Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 17 novembre 2011


Moltissimi blog e le redazioni web dei giornali di tutto il mondo, in queste ore stanno rimuovendo dal proprio sito la foto del Papa che scambia un bacio con l'Imam: e c'è da capirli, visto che il Vaticano ha annunciato QUERELE per chiunque le diffonderà. L'edizione serale del TG1 ha parlato della questione, dando risalto all'ira funesta del Vaticano senza mostrare la foto incriminata, tuttavia la foto è ancora presente su molti siti, e in diverse versioni su "Google Immagini". Leggendo le varie reazioni su forum, gruppi e pagine Facebook, sono in molti ad accostare la vicenda allo scandalo pedofilia che ha investito la Chiesa Cattolica: una reazione quasi naturale, di fronte alla "tolleranza zero" degli alti prelati. E qualcuno l'ha impostata persino come "foto del profilo": li denunceranno tutti?

staff nocensura.com


Condividi su Facebook

1 commenti:

Uniroma.tv ha detto...

La protesta vaticana contro la campagna pubblicitaria della Benetton innesca reazioni a catena tra casa bianca, Francia e Germania. Delle sei immagini pubblicate ben sei sono state ritirate perché protesta fortemente.http://www.uniroma.tv/?id=19985

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi