Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 22 novembre 2011
Vendola deve decidersi. Deve dire chiaramente se sta dalla parte degli "indignados" e di coloro che il 15 Ottobre protestavano contro lo strapotere delle banche, l'ingiustizia del sistema economico e finanziariooppure se sta dalla loro parte, inginocchiandosi al cospetto di Monti, uomo forte della commissione trilaterale (di cui è Presidente), partecipante al bilderberg group (vedi http://bit.ly/rUfc1O) uomo di Goldman Sachs  e advisor (consigliere) di altre lobby, come la coca-cola company, che ha fatto dei disastri ambientali di dimensioni assurde (vedi la condanna a risarcire l'Inda con 350 milioni http://bit.ly/vRRBga).

La risposta non arriverà mai, lo sappiamo bene. Ma ognuno di noi potrà trarre le proprie conclusioni da un'analisi nemmeno troppo approfondita del suo operato.

Il suo "compito" nelle file della coalizione di centrosinistra, sembra esser quello di catalizzare le simpatie di quella parte di elettorato "radicale" che non voterebbe mai il partito democratico, rendendoli "funzionali" al PD, che tramite Renzi e altri sembra intenzionato a fare "proseliti" tra l'elettorato cattolico e "moderato", e perché no, strappare qualche voto al centrodestra. Il partito di Vendola infatti, nella maggioranza dei casi si "appiattisce" sulle loro posizioni; a livello nazionale e ancor di più, a livello locale. Non c'era bisogno di Mr. Bilderberg per capire il "giochino". In provincia di Pisa SEL alle ultime elezioni si è presentato come "La sinistra per Pisa", un simbolo "rosso fiammante" che probabilmente induceva gli elettori a pensare di trovarsi di fronte ad un partito che ha ben poco in comune con il PD: salvo poi avvallare in Consiglio provinciale tutte le decisioni della maggiornza, controllata dal Pd.  L'unica cosa che cambia tra votare PD e SEL pertanto è il nome del candidato: il programma è lo stesso.

staff nocensura.com

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi