Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 9 gennaio 2012

Gli stabilimenti della multinazionale in Swaziland arricchirebbero uno dei peggiori despoti del continente, Mswati III. Mentre la popolazione muore di fame.


La Coca-Cola è accusata di aiutare uno dei peggiori dittatori d'Africa. La multinazionale statunitense possiede infatti un impianto di produzione nello Swaziland, paese poverissimo, dominato da uno degli ultimi monarchi assoluti africani, Mswati III.

Poco tempo fa il dittatore si è recato al quartier generale della Coca-Cola ad Atlanta, negli Stati Uniti, provocando le forti proteste degli attivisti Swazi che lo accusano non rispettare i diritti umani e di depredare per fini personali la ricchezza della nazione.


Maria Pais Da Silva, coordinatore della campagna "Democracy Swaziland", ha chiesto alla Coca-Cola di andarsene immediatamente dal Paese africano. "Coca-Cola deve sapere che sta facendo affari con le persone sbagliate", ha detto. "I loro profitti non aiutano la popolazione Swazi, mentre il re è sempre più ricco di giorno in giorno". Ha aggiunto: "Questo dà la forza economica al re per schiacciare l'opposizione Nessuno dovrebbe fare affari con il regime nello Swaziland".

Mswati III ha 13 mogli e ogni anno organizza un ballo dove può scegliere una nuova sposa fra migliaia di vergini a seno nudo. Con una fortuna di circa 100 milioni di dollari governa uno dei paesi più poveri al mondo, con la maggior parte delle persone che vivono in povertà assoluta. I partiti politici sono vietate e gli attivisti sono regolarmente arrestati, imprigionati e torturati.

Coca-Cola afferma che Mswati III non riceve alcun utile o dividendo dal suo stabilimento in Swaziland, il suo più grande in Africa. Ma alcuni attivisti stimano che la Coca-Cola contribuisce fino al 40% del PIL del paese. La società ammette che non si può rendere conto di come il governo Swazi usi i soldi che paga in tasse.

Coca-Cola, che dichiara di aderire ai "più alti standard etici", ha aperto i suoi stabilimenti in Swaziland nel 1987, dopo aver lasciato il Sudafrica dell'apartheid. Sherree Shereni, portavoce della Coca-Cola franchising Africa, ha detto: "Il re Mswati III non riceve alcun utile o dividendo dalle coltivazioni di canna da zucchero utilizzate da Coca-Cola in Swaziland".

Shereni aggiunge: "Coca-Cola non entra in nessun programma politico di nessun paese in cui opera. La reputazione della Coca-Cola è costruita sulla qualità dei propri marchi, i più alti standard di fabbricazione, il benessere e la sicurezza dei propri dipendenti, e il rispetto delle leggi locali e internazionali ".


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi