Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 23 gennaio 2012
Il deputato leghista Fava insieme all'ex ministro Calderoli
Ma la Lega Nord non era all'opposizione?!? Ma quando gli fa comodo, evidentemente, non fatica molto a "tornare in combutta" con gli altri partiti, che di opporsi a questa misura non ne vogliono sapere. Tappare la bocca al web fa comodo a tutta la cricca: ormai la libera informazione dilaga, e per loro questo non è certo conveniente come possiamo immaginare... 

di seguito l'articolo sulla questione de "Il Fatto Quotidiano"



- - -


Il deputato del Carroccio Fava ha fatto approvare un emendamento alla Legge comunitaria: “qualunque soggetto interessato” e non più solo la magistratura, può chiedere ad un provider di “rimuovere contenuti online ritenuti illeciti dal richiedente”


Dopo il sequestro di Megaupload e la risposta di Anonymous, la “prima guerra digitale” è una hashtag caldissima su Twitter. Di “guerra” si parla perchè la chiusura del sito di condivisione  è stata vista da molti visto come una risposta repressiva alle proteste contro il Sopa, la legge americana che, con la scusa di combattere la pirateria online, mette di fatto il bavaglio al web. La questione ci riguarda da vicino, ora anche l’Italia entra in un clima d’allerta: è già in Parlamentoun’altro emendamento che potrebbe trasformarsi nell’ennesimo tentativo di imbrigliare la Rete anche a casa nostra.

Come segnalato dal giurista nostro blogger e vero “cane da guardia” delle libertà digitali, Guido Scorza, il deputato della Lega Nord Giovanni Fava ha presentato e fatto approvare un emendamento alla Legge comunitaria da lunedì all’esame della Camera.

Il provveidemento prevede che “qualunque soggetto interessato” e non più solo l’autorità giudiziaria o amministrativa, possa chiedere ad un fornitore di servizi Internet di rimuovere contenuti pubblicati online e ritenuti illeciti dal soggetto richiedente”. La questione suona tecnica, ma riguarda da vicino tantissimi siti.

Adesso un contenuto online può essere chiuso solo con un intervento di un magistrato. Se la nuova legge passasse alla Camera, chiunque ­- a cominciare naturalmente dai detentori di diritti – potrebbe rivolgersi ai provider per imporre una serrata di siti che contengono “contenuti illeciti” (una definizione tra l’altro molto vaga). Questo: 1) metterebbe a rischio ingolfamento il funzionamento di migliaia di siti, a cominciare da GoogleYouTubeFacebook, ecc.; 2)Metterebbe nelle mani dei detentori dei diritti (e non solo) uno strumento molto potente, che potrebbe prestarsi anche a censure arbitrarie; 3) annullerebbe  la direttiva europea sul commercio elettronico che prevede la “neutralità” dei provider e dei fornitori di servizi.

Per Scorza, la proposta leghista “ricalca, molto da vicino, il disegno di legge in discussione dinanzi al Congresso degli Stati Uniti che, nelle scorse ore, ha provocato il più grande e riuscito sciopero della storia del web. Il SOPA, in italiano, si scrive FAVA”.

Rilancia la sua denucia Libertiamo, l’associazione che fa capo a Benedetto Della Vedova che promette battaglia in Parlamento facendo sapere che presenterà un contro-emendamento per abrogare la “Sopa” italiana.



fonte


Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Grave gravissimo, l'ultima spiaggia di libera informazione rischia di essere spazzata via dall'oligarchica dittatura di pupazzi, e burattini, che popolano gli scranni del potere. Un potere che per assurdo e paradosso siamo noi poveri servi a dare loro. L'informazione è già tutta imbavagliata sia sulla carta che in tv. L'agghiacciane previsione Orwelliana si è fatta realtà. Giornalisti che come pappagalli ripetono parossisticamente la lezioncina imparata a memoria e vilmente con grave pregiudizio per la loro professione non hanno il coraggio e forse neanche i mezzi di uscire allo scoperto e raccontare tutta la verità. Essere oggi giornalista significa essere semplicemente un imbarazzante e vuoto portavoce del potere costituito. Ma il danno che invece procurano ale libertà e alle dignità dell'uomo sono incalcolabili. Questo grazie anche ad una colpevole, cieca e ottusa ignoranza di cittadini che leggono poco, e quel poco di informazione la apprendono solo dai media senza chiedersi criticamente se quella è la realtà oppure è la rappresentazione di essa rivista, corretta e strumentalizzata al solo scopo di guidarci come un gregge di pecore belanti.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi