Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 21 novembre 2011
  • Torna l'ICI 
  • aumenta l'IVA (che recentemente era stata elevata al 21%) 
  • Aumento delle accise (aumenterà ancora la benzina: e dal 1° Gennaio scatta gli aumenti stabiliti tra Tremonti)
Queste le misure sulla quale dovrebbe basarsi la riforma del fisco di Monti: Ma non doveva pagare chi fino ad oggi non lo ha fatto? A giudicare dall'esordio non si direbbe. La nuova ricetta di Monti assomiglia moltissimo a quelle vecchie. C'è bisogno di un super-economista per queste misure?


Inoltre c'è il "regalino" alle banche: che poi tanto "regalino" non è. Con la scusa della lotta all'evasione, l'attuale soglia per i pagamenti contanti delle transazioni da 2500 euro scenderebbe a 300 euro. Milioni di transazioni che fino ad oggi era possibile effettuare in contanti, dovranno passare dalle banche, mediante assegni o carte di credito: con relative commissioni. Le banche hanno un ruolo sempre più centrale. Niente di inaspettato: i molti uomini di Goldman Sachs che sono ai posti di governo in USA, "governano" così: lo dimostra inequivocabilmente il documentario di Micheal Moore: http://www.nocensura.com/2011/11/guardate-il-documentario-di-micheal.html


staff nocensura.com


----
Più Ici e Iva,
meno Irpef e Irap. La riforma del fisco di Monti si ispira a questo principio: aumentare le tasse sui beni, ridurre quelle sulle persone. E parte proprio da qui, dal fisco, l'intervento del nuovo premier. In un secondo tempo metterà mano a riforma delle pensioni e del lavoro. Sarà reintrodotta l'Ici, la tassa sugli immobili che sarà aumentata sulla base di una revisione degli estimi catastali.  Sono pronte l'aumento di un punto delle aliquote Iva del 10 e del 21% (6 miliardi) e delle accise (4 miliardi). Il decreto legge sarà approvato nella prima decade di dicembre, dop la riunione Ecofin del 29 novembre. Le norme sarebbero operative dai primi mesi del 2012. 


L'obiettivo della riforma fiscale è anche quello di alleggerire il carico fiscale sul lavoro. Operazione che riguarda sia i lavoratori che le imrpese: per quanto riguarda l'Irpef è possibile una riduzione della aliquota, per quanto riguarda l'Irap potrebbe essere eslcusa dalla base imponibile la compenente costo del lavoro. Si interverrà anche sull'uso del contante nelle transazioni: l'attuale soglia di 2500 scenderebbe fino ai 300 euro. Con la prossima dichiarazione dei redditi scatterebbe invece l'obbligo di inserire accanto ai dati sui redditi anche altri elementi di natura patrimoniale come immobili o titoli.


fonte


Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

ma ke bello...così oltre a pagare le tasse sullo stipendio e il mutuo x 30 anni riavremo anche l' ici...cambia l'orchestra ma la musica è sempre quella...e la patrimoniale?..ah..quella no..non solo..ogni assegno 6 euro di commissione..io il conto in banca lo chiuderò..voglio vedere se mi obbligano ad avere il libretto degli assegni..oltretutto posso fare bancomat e pagare come mi pare..sono degli idioti..prelevo 2 volte 150 euro ed il gioco è fatto..CHE SOLUZIONI DEMENZIALIII

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi