Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 10 ottobre 2011
L'assessore con delega alle Risorse umane Bisconti incontrerà lavoratori a tempo determinato e parti sociali in due tavoli, ma nel frattempo crescono rabbia e delusione. In un dossier, il coordinamento denuncia: "Mentre Pisapia ci lascia a casa assume 43 consulenti a nomina diretta"


Dopo mesi di silenzio e disoccupazione, sul fronte dei precari del Comune di Milano qualcosa comincia a muoversi. I lavoratori lunedì pomeriggio incontreranno l’assessore con delega alle Risorse umane Chiara Bisconti mentre martedì è in programma un vertice con Comune e parti sociali. Ma, per stessa ammissione dell’esponente della giunta Pisapia, sull’argomento si naviga ancora a vista. Non si conosce nemmeno il numero esatto delle persone che, a vario titolo, lavorano a tempo determinato per l’amministrazione milanese. Né Palazzo Marino, né la Cgil e nemmeno il coordinamento dei lavoratori precari. Eppure fra personale amministrativo, educatori e docenti si stima che siano circa settecento (alcuni anche con dieci anni di precariato), un numero che si è ridotto costantemente a partire dal gennaio 2011, quando molti di loro sono stati lasciati a casa. Ma, anche su questo argomento, cifre esatte non ce ne sono.

“Non solo non possiamo assumere i precari, ma ci troviamo anche nella situazione paradossale di dover fronteggiare le carenze d’organico”, rivela Bisconti che ha ricevuto dal sindaco la delega alle Risorse umane solo lo scorso 16 settembre: “Infatti sto ancora studiando la situazione e i due incontri in programma mi aiuteranno ad avere una mappatura, primo gradino per provare a risolvere il problema”. In attesa di trovare una soluzione che possa salvaguardare l’occupazione, l’amministrazione sta facendo lavorare interinali e cooperative al posto dei tempi determinati. “Siamo obbligati – si difende Bisconti – perché questo è l’unico modo per garantire i servizi ai cittadini e per fare lavorare almeno un po’ di persone che sono state lasciate a casa”.


Nel frattempo sul fronte precario montano rabbia e delusione. “Siamo stati traditi dall’attuale giunta – attacca una lavoratrice che chiede di rimanere anonima – Le promesse di cambiamento della campagna elettorale per il momento sono rimaste lettera morta”. Il coordinamento che si occupa di loro ha prodotto un dossier in cui denuncia come, a fianco dei tagli in organico, Palazzo Marino abbia assunto 43 collaboratori esterni che costeranno alle casse (vuote) del Comune la bellezza di 2,2 milioni di euro all’anno. “Mentre la giunta ci lascia a casa – accusa Carmen, una delle animatrici del coordinamento – assume con contratti più che generosi raccomandati e ‘famigli’ del sindaco e degli assessori”. Nel decidere queste nomine, accusano i precari, non si è tenuto minimamente conto delle risorse interne che erano già a disposizione dell’amministrazione. “La giunta non ha svolto nessuna indagine conoscitiva – denunciano nel dossier – nessun colloquio fra i 15mila dipendenti a tempo indeterminato e fra le centinaia di precari che da anni garantiscono la copertura dei servizi, preferendo assumere collaboratori esterni a chiamata diretta”, mediante l’ex articolo 90. “Alla faccia dei video-messaggi di Corritore (direttore generale del Comune, ndr) nei quali, solo a luglio, dichiarava di voler valorizzare le risorse interne dell’amministrazione”, dice sarcasticamente Carmen sottolineando come tutte le nomine ad personam siano paradossalmente partite pochi giorni dopo quell’annuncio.

Ma il j’accuse sulle assunzioni degli ex articoli 90 non convince tutti. “Hanno sbagliato obiettivo – dice Tatiana Cazzaniga della Cgil Funzione pubblica – perché i nemici del loro futuro sono altri: il collegato lavoro, l’articolo 8 della Finanziaria e il Patto di stabilità che decreta il blocco delle assunzioni”. Eppure questa estate era stata la stessa Cgil che in un comunicato aveva evidenziato la disparità del trattamento economico fra i contratti degli ex articoli 90 e gli altri dipendenti, uno “squilibrio intollerabile per i dipendenti comunali di pari livello”.

Da parte dell’amministrazione fanno sapere che lavoratori a tempo determinato e consulenti sono settori che viaggiano su binari e capitoli di spesa diversi, però garantiscono che faranno il possibile per risolvere il problema. “Dagli incontri dei prossimi giorni usciremo sicuramente con una road map per sistemare la situazione”, assicura il capo delle Relazioni esterne che si appresta a incontrare precari e rappresentanze sindacali. Nel frattempo però proseguono le cause che, a partire da gennaio (quando è entrato in vigore il collegato lavoro), i lavoratori hanno fatto al Comune per vedersi riconosciuto un contratto a tempo indeterminato. L’amministrazione potrebbe andare verso una conciliazione? “E’ presto per dirlo – risponde Bisconti – ma stiamo valutando tutte le soluzioni per trovare una via d’uscita”. Anche dal fronte precario fanno sapere di essere più che disponibili ad accettare soluzioni creative: “Come la certezza di avere almeno sei mesi di retribuzione in un anno, in modo che nei momenti di non lavoro si possa accedere alla disoccupazione”.

Il punto però è sempre quello. Il buco di bilancio (si parla di 350 milioni) con cui Milano sforerà il Patto di stabilità che decreterà il blocco delle assunzioni. E, se la giunta non interviene, ancora una volta a farne le spese sarà l’anello più debole: i precari.



fonte


Articolo interessante? Segnalalo ai tuoi amici su Facebook cliccando "like"!



Oppure condividilo sulla tua bacheca!
Condividi su Facebook

1 commenti:

R&R ha detto...

io sono il primo a dire che l'italia sta andando malissimo, berlusconi deve dimettersi e abbiamo bisogno di un cambiamento netto. per questo vivo e studio all'estero dove vedo un futuro molto piu' roseo per me. in ogni modo volevo fare una critica: nocensura critica tutto e tutti, il pdl e berlusoni, il pd, praticamente tutta la politica, adesso state criticando pisapia che poveretto ha appena assunto l'incarico e non e' dotato di bacchetta magica (anche perche' non ci sono risorse, siamo in periodo di crisi!). io penso che va bene criticare pero' dal vostro punto di vista non c'e' una cosa che vada bene. andate voi a governare se siete tanto bravi ed in ogni modo, questo paese ha bisogno di dare fiducia a qualcuno, io penso che persone come bersani, franceschini, pisapia etc..sono persone oneste, che lavorano facendo gli interessi del paese (molto di piu' di quanto stia facendo Berlusconi ovvero 0); eppure avete buttato m. su tutti, a partire da bersani per una questione di anni fa. Ripeto che vi stimo perche' state facendo un ottimo lavoro in termini di informazioni, pero' gli italiani hanno bisogno di trovare un punto di riferimento e dal mio punto di vista leggendo nocensura.com sembra che le due uniche soluzioni rimaste siano: 1) andarsene da questo paese di m (che e' la verita') 2) fare la rivoluzione tipo libia egitto...

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi