Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 16 ottobre 2011
36411 e1318456252897 Ogni 4 secondi nel mondo un bambino muore per mancanza di cure. Lallarme di Save The ChildrenOtto milioni i bambini che muoiono ogni anno per problemi sanitari. Save the Children: «operatori sanitari sono una risorsa cruciale, ne servono di più»

Otto milioni: tanti sono i bambini sotto i 5 anni che ogni anno muoiono nel mondo per elementari problemi sanitari. Uno ogni quattro secondi, secondo i dati di Save the Children. Una strage che continua giorno dopo giorno, silenziosa e spesso dimenticata proprio perché probabilmente fa meno rumore rispetto all’andamento delle borse mondiali, o agli interessi del petrolio.
I dati in mano alle organizzazioni umanitarie non lasciano però adito ad alcun dubbio di sorta. Il 70% di queste morti avviene nel primo anno di vita (ed il 40% di esse addirittura nel primo mese), nella maggior parte dei casi per motivazioni banali o per poche, prevedibili e curabilissime malattie: secondo quanto riportato nel rapporto Unicef 2011 “Level and Trends in child mortality” e ripreso da Save the Children nell’ambito della campagna Every One contro la mortalità infantile, tra le prime cause di morte ci sarebbero infatti complicazioni pre e post parto (21% dei casi), polmonite (18%), malaria (16%) e diarrea (15%), seguite direttamente dalla malnutrizione, concausa di un terzo dei decessi.  Una piaga, quella della mortalità infantile, che si concentra in particolar modo nelle aree del sud del mondo come l’Africa sub sahariana e l’Asia meridionale,  dove il rapporto Unicef stima che rispettivamente 1 bambino su 8 e 1 su 15 muoiano prima di raggiungere l’età di 5 anni: tra i paesi più colpiti, Repubblica Democratica del Congo, Nigeria, Pakistan, Cina e India. Ma il trend è destinato a cambiare se si considerano le emergenze umanitarie più recenti, come la siccità che sta affliggendo in questi mesi il Corno d’Africa e che ha già causato la morte di decine di migliaia di bambini.

Ed è proprio nell’ambito della campagna Every One – avviata da Save the Children nel 2009 con l’intento di salvare la vita  di 2.500.000 bambini entro il 2015 in 38 paesi poveri del mondo e rilanciata in Italia il 4 ottobre scorso – che l’organizzazione umanitaria ha presentato il suo rapporto “Accesso vietato – Perché la grave carenza degli operatori sanitari ostacola il diritto alla salute dei bambini”, con il quale evidenzia uno dei problemi fondamentali che impedisce una lotta concreta contro la mortalità infantile: la forte carenza di operatori sanitari. Secondo il documento, infatti, almeno 350 milioni di bambini nel mondo nel corso di tutta la loro vita non verranno mai visitati da un dottore o un infermiere. Numeri confermatidall’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo cui almeno 1 miliardo di persone nel mondo non avrebbero accesso ad alcuna cura sanitaria o alla possibilità di essere visitati: se si considera che il 35% della popolazione mondiale è costituita da bambini, i conti sono presto fatti. Per assicurare una copertura sanitaria adeguata, l’OMS ritiene che ci sarebbe bisogno di 23 operatori ogni 10.000 persone, ma 61 paesi (di cui 41 nella sola Africa) sono al di sotto di questo limite.  «Gli operatori sanitari sono una risorsa cruciale nella battaglia contro la mortalità infantile. Cruciale ma al momento insufficiente – si legge nel comunicato di Save the Children al riguardo – : ci sarebbe bisogno infatti di 3.500.000 operatori sanitari in più, incluse 350.000 ostetriche. Ciad e Somalia i paesi maglia nera per numero di operatori sanitari e per il loro impatto nell’assistenza ai bambini, alla nascita e negli anni successivi. Un quarto del peso delle malattie mondiali grava sull’Africa, ma sul continente lavora solo il 3% dei dottori, delle infermiere e delle ostetriche del mondo».


Articolo interessante? Segnalalo ai tuoi amici su Facebook cliccando "like"!


Oppure condividilo sulla tua bacheca!
Condividi su Facebook

1 commenti:

Anonimo ha detto...

E l'8 per 1000 che i cittadini devolvono alla chiesa cattolica che fine fa?
Il Vaticano cosa sta facendo per impedire tutto questo?
Cristo predicava i suoi messaggi d'amore e fratellanza scalzo e vestito con un saio di tela grezza, il Papa mangia con le posate d'argento.
Lo sfarzo del Vaticano è inconcepibile ed inaccettabile per un cattolico e non ha senso che si affacci tutte le domeniche per l'Angelus, prende ingiro il mondo intero e mentre i bambini muoiono di fame lui vive nel lusso e nello sfarzo, che fede è questa? S. Francesco andava in mezzo ai lebrosi e tanti altri hanno dato la propria vita per aiutare il prossimo, il nostro Papa che sta facendo? Dov'è? non raccontateci cazzate per favore, anche la religione viene usata per ottenere denaro e potere, che vergogna. Tutto questo lo afferma una persona che ha una grande fede, ma non crede nell'esempio che papi, arcivescovi, vescovi e preti raccontano alla povera gente.
Dove sono queste persone quando la gente muore di stenti e di fame? Si possono contare sulla punta delle dita quelli che veramente hannpo dedicato e stanno dedicando la propria vita a lottare per sostenere i poveri e glimemarginati. La maggior parte se ne infischia e vive nella bambaggia alle spalle dei cittadini che lavorano e pagano le tasse e neanche arrivano alla fine del mese con lo stipendio da fame che prendono.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi