Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 16 gennaio 2012
Una recente sentenza della Commissione Tributaria di Parma, (sent. CTP di Parma n.15/07/10) stabilisce che Equitalia deve produrre in giudizio le cartelle: di seguito  l'avv. Sances di Milano - uno dei legali più stimati ed esperti d'Italia nell'ambito del mondo del diritto di diritto e dell'economia - ce la illustra, in modo ben comprensibile. La sentenza è visibile e scaricabile nella sezione documenti del sito web dello Studio Legale dell'Avvocato Sances, che ringraziamo per questa esaustiva illustrazione per i lettori di nocensura.com

EQUITALIA DEVE PRODURRE IN GIUDIZIO LE CARTELLE
In questi giorni si è fatto un gran parlare dei vizi di notifica delle cartelle esattoriali e dell’onere del concessionario della riscossione di provare la correttezza del suo operato (si veda  http://www.nocensura.com/2012/01/esclusivo-multe-e-notifiche-via.html).
Inoltre, in giro per il web (social network, blog e siti vari) ma anche su vari giornali sono emerse informazioni contrastanti in merito alla legittimità o meno della notifica delle cartelle (per posta o a mano).
Ciò che si è cercato invece di far comprendere nei giorni scorsi a tutti i contribuenti è che, indipendentemente dalle modalità di notifica delle cartelle, la questione più importante riguarda sicuramente che cosa il concessionario è tenuto a fare per provare la correttezza delle operazioni di notifica.

In pratica, se il contribuente si rivolge al giudice per chiedere l'annullamento delle cartelle perchè ritiene che non gli siano mai state notificate (tipico il caso del contribuente che si accorge di un debito tributario attraverso un'ipoteca iscritta da Equitalia sui suoi immobili, oppure quando riceve un fermo auto per una cartella mai pervenuta) cosa è tenuto a fare il concessionario? 
Ebbene, come chiarito dalle sentenze già citate nell'articolo sopra indicato, Equitalia deve produrre non solo la relata di notifica (in caso di consegna a mano) o la ricevuta di ritorno (in caso di notifica a mezzo posta) ma è tenuta a produrre anche copia della cartella esattoriale.
In merito, si segnala una ulteriore recente sentenza della Commissione Tributaria di Parma (sent. CTP di Parma n.15/07/10, liberamente visibile su www.studiolegalesances.it - sezione Documenti), la quale, oltre ad annullare delle intimazioni di pagamento per difetto di motivazione, chiarisce che "Del resto, anche volendo attribuire ... un'efficacia sanante dell'originario vizio di motivazione dell'atto impositivo ... non pare che l'ente convenuto abbia assolto nemmeno sotto questo profilo all'onere probatorio sullo stesso incombente non risultando allegate, alla memoria di costituzione, le cartelle di pagamento da cui traggono origine gli atti impugnati".
Tutto ciò, d'altronde, viene espressamente indicato anche dallo stesso legislatore nell'art. 26, comma 4, del DPR n.602/73.
Ci si augura, dunque, che anche questo breve intervento possa contribuire a rendere ogni contribuente più consapevole dei propri diritti.

Avv. Matteo Sances




Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi