Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta esteri governo economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi infanzia animali chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola eurocrati immigrazione facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria germania parentopoli Grecia siria banchieri mario monti inquinamento enrico letta marijuana vaccini big pharma napolitano nwo obama Traditori al governo? agricoltura ogm Angela Merkel austerity sondaggio tecnologia bambini canapa cancro meritocrazia umberto veronesi vaticano armi fini suicidi BCE PD equitalia terrorismo clinica degli orrori nucleare privacy video prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo elezioni evasione fisco magdi allam moneta pedofilia troika usura FBI africa francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato m5s mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera Unione Europea aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne casaleggio chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 11 novembre 2011
La zona euro si prepara alla rottura
Uscire dall'euro non è una scelta. I paesi deboli ne verranno cacciati. Un articolo dal Guardian di oggi chiarisce come Francia e Germania stiano lavorando - non da oggi - a un progetto di divisione, sfruttando l'andamento della crisi. Mentre la Grecia obbliga tutti e gestire un default.
Due articoli in solo giorno chiariscono costa sta accadendo intorno e dentro alla zona euro. Sia ilGuardian che il Financial Times affrontano il problema, ma da due angoli visuali leggermente diversi. 
Crisi del debito europeo fuori controllo
Girano rapporti sul fatto che Germania e Francia hanno avviato colloqui per rompere la zona euro nel timore che l'Italia sia troppo grande per essere salvata.
I timori che la crisi del debito sovrano in Europa sia ormai fuori controllo si sono intensificati per il caos politico di Atene e Roma, e l'incombente recessione, che hanno creato il panico sui mercati mondiali.
Rapporti che emergono da Bruxelles rifertiscono che Germania e Francia avevano già avviato colloqui preliminari per un break-up della zona euro, nel timore che l'Italia sarebbe troppo grande per salvare.
Nonostante l'annuncio delle dimissioni di Silvio Berlusconi, una volta approvate le misure di austerità spinto dal parlamento, un crollo della fiducia degli investitori nella zona euro ha fatto salire i tassi di interesse della terza più grande economia europea ai livelli che in precedenza avevano costretto ad attivare i salvataggi in Portogallo, Grecia e Irlanda.
I rendimenti dei titoli italiani sono salito oltre la soglia critica del 7%, raggiungendo ad un certo punto il 7,5%,
a causa della preoccupazione che il deteriorarsi della situazione possa spigere la crisi in una nuova fase pericolosa.
I colloqui di Atene per nominare un primo ministro che sostituisce George Papandreou sono in stallo, e riprenderanno solo la mattina di giovedì. Il presidente italiano, Giorgio Napolitano, ha cercato di rassicurare i mercati promettendo che Berlusconi sarebbe stato costretto a lasciare l'incarico al più presto.
Angela Merkel, il cancelliere tedesco, ha detto che la situazione era diventata "sgradevole", e ha chiesto ai membri della zona euro per accelerare i piani per una integrazione politica più stretta. "E' tempo di una svolta per una nuova Europa," ha detto. "Il mondo sta cambiando molto rapidamente, dobbiamo essere pronti a rispondere alle sfide. Che significa più Europa, non meno Europa ".

Il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, ha diramato un nuovo invito all'UE ad "unirsi o affrontare l'irrilevanza" di fronte alla crescente crisi economica in Italia. "Stiamo assistendo a cambiamenti fondamentali per l'ordine economico e geopolitico, che mi hanno convinto che l'Europa ha bisogno di progredire insieme o rischia la frammentazione. L'Europa deve trasformarsi o sarà declino. Siamo in un momento decisivo, in cui o ci si unisce o si diventa irrilevanti".
Si dice inoltre che esponenti delle istituzioni a Parigi, Berlino e Bruxelles abbiano discusso la possibilità di uno o più paesi possano lasciare la zona euro, mentre il nucleo restante potrebbe avviarsi verso una maggiore integrazione economica, anche per quanto riguarda le tasse e la politica fiscale.
"Francia e Germania hanno avuto intense consultazioni su questo tema negli ultimi mesi, a tutti i livelli", ha detto alla Reuters un alto funzionario UE a Bruxelles, parlando a condizione di anonimato a causa della sensibilità delle discussioni.
I regolatori finanziari in Europa sono stati la scorsa notte impegnati in un attento monitoraggio dello stato di salute delle loro banche pesantemente esposte, preoccupati che le turbolenze potrebbero portare ad un default del debito o addirittura alla rottura della moneta unica.
George Osborne, appena tre settimane dopo aver consegnato la sua dichiarazione d'autunno sullo stato di salute dell'economia, ritiene che i problemi dell'Europa stiano compromettendo le prospettive di crescita del Regno Unito, ma utilizzerà la svendita dei titoli italiani per insistere sul fatto che non c'è alternativa ai suoi piani di austerità.
Nick Clegg, il vice primo ministro, ha trascorso la giornata di mercoledì a Bruxelles sollecitando il presidente del Consiglio, Herman Van Rompuy, e un gruppo di commissari Ue a concentrarsi sulla crescita, non su possibili variazioni per nuovo trattato, avvertendo che se l'Europa non diventa più competitiva andrà a finire in una spirale di declino perenne. Sia lui che David Cameron stanno pressando chi sta lavorando per l'integrazione europea a riconoscere che nei prossimi mesi i cambiamenti Trattato UE sarebbero una distrazione di massa e nessuna cura per la sottostante crisi economica. Ha sottolineato inoltre che sarebbero necessari referendum in almeno quattro paesi.
L'ultimo capitolo della crisi del debito sovrano è arrivato dal direttivo della Banca d'Inghilterra, in occasione della riunione mensile di due giorni per discutere sul livello del tasso di interesse. Il Comitato di politica monetaria ha annunciato di aver effettuato il mese scorso interventi di quantitative easing per 75 miliardi di sterline, nel tentativo di evitare una recessione.
Analisti della City ritengono che la rinnovato turbolenza nella zona euro sta portando ad una profonda recessione in Europa. "E' inevitabile che ci sarà una contrazione vera e propria nel quarto trimestre di quest'anno, e con una probabilità del 60% -70% un altro calo del primo trimestre del prossimo”, ha detto Nick Parsons, strategist della Australia National Bank.

*****
Il default "dentro" la zona euro è l'unica vera opzione della Grecia
E' stata una possibilità temuta, ma non detta - fino alla settimana scorsa. Improvvisamente un'uscita greca dall'euro era sul tavolo. "Sei dentro o sei fuori?". Molti europei non se sono più preoccupati. Dovrebbero. I loro leader lo sono. Ecco perché.
La Grecia deve ristrutturare. Può farlo "entro l'euro", o può farlo "fuori dall'euro". La differenza è cruciale. Se hai già capito la distinzione, puoi smettere di leggere. In caso contrario, si potrebbe presto desiderare di saperla. Ecco qui come un'uscita della Grecia dalla zona euro potrebbe funzionare:
1: Il governo greco decide di uscire. Le voci iniziano a circolare. I cittadini greci ritirano i loro depositi in euro mentre sono ancora euro, non dracme; i rifornimenti di banconote vanno sul breve periodo, le imprese spostano i loro bilanci in euro all'estero. Istituti di credito esteri annullano le linee di credito per le imprese greche. Le banche chiudono i battenti.
2. A seguito di una riunione d'emergenza, il governo annuncia la nuova dracma. Sono imposti controlli sui capitali e pattuglie di frontiera vengono inviate a farli rispettare. Il debito del settore pubblico è ridenominato in valuta locale. Il valore della dracma precipita. In Grecia vola l'inflazione.
3. Le tensioni si spostano sul debito del settore privato (ad esempio, un prestito di una banca tedesca alla filiale greca di una multinazionale come la BMW). Questa obbligazione è ancora un prestito in euro o bisogna ridenominarla in dracme? Se si tratta di un prestito in dracme, allora la banca tedesca ha un problema - un bene-dracma vale una frazione del suo valore di libro in euro. Se, invece, l'obbligo rimane in euro, allora sia la banca che la compagnia hanno lo stesso problema di un mutuatario greco che ha ora un mutuo in euro che deve ripagare con una dracma svalutata.
4. Inizia il contagio. I cittadini portoghesi temono che potrebbe accadere lì. I depositanti portoghesi cominciano a ritirarsi per paura che gli euro diventeranno presto scudi. Aziende in Portogallo trasferiscono i fondi all'estero per precauzione. Le banche chiudono. Rapidamente, scene simili si verificano in Irlanda, con echi altrove attraverso il Mediterraneo. Le banche chiudono i rapporti con le loro controparti “periferiche”.
5. La confusione monta sulla grandezza dell'esposizione delle banche europee verso il settore privato della periferia. Il trading con e tra le banche europee si ferma. I titoli bancari sprofondano e aumentano i beni rifugio. In risposta a flussi di capitale verso l'interno, la Svizzera impone tassi di interesse negativi punitivi sui depositi dei non residenti.
6. I prestiti bancari si fermano in tutta l'UE. Si ferma l'attività economica.
Potrei andare avanti ma avete il quadro. Non è una bella immagine. Vorrei solo aggiungere il fatto che l'esposizione bancaria europea verso il settore privato (aziende e famiglie) delle aree "periferiche" è un multiplo di quella del settore pubblico (debito pubblico) della zona. Questi numeri non sono segreti. Sono apparsi sul Financial Times.
I rischi connessi sono quelli che si chiamavano “rischi transfrontalieri” - un termine ben noto ai banchieri americani di una certa età, che una volta hanno incautamente prestato dollari e pesos messicani al settore pubblico e privato - solo per scoprire che il rischio sovrano ha coinvolto non solo il rischio che “il sovrano” potrebbe non pagare, ma che anche il settore privato potrebbe essere impedito di farlo da variazioni di legge o di valuta.
Le banche in Europa possono essere perdonate per questo errore. L'avvento della zona euro è stato doveva abolire il concetto di rischio transfrontaliero, n'est-ce pas? Un prestito di una banca di Monaco alla BMW Atene non diventava ora simile al prestito di una bancario di New York alla General Motors di San Francisco? Questa era l'idea. Così sembrava, giusto? E' così, se la zona euro si blocca tutta insieme.
Un certo numero di alti funzionari hanno capito subito. Altri hanno preso tempo per le implicazioni di affondare in - così l'attenzione di tutti si è concentrata sulle esposizioni legate ai bond sovrani. Questo spiega il passaggio lento, ma prevedibile, nella retorica: da nessun default a "default ordinato", dal default a un "default all'interno dell'area dell'euro" e, più recentemente, "noi difenderemo l'euro a tutti i costi".
Sì, la leadership europea ha colto i dettagli cruenti. Devono ora condividerli con i loro elettori. I popoli del nord Europa devono capire che i loro interessi non consistono nel buttare fuori i greci, ma nel mantenerli dentro.
E referendum o no, il governo greco deve spiegare le conseguenze che una uscita dall'euro avrebbe per l'economia greca e i suoi cittadini. Un default della Grecia all'interno dell'area dell'euro è gestibile e sarà gestito. Un default della Grecia fuori dall'euro comporta rischi per un diverso ordine di grandezza.
Questo problema è stato l'elefante nella stanza - visibile per tutti coloro che si fossero preoccupati di guardare. Per molto tempo nessuno se n'è preoccupato. Nessuno voleva. Ora si deve.
Robert Jenkins è un membro esterno ad interim del comitato politica finanziaria della Banca d'Inghilterra. Scrive a titolo personale

Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

In quale IDEOLOGIA ti riconosci di più?

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi