Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo manipolazione mediatica guerra bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari massoneria Russia poteri forti sovranità monetaria razzismo manifestazione finanza debito pubblico tasse israele siria disoccupazione UE ucraina travaglio agricoltura militari marijuana banchieri mario monti trilaterale germania canapa califfo geoingegneria terrorismo Grecia ISIS obama vaticano Traditori al governo? bambini big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta vaccini cancro tecnologia PD nwo equitalia Angela Merkel BCE armi austerity sondaggio meritocrazia suicidi umberto veronesi fini nucleare m5s magdi allam ministero della salute privacy video cannabis clinica degli orrori eurogendfor Putin assad marra sovranità nazionale staminali CIA bancarotta boston bufala droga informatitalia.blogspot.it monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco fmi fukushima golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione chernobyl corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse paola musu pensioni radioattività riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online ungheria vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 19 gennaio 2012


"Quale sarebbe la vostra reazione se qualcuno vi dicesse che l' attuale tracollo economico è colpa del sistema che è costruito appositamente affinchè queste cose accadano periodicamente ? ..."

L’economia attuale è costruita come un grande imbuto o un piano inclinato sul quale qualsiasi ricchezza che viene creata inevitabilmente scivola fino a finire in un punto ben determinato. 
Il sistema odierno si fonda sullo squilibrio che viene sapientemente creato e mantenuto con cura maniacale per essere sfruttato al momento giusto, per approvvigionarsi di materie prime e sfruttare manodopera a basso costo, per avere sempre una produzione a costi inferiori, conseguendo così vantaggi incolmabili e sempre maggiori rispetto agli altri attori del mercato.

Lo schema classico è produrre a poco e vendere a tanto sfruttando gli squilibri; e questo si ripete all’infinito, ma sempre con differenti modalità per non essere facilmente individuato, allargando la sfera di azione ogni volta che un mercato inevitabilmente si esaurisce. Un esempio di casa nostra è la pretestuosa arretratezza del sud Italia che è servita strumentalmente in un primo periodo per avere manodopera e successivamente per “delocalizzare” produzioni ed ottenere sostanziosi aiuti economici dallo stato. Finita la festa e trovati altri luoghi nel pianeta dove massimizzare il profitto, si abbandona tutto lasciando in eredità a chi rimane solo inquinamento, distruzione, povertà, tanta sofferenza e malavita. 

La globalizzazione ha solo questo scopo e niente più.

Solo così si spiega il miliardo e duecento milioni di persone che soffrono ancora la fame, aumentate del 9% solo nell’ultimo anno ed i livelli di povertà profonda di alcune zone del pianeta, quando invece si sarebbe in possesso di tecnologia e ricchezza sufficiente per dare benessere e alimentare con tranquillità tutta la popolazione mondiale.

Il debito infinito

Lo strumento usato per creare questi necessari squilibri è il debito infinito. Uno strumento che getta l’intera umanità, per il solo fatto di partecipare al suo gioco, dentro l’incantesimo della scarsità, facendola confrontare ogni giorno con le sue più profonde paure e fragilità, trasformando quello  che  potrebbe  essere  un  paradiso  in  un  inferno  e  soprattutto  riducendola  in  schiavitù;  una  schiavitù  moderna  senza  sbarre  o  costrizioni  fisiche,  ma  forse  per  questo  più  dolorosa  e difficilissima da smascherare. 


Il denaro è l’attore principale di questo dramma e noi le vittime designate.
Il denaro, contrariamente a quello che dovrebbe essere, ovvero uno strumento che agevola gli scambi, è considerato una merce il cui prezzo è il tasso di interesse. Una merce, lo sanno tutti, deve essere scarsa per avere una domanda sempre elevata ed avere così un costo elevato ed è proprio quello che accade al denaro che è reso artificialmente scarso per alzare il suo prezzo, ovvero i tassi di interesse. Quando la domanda cala ed è sempre perché il debito diventa insostenibile, anche il suo prezzo - il tasso di interesse - ovviamente cala per renderlo più appetibile, ma il risultato è sempre quella sensazione di affanno e di scarsità che è necessaria per la sopraffazione del genere umano, mentre il creditore continua incessantemente a succhiare energia vitale dall’intera umanità.

Il debito ricordiamoci che chiede sempre qualcosa di più di quello che dà e se ci rendiamo conto che nessuno mette in circolazione quanto sarebbe necessario per rifondere gli interessi, essendo tutto il denaro messo in circolazione solo a fronte di un indebitamento pubblico o privato, ecco svelato 
il trucco semplicissimo, ma estremamente efficace, che trasforma in un attimo la nostra vita nel peggiore degli incubi immaginabili senza che ce ne accorgiamo.

Il meccanismo del debito è anche molto subdolo perché nella prima fase del grande ciclo economico, che dura in totale circa 70 anni, è ben visto da tutti perché è uno stimolo alla crescita e al benessere oltre  ad  essere considerato  un  ottimo  strumento  di  drenaggio  di  liquidità.  Questa  funzione  però cambia nel corso del tempo fino a diventare distruttiva nell’ultima fase del ciclo quando la quantità di debito risulta eccessiva. Il meccanismo viene celato ai più grazie al fatto che durante questo grande ciclo interagiscono varie generazioni che difficilmente mantengono la memoria degli eventi.

 Il grafico del debito evidenzia come esso, dagli anni ’80, sia cresciuto 
esponenzialmente fino ai livelli attuali.
In quel periodo, infatti, per compensare l’aumento esponenziale del debito, iniziò la fase delle grandi privatizzazioni per ridurre i debiti pubblici e delle grandi aperture ad altri mercati, la globalizzazione economica e finanziaria, per continuare a lucrare, se possibile ancora di più, dalla situazione prima dell’ inevitabile e preordinato crollo che ri-porterà il livello del debito agli anni ’50-60 (freccia rossa) facendo così ripartire di nuovo il ciclo economico e quello del debito infinito.

E’ importante sottolineare che fino a quando non si sarà azzerato, o quasi, l’eccesso di debito, il nuovo ciclo economico di lungo periodo non potrà partire e con esso il perpetuarsi dell’eterno gioco del padrone e dello schiavo. 
Questo spiega anche perché in questo modo siamo sempre costretti a ricercare unacrescita innaturale e continua che porta inevitabilmente allo sfruttamento esasperato delle risorse del pianeta. Se ci si fermasse, il castello di carte crollerebbe immediatamente ed ecco perché ci arrivano, da parte delle autorità, sia politiche che economiche, continui appelli alla crescita e alla competitività.


Competizione e crescita continua sono ingredienti indispensabili per il debito infinito.
Per coloro che si affacciano a questa visione per la prima volta, il panorama, che si presenta quando ci si toglie gli occhiali del sistema è desolante: la vita di ognuno è diventata una continua rincorsa  per  reperire  con  sempre  più  fatica  la  nostra  dose  di  interessi  e  questo  comporta una  rinuncia  continua  a  pezzi  importanti  del  nostro  essere.  Niente  più  tempo  libero,  letture rigeneranti, affetti sempre più trascurati e bambini che sono diventati un lusso che crescono con estranei e apparecchiature elettroniche, tv, giochi, cuffiette ecc.; si vede l’altro come un  nemico che è pronto a toglierti il denaro necessario per gli interessi e la vita è diventata una continua ed esasperante lotta per la sopravvivenza.


La disgregazione economica
Purtroppo il quadro non è ancora completo perché a livello economico il processo di globalizzazione e del debito portano a quella che si può definire la disgregazione economica.

Per comprendere meglio questo concetto usiamo una metafora. Più o meno tutti noi abbiamo presente come funziona il nostro corpo: dalla bocca entrano le materie prime che vengono trasformate dall’apparato digerente che trattiene e distribuisce tutto quello che è necessario al corretto funzionamento dell’organismo, mentre le cose superflue, gli scarti di lavorazione, vengono espulsi come rifiuti. Dai polmoni si convoglia l’ossigeno necessario al sangue che scorre per tutto il corpo alimentando il motore, il cuore, e quello che serve a far funzionare la centrale decisionale, il cervello, che sceglie modi e usi delle articolazioni per adempiere  agli  scopi  utili  alla  vita  di  questo  corpo:  correre,  camminare,  afferrare,  masticare ecc..  La  malattia  subentra  quando  uno  dei  componenti  non  adempie  più  correttamente  alla propria  funzione  e  la  morte  arriva  quando  un  organo  fondamentale,  cuore,  polmoni,  fegato, cervello cessa di lavorare.

Adesso con uno sforzo di immaginazione cerchiamo di associare il corpo al funzionamento di una nazione, dove la bocca e l’apparato digerente sono l’agricoltura e l’industria che trasformano i  prodotti  necessari  alla  nostra  sopravvivenza,  il  cervello  è  dove  avvengono  le  decisioni,  il parlamento, che mettono in moto le articolazioni ed i muscoli, la forza lavoro, le società dell’energia e dell’acqua sono il motore, il cuore, di tutto questo grande organismo, mentre le società della nettezza urbana si occupano di smaltire i rifiuti prodotti. Dimenticato qualcosa? 
Ah si il denaro, in questo contesto è come il sangue che circolando in tutta la nazione permette a tutti i settori di assolvere al proprio compito.
Per  tornare  al  nostro  esempio,  un  corpo,  una  nazione,  che  funziona  correttamente  chiude  il cerchio delle sue necessità, è in equilibrio e difficilmente andrà a cercare nuove cose all’esterno e se avrà qualche necessità particolare si ingegnerà per risolvere la questione con gli strumenti 
che ha a disposizione; detto in altri termini, non sarà grasso, consuma quello che produce, non accumula riserve, e avrà poca propensione a drogarsi (a indebitarsi). 

Questa situazione, nel processo del debito infinito, è inaccettabile, è un vero e proprio pugno nello stomaco che impedisce di vivere e proliferare a multinazionali e speculatori ed allora, più o meno dal dopoguerra ad oggi, è stato attuato il processo di disgregazione delle economie
.

Praticamente, tramite la droga, ossia il debito agganciato alla creazione monetaria, hanno fatto credere al  cervello,  alla  classe  politica  e  alle  cellule  che  sono  il  corpo  sociale,    che  tutto  procedesse tranquillamente e per il meglio mentre invece stavano piano, piano, sostituendo ad uno ad uno gli organi vitali e rendendo man mano inservibili quelli originali. La onseguenza è il completo controllo di quell’organismo da parte di queste entità esterne e la dipendenza totale di questo organismo

•  E’  quello  che  è  avvenuto  con  il  nostro  fabbisogno  alimentare  sempre  più  dipendente  dalle importazioni di altri paesi, oltre il 50%, mentre la nostra agricoltura è letteralmente…"a terra”, a causa di una politica interna e comunitaria a dir poco omicida e poco importa se le merci fanno migliaia di chilometri per arrivare sulle nostre tavole, se consumano risorse energetiche eccessive,  se sono piene zeppe di conservanti, additivi e pesticidi nonché OGM che le fanno apparire fresche, appena colte anche se praticamente non hanno vita e hanno perso ogni proprietà nutrizionale.

• E’ quello che è accaduto alla nostra industria dove moltissime aziende, dopo le privatizzazioni degli anni ’90, sono state acquistate, smembrate, rivendute e poi chiuse. Quelle poche rimaste non possono competere con chi utilizza nuovi schiavi per produrre in paesi lontani ed invade i nostri mercati, è quello che accade con le nostre micro, piccole e medie imprese strette nella morsa fiscale e del debito. 

Scompaginando  e  rendendo  l’economia  sempre  più  caotica  e  veloce,  mentre  si  elargiscono quantitativi  di  debito  sempre  più  elevati,  l’intera  nazione,  ma  a  questo  punto  della  storia  si può parlare tranquillamente di tutto il mondo industrializzato, ricorda molto un drogato che ha necessità sempre maggiori di stupefacenti, il debito, per sentirsi un leone, mentre il suo corpo si deteriora a vista d’occhio.

La stessa cosa è accaduta con la politica. Noi continuiamo a pensare che quando andiamo a votare eleggiamo i nostri rappresentanti che guideranno il paese, ma invece ci sbagliamo perché oggi la politica è stata svuotata di ogni potere che invece è stato travasato sapientemente e nel silenzio più assoluto, nelle mani di organi sovranazionali, non eletti, che effettuano le reali decisioni. Si parla ovviamente di Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale, Organizzazione Mondiale per  il  Commercio,  Banche  Centrali,  per  non  parlare  del  recente  trattato  di  Lisbona  che  ha compiuto il travaso di potere iniziato con quello di Maastricht. Alla politica “nostrana” rimane solo la gestione dell’ordinaria amministrazione che ammonta sempre alla non ridicola cifra di circa 800 miliardi di euro all’anno, oltre la metà del PIL (che per il modo di essere conteggiato possiamo definire Prodotto di Infelicità Lordo), ma gli sono precluse tutte le decisioni importanti e determinanti per un paese, politica economica, monetaria, occupazionale ecc.


Le sovranità perdute
Questo  ci  porta  a  ragionare  su  quelle  che  sono  le  sovranità  perdute  e  che  nonostante  siano richiamate  nella  nostra  costituzione  ci  sono  state  sottratte  con  l’inganno  dai  vari  trattati internazionali e accordi, spesso segreti.

1 • La Sovranità Monetaria
2 • La Sovranità Politica
3 • La Sovranità Territoriale
4 • La Sovranità Alimentare
5 • La Sovranità della Salute


La Sovranità Monetaria
È  determinante  per  l’autonomia  di  uno  stato.  Il  denaro  come  abbiamo  visto  è  il  fulcro dell’organismo economico e deve essere riportato ad essere un mezzo che agevoli gli scambi e  non  uno  strumento  di  sopraffazione  e  schiavitù  occulta.  La  creazione  monetaria  non  deve essere più collegata all’indebitamento degli stati e dei privati e tutto quello che riguarda il mezzo
di scambio deve essere riportato nella sfera decisionale della collettività; una collettività però consapevole, attenta e in grado di controllare costantemente l’operato dei suoi rappresentanti.


La Sovranità Politica
È essenziale per gestire correttamente una comunità. Il politico deve essere colui che per le sue doti morali e professionali gestisce la cosa pubblica. Recuperare questa sovranità e la sua enorme responsabilità, implica un lavoro di revisione molto profondo sul significato di fare politica oggi e comporta anche una vera e propria rivoluzione delle coscienze degli elettori, nonché una conoscenza non superficiale di quali siano i meccanismi economici ed i riflessi che questi hanno nella vita di un paese.


La Sovranità Territoriale
È un punto molto delicato e importante. In passato e grazie ad accordi a tutt’oggi ancora coperti da segreto di stato, è stato possibile avere nella nostra penisola 113 basi militari americane e il movimento “No dal Molin” di Vicenza è il sintomo della voglia di riprendere i propri spazi e di liberarsi da questi vincoli imposti e antistorici.
Esiste  però  anche  un’altra  faccia  altrettanto  importante  che  riguarda  la  Sovranità  Territoriale ed è l’estrema cementificazione che fa scomparire ogni anno migliaia di ettari di terreno che sarebbero potuti essere destinati all’agricoltura e al verde; oppure la gestione di beni indisponibili perché dell’intera collettività come l’acqua.  Salvaguardare il territorio e le sue risorse è il primo indispensabile passo per ritornare in possesso di un’altra Sovranità irrinunciabile.

L’erosione  di  questa  importante  sovranità  avviene  anche  per  pratiche  apparentemente ecosostenibili come gli impianti per le energie rinnovabili. Citiamo questo caso perché dimostra come  il  sistema  si  insinua  anche  cambiando  forma  dimostrandosi  apparentemente  innocuo  e sostenibile, mentre invece continua la sua opera di distruzione.

Ci  sono  società  italiane  ed  estere  che  attirate  dai  lauti  guadagni  del  conto  energia  messo  a disposizione  dal  governo  per  agevolare  l’energia  solare,  fanno  incetta  di  terreni  agricoli  per impiantarvi  centrali  di  produzione  di  energia  solare.  Purtroppo  la  stessa  cosa  avviene  con  i 
mega impianti eolici e solari spuntati come funghi su tutta la penisola che purtroppo e troppo spesso fanno anche capo a multinazionali e malavita. Questa pratica è estremamente negativa e stravolge il concetto della sostenibilità delle energie rinnovabili per vari motivi: 

•  si sottraggono terreni all’agricoltura facendo leva su affitti certi per 20-25 anni e giocando sulla precarietà in cui versa oggi l’agricoltura. 

•  Si pagano affitti ai proprietari di poche migliaia di euro a fronte di introiti da milioni di euro che non verranno reinvestiti nel territorio, ma indirizzati a cercare altri lucruosi investimenti in giro per il mondo, quando non vanno nella speculazione finanziaria pura. L’energia prodotta ed i relativi introiti non rimanendo sul territorio non producono alcun vantaggio per la comunità.

•  Le  società  operano  un  drenaggio  di  risorse  di  tutta  la  comunità  considerando  che  le agevolazioni per le energie rinnovabili le paghiamo tutti noi.

La comunità deve chiedere che si privilegi l’autosufficienza energetica, che l’energia venga sfruttata sul territorio che l’ha prodotta e soprattutto che si eviti la speculazione in questo settore accettando solamente privati residenti o società che hanno i loro impianti produttivi nel territorio e negando l’autorizzazione qualora l’impianto venga installato in terreni destinati all’agricoltura.
La Sovranità Alimentare
Se noi siamo quello che mangiamo, oggi purtroppo non siamo certo lo specchio della salute. Molte delle  malattie  e  intolleranze,  in  fortissimo  aumento  in  questi  ultimi  anni,  è  scientificamente  provato che dipendono da un’alimentazione sbagliata e derivata dalla lavorazione industriale di materie prime che  sin  dall’origine  non  hanno  più  le  qualità  nutritive  del  passato.  L’industrializzazione  del  settore, le  colture  intensive,  l’impoverimento  e  l’inquinamento  dei  terreni  hanno  portato  i  prodotti  a  perdere progressivamente quell’energia di cui il nostro corpo ha bisogno continuamente. L’agricoltura di qualità è un bene irrinunciabile per tutti i popoli della terra, da cui discende direttamente l’ultima sovranità 
perduta.


La Sovranità della Salute 
La prima cura è una corretta alimentazione fatta con cibo di qualità. Molti studiosi oggi attribuiscono all’alimentazione una funzione importantissima per la cura e la prevenzione delle malattie.
Inutile ricordare come le multinazionali del farmaco siano anche i più grandi produttori di concimi chimici e che guadagnano cifre stratosferiche dalle nostre sofferenze. La salute e la malattia sono  anche  lo  specchio  del  nostro  benessere  interiore  e  della  nostra  armonia  con  la  natura, recuperare le sovranità che per diritto divino ci appartengono migliorerà anche  il nostro equilibrio psicofisico aiutato da una visione della nostra esistenza sempre più completa e integrata.
Ci  troviamo  quindi  oggi  in  una  condizione  di  estrema  dipendenza  e  debolezza  che  porta  intere popolazioni ad essere alla mercè di enti sovranazionali e di strutture che non hanno al centro l’uomo, ma la sopraffazione ed il profitto. Un mondo sfruttato e inquinato fino all’inverosimile che ha perso il buon senso e le sue radici a causa dell’irrazionalità del sistema che alcuni uomini hanno creato.

Probabilmente siamo prossimi al fondo del degrado che verrà toccato con la fine di questa crisi economica che durerà ancora per qualche anno e che porterà cambiamenti che ancora stentiamo ad immaginare, ma a cui è necessario prepararsi ricostruendo quanto è stato oggi distrutto. 



Continua la lettura sul File PDF - Scarica il File PDF

fonte via Mondart


Condividi su Facebook

9 commenti:

Anonimo ha detto...

E' tutto verità sacrosanta, ma purtroppo vedo una miriade di persone che dorme da una vita intera che non ha capito assolutamente niente di questo meccanismo infernale. Festeggiano che é arrivato Monti che "ci salverà" e non hanno capito che é il boia delle banche. Per svegliare il popolo bue servirà una botta di quelle mai viste!

Anonimo ha detto...

Ben detto...tutto questo è iniziato circa 70 anni fa. Facciamo il conto e scopriamo che è iniziato circa nel 1946...non perdonerò mai ad Adolf Hitler di aver perso la guerra e di averci abbandonato nelle grinfie di costoro.
Grazie, Alessandro

Anonimo ha detto...

B DI NOME E DI FATTO

Anonimo ha detto...

ho aperto gli occhi recentemente e, a posteriori, non è stata una grande idea..
tutto ciò è terrificante, come ne usciamo? temo non sia proprio possibile

Anonimo ha detto...

Giustissimo, sono daccordo anche con il commento su Hittler, crtedo che in origine il suo fine era quello di affrancarsi dalla dittatura economica staunitense. Ma credo che alla fine si sia fatto fregare sulla questione "Ebrei". E in ogni modo oggi noi tutti sulla terra siamo sotto schiaffo, per riprendersi o sarà vera la rinascita dei Maia o siamo spacciati. La trama è talmente bene ordita che ribellarsi è utopia.

francesco ha detto...

Interessante il finale del testo.
Ho scaricato il pdf e non finisce qui..c'è anche la soluzione su come venirne fuori.

Saluti,
Francesco

Anonimo ha detto...

sarò un utopista ma mi auguro che avvenga nelle coscienze delle persone "normali" un risveglio di consapevolezza di quanto sta accadendo e che si riesca a riequilibrare la situazione, perché le possibilità e le conoscenze ci sono, ma bisogna avere anche la volontà di farle valere.

Giulio PCM ha detto...

Pensare che ci sono cose che si potrebbero insegnare alle scuole elementari per evitare l'ottusità odierna nel capire cosa è importante per dirigere una nazione. Certo che invertire la rotta al punto in cui siamo non è cosa da bambini.

Anonimo ha detto...

Adol era una "loro" creatura, possibile che non riuscite a comprenderlo!!!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi