Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 23 novembre 2011
“Nei prossimi giorni i vertici dell’Ares, l’agenzia regionale sanitaria, dovranno tornare in Commissione con una relazione scritta sulla situazione delle consulenze ‘d’oro’ e della gestione del personale e una puntuale ricognizione delle attività svolte.

 Intanto, però, emerge ogni giorno di più che tutte le Agenzie regionali e gli assessorati, fanno man bassa di dirigenti, consulenti, dipendenti assunti dall’esterno, senza alcun controllo sui numeri e sui costi e, soprattutto, in barba ai circa 600 dipendenti regionali retrocessi per cui a parole tutti dicono di voler trovare una soluzione, ma nei fatti vengono abbandonati a se stessi”.

Lo sostiene in una nota il capogruppo del Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese, che aggiunge: “Mentre la Puglia è nuovamente finita su Striscia la Notizia per la decisione della Giunta regionale di bandire concorsi per 29 nuovi dirigenti e siamo ancora in attesa di sapere cosa ne pensi il Presidente Vendola, ogni giorno scopriamo che le Agenzie regionali, da Pugliapromozione all’Arem, dall’Ares e all’Arif, dall’Arti all’Arpa, continuano a pubblicare bandi per reclutare personale dall’esterno, senza che via sia un controllo sulle spese che questo comporta e senza il minimo ritegno per le tasche dei cittadini. E c’è addirittura qualche assessore che pensa di costituirne di nuove! Crediamo sia arrivato il momento per la Regione Puglia, di fare una seria ricognizione di ciò che avviene in queste Agenzie e di quanto e quale personale (e come) viene assunto dall’esterno, mentre gli oltre 600 dipendenti regionali retrocessi stanno a guardare, abbandonati a se stessi e costretti a ricorrere al Giudice del Lavoro per far valere i propri diritti”.

“Non sarebbe meglio – conclude Palese – se, nelle more delle definizioni di questi ricorsi, la Regione Puglia smettesse quantomeno di continuare ad assumere dall’esterno? E non sarebbe ora che tutti gli assessorati e tutte le Agenzie regionali tirassero fuori finalmente i numeri, i costi e le modalità delle centinaia di assunzioni e consulenze?”.


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi