Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 29 gennaio 2012
Il governo ha deciso che gli aerei in Afghanistan potranno non solo sparare ma anche bombardare, dando il via libera nello specifico all'impiego delle bombe: peraltro ha deciso senza nemmeno consultare il parlamento, che comunque avrebbe sicuramente avallato...
--
Via libera all’impiego delle bombe per i quattro cacciabombardieri italiani Amx Acol schierati ad Herat e finora costretti a limitare le operazioni a ricognizioni fotografiche o a sporadici e poco efficaci interventi a fuoco con i cannoncini di bordo. Dopo estenuanti e inconcludenti dibattiti e polemiche durante il precedente governo l’attuale ministro della Difesa. Giampaolo di Paola, ha informato la settimana scorsa le commissioni parlamentari di Esteri e Difesa della necessità di impiegare «tutti gli assetti presenti nel teatro operativo afgano senza limitazioni». Un modo un po’ sibillino, senza utilizzare la parole «bombe» per comunicare il nuovo impiego dei jet.
L’intervento dei cacciabombardieri alleati è di ruotine in Afghanistan dove le pattuglie vengono spesso attaccate o cadono nelle imboscate talebane. Come fanno notare fonti della Difesa il nostro contingente ha usufruito in più occasioni dell’intervento dei jet alleati mentre i nostri velivoli non sono mai potuti intervenire. In assenza di dichiarazioni più esplicite di Di Paola, le stesso fonti sottolineano che è paradossale che le forze aeree italiane siano intervenute «a protezione dei civili libici» con raids di precisione contro i mezzi di Gheddafi ma non siano autorizzate a proteggere con le stesse armi «intelligenti» i nostri militari in Afghanistan.

In diverse occasioni l’assenza di bombe di precisione a bordo degli Amx e dei velivoli teleguidati Predator ha contribuito a esporre ad attacchi e attentati le truppe italiane sul terreno. Dopo aver inviato i jet in Afghanistan autorizzandoli a impiegare il solo cannoncino (che costringe i piloti a volare a quote pericolosamente basse) l’allora ministro della Difesa, Ignazio La Russa, aprì nel settembre 2010 il dibattito in Parlamento sulla necessità di autorizzare anche l’impiego delle bombe. Innanzitutto  per garantire maggiore supporto ai nostri militari e a quelli alleati sotto attacco talebano e per impiegare i costosi aerei da guerra al meglio delle loro potenzialità mentre il rischio di danni collaterali, cioè di provocare vittime civili involontarie, non è certo causato solo dai raid aerei. Anzi, le regole d’ingaggio adottate dal comando alleato di Kabul negli ultimi due anni sono molto restrittive e vietano l’impiego di bombe d’aereo in presenza di civili o in prossimità di villaggi.  La dura reazione dell’opposizione indusse però la Russa a rinunciare a rimuovere questo «caveat» anche per non rischiare di compromettere l’appoggio del Partito democratico al rifinanziamento delle missioni all’estero come sottolineò all’epoca il sottosegretario Guido Crosetto. «La missione in Afghanistan non cambia assolutamente. I nostri aerei sono già intervenuti con i cannoni di bordo. Il fatto di impiegare queste munizioni implica soltanto il fatto di dare maggior sicurezza ai nostri uomini», ha detto ieri il capo di Stato maggiore della Difesa, il generale Biagio Abrate.
La decisione di Di Paola, presa senza consultare il Parlamento ma semplicemente informandone due commissioni, non è piaciuta al capogruppo PD nella commissione Difesa del Senato, Gian Piero Scanu. «I caveat c’erano e ci sono ancora. Ogni cambiamento dev’essere deciso in modo formale, davanti alle Camere, e non notificato durante un’audizione» ha dichiarato ieri a Repubblica anche se a diversi giorni dalle dichiarazioni del ministro tecnico non si registrano a sinistra forti reazioni politiche. Forse le bombe di Di Paola sono  più sobrie di quelle di La Russa.


fonte



Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

forse dovreste rivedere il titolo dell'articolo...a mio parere è esagerato e non corrisponde ovviamente alla realtà.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi