Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 18 dicembre 2011
«Nelle prigioni Usa chiusi 2.500 ragazzini»


Negli Stati Uniti i minori di 18 anni non hanno il diritto di votare, comprare una bibita alcolica o i biglietti della lotteria ma in compenso sono abbastanza grandi da essere condannati al carcere a vita senza alcuna possibilità di libertà condizionale. Sono almeno 2.500 i ragazzini, anche di soli 11 anni, attualmente rinchiusi nelle carceri americane. Lo rivela un rapporto di Amnesty International, pubblicato oggi, dal titolo Ecco dove sarò quando morirò in cui si raccontano le storie emblematiche di tre persone: Jacqueline Montanez, David Young e Christi Cheramie. Gli Stati Uniti sono l'unico Paese al mondo, insieme alla Somalia, a non aver ratificato la Convenzione Nazionale per i diritti del bambino, in vigore da circa 20 anni, che proibisce espressamente l'ergastolo per i minorenni. Ora Amnesty International chiede al governo americano di allinearsi alla legge internazionale.


«Non vogliamo giustificare i crimini commessi dai bambini o minimizzare le loro conseguenze — ha spiegato l'attivista Natacha Mension — ma la realtà è che queste sentenze ignorano le grandi potenzialità di riabilitazione che un giovane criminale può avere». È il caso di Christi Cheramie che è chiusa in un carcere della Louisiana dal 1994 per un omicidio di secondo grado commesso insieme al suo fidanzato quando aveva 16 anni. Giudicata come un'adulta la ragazzina poco prima del processo si dichiarò colpevole per evitare la condanna a morte. Nessuno tenne conto del suo stato mentale, degli abusi subiti da bambina, dei suoi due tentativi di suicidio. Oggi, comunque, Christie si sente un'altra persona. In carcere ha studiato e ora insegna alle altre detenute. «Spero — dice in un video — di avere una seconda chance». Proprio oggi Cheramie presenterà domanda di clemenza. Amnesty spera che sia accolta. Per lei e tutti gli altri come lei.

da "Corriere della Sera"


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi