Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 10 novembre 2011
Avete mai pensato di fingere di essere separati per pagare meno tasse? Anche se può sembrare assurdo é quello che succede in Italia: sono sempre più i coniugi che, per pagare meno tasse, decidono di percorrere la strada della falsa separazione matrimoniale. Una famiglia monoreddito puo’ cosi’ realizzare una sorta di quoziente familiare ‘fai da te’, e risparmiare in termini di Irpef, si può per esempio trasformare una seconda casa in ‘abitazione principale’ con ulteriori sconti fiscali.
Nel sottile gioco tra detrazioni c’è la necessità di dare un taglio ai costi nella vita quotidiana, utilizzando questi metodi “poco ortodossi”.
Vi sono coppie che si dividono sulla carta per pagare meno Irpef – sostiene l’Associazione per la legalità e l'equità fiscale (Lef) – ma anche coppie che vivono insieme, ma non si uniscono in matrimonio per non perdere vantaggi fiscali o comunque legati ai servizi sociali.
Si profila quindi la necessità di trovare una soluzione che permetta di arginare questo fenomeno proprio in virtù della tanto decantata lotta all’evasione fiscale così da essere equi con tutte le altre famiglie che, invece, pagano regolarmente le tasse senza ricorrere a passacondotti. In Italia si separa una coppia su quattro, e il dato continua a crescere nel tempo: non é facile comprendere quante di queste separazioni siano finte solo per pagare meno tasse e sottrarsi ai doveri del fisco.
Secondo i dati Istat nel 2008 le separazioni sono state 84.165 (+3,4% rispetto al 2007) e i divorzi 54.351 (+7,3%). Si notano differenza a livello regionale: si va da un valore minimo di 186,3 separazioni per mille matrimoni che caratterizza il Sud, dove sembra che le famiglie “tengano” di più a un massimo osservato nel Nord-ovest con 363,3. L’eta’ media alla separazione e’ 45 anni per i mariti e 41 per le mogli e il tipo di separazione scelta e’ quella consensuale: l’86,3% delle separazioni nel 2008 e il 77,3% dei divorzi.



fonte

Condividi su Facebook

2 commenti:

Leonardo ha detto...

Mi pare improbabile, basta un regime in separazione dei beni per avere lo stesso status fiscale... fantascienza chi mette in giro ste cose.

Anonimo ha detto...

anche molti pensionati ricorrono alla separazione per salvare la loro pensioncina dalla scure del cumulo,che li penalizzerebbe nell'età in cui sono piu' vulnerabili,e coi tempi che corrono come condannarli dal momento che troppo spesso devono supportare anche le famiglie dei loro figli?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi