosi che hanno ucciso decine di persone nelle ultime settimane - pattugliano già la capitale, Abuja, e le altre grandi città in vista del scioperi. Fonti del governo dicono che 15.000 poliziotti saranno impiegati nella capitale già da oggi.

Il presidente Goodluck Jonathan ha tentato di placare il malcontento crescente, comparendo in televisione due giorni fa: "Personalmente sono addolorato per il forte aumento delle tariffe di trasporto ed i prezzi di beni e servizi. Se fossi nei vostri panni in questo momento, probabilmente avrei reagito allo stesso modo", ha detto, prima di annunciare un 25% taglio di stipendio per i ministri. "Capisco bene che la deregolamentazione non è una formula magica che risolverà ogni problema economico, ma è un buon punto di inizio per trasformare l'economia", ha detto il presidente.




fonte

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi