Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 3 ottobre 2011

Malasanita': si indaga su 276 morti Errori, disservizi e altre inefficienze: non e' facile la vita dei pazienti italiani, soprattutto se residenti al Sud. Nel nostro Paese, in media, ogni settimana si contano 4 casi di presunta malasanita' che finiscono sotto la lente d'ingrandimento della Commissione errori. In pratica uno ogni due giorni. E non sono tutti i casi, ma solo quelli di cui si occupa la Commissione parlamentare. In poco meno di due anni, dal primo ufficio di presidenza di fine aprile 2009 al 7 aprile 2011, sono 409 i casi all'esame.



Episodi di presunta malasanità, che in 276 casi hanno fatto registrare la morte del paziente, o per errore diretto del personale medico e sanitario, o per disservizi e carenze strutturali. Ben 276 vittime di cui 126, praticamente il 45%, concentrate in due sole regioni: Calabria (70) e Sicilia (56). E' quanto emerge dall'analisi dei casi di malasanità all'esame della Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori in campo sanitario e i disavanzi sanitari regionali.  Analizzando la tabella si nota come su 409 casi all'esame della Commissione, ben 89 si sono verificati in Calabria, 81 in Sicilia, 37 nel Lazio, 29 in Puglia, 26 in Campania e Lombardia, 23 in Toscana ed Emilia Romagna, 20 in Liguria, 17 in Veneto, 9 in Piemonte, 7 in Valle D'Aosta, 5 in Abruzzo, 4 in Umbria, 3 in Basilicata e Friuli Venezia Giulia, 2 in Sardegna, Marche e Molise, 1 in Trentino Alto Adige.
Anche per quanto riguarda i decessi, a finire sul podio più alto di questa triste classifica è la Calabria. Tra gli episodi all'esame della Commissione errori, i morti legati a presunti casi di malasanità - che sono tali finché la magistratura non accerta le eventuali responsabilità - in terra calabrese sono stati 70. Tanti i decessi anche in Sicilia: 56. Seguono Lazio (24 morti), Campania (20), Puglia (19), Emilia Romagna (15), Liguria (14), Toscana (12), Lombardia (10), Veneto (9), Valle D'Aosta (7), Abruzzo (5), Piemonte (4), Umbria (3), Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Basilicata (2), Molise e Trentino Alto Adige (1). Scorrendo le tabelle della Commissione, su un totale di 409 casi di presunta malasanità, 282 riguardano sospetti errori da parte dei medici e del personale sanitario. Errori che potrebbero aver causato 185 decessi.

fonte: Adnkronos
Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Dobbiamo aggiungere che non vi sono solo i morti nella mala sanità, ma vi sono anche quelli operati più volte per riparare agli errori.
E' il caso di mia moglie operata in chirurgia d'urgenza al San Camillo di Roma per una colecisti in laparoscopia le hanno causato un infarto ischemico al fegato per aver reciso una vena del fegato, portata in un'altra struttura dopo ben 4 giorni, ha subito un'altra operazione per ripulirla dei liquidi rimasti nel corpo (i drenaggi erano otturati) e ricostruire i vasi danneggiati.
Per una operazione di venti minuti e due giorni di degenza risulta a tutt'oggi dopo quasi un mese ricoverata e con drenaggi.
Benchè risaputo dalla struttura di molti altri casi dello stesso chirurgo, è tutt'ora al suo posto.
Scrivo in forma anonima poichè la paziente è ancora ricoverata

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi