Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo esteri economia editoriale scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente sanità USA crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi libertà forze dell'ordine scienza censura lavoro cultura berlusconi animali infanzia chiesa centro energia internet mafie riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie europa carceri satira scuola immigrazione eurocrati facebook banche euro grillo renzi manipolazione mediatica pensione bilderberg mondo alimentari signoraggio razzismo manifestazione finanza sovranità monetaria massoneria debito pubblico guerra travaglio Russia disoccupazione tasse militari poteri forti UE ucraina trilaterale geoingegneria parentopoli Grecia germania siria banchieri inquinamento mario monti enrico letta marijuana big pharma napolitano nwo obama vaccini Traditori al governo? agricoltura ogm austerity sondaggio tecnologia Angela Merkel canapa meritocrazia umberto veronesi vaticano armi bambini cancro fini suicidi PD terrorismo BCE clinica degli orrori equitalia privacy video nucleare prodi boston israele ministero della salute sovranità nazionale bancarotta eurogendfor fondatori del sito globalizzazione iene monsanto staminali INPS Putin droga acqua bufala marra matrimoni gay nigel farage nikola tesla politica anatocismo evasione fisco magdi allam moneta pedofilia usura FBI elezioni francia fukushima informatitalia.blogspot.it ricchi società troika Aspen Institute Auriti CIA Giappone adam kadmon africa attentati autismo bavaglio costituzione draghi federico aldrovandi fiscal compact fmi giuseppe uva golpe lega nord nsa petrolio sicilia stamina foundation terremoto Cina Onu assad controinformazione crimea frutta giovanardi goldman sachs imposimato mcdonald mes psichiatria rifiuti rockfeller rothschild sciopero servizi segreti slot machine spagna svendita terra torture turchia violenza Marco Della Luna aldo moro arsenico barnard bonino edward snowden famiglie fed forconi inciucio laura boldrini m5s magistratura nato no muos no tav palestina proteste storia suicidio università vegan virus 11 settembre 9 dicembre Fornero Ilva Muos NASA Svizzera aids alan friedman alimentazione antonio maria rinaldi borghezio carne chernobyl corruzione corte europea diritti uomo delocalizzazione diffamazione disabili ebola educazione elites esercito farmaci gesuiti gheddafi giuliano amato hiv illeciti bancari illuminati india influencer informazione iraq islam islanda latte legge elettorale marò microspia mmt paola musu precariato prelievi forzoso privilegi propaganda prostituzione radioattività salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati sovranità individuale spread stati uniti stefano cucchi taranto ungheria veleni verdura Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL Unione Europea aborto aborto forzato affidamento alluvione amato anonymous anoressia argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio brevetto btp by cambiamento camorra cannabis capitalismo carabinieri casaleggio cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani davide vannoni dell'utri denaro dentista dentisti denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dittatura dogana domenico scilipoti donne dossier duilio poggiolini ebook egitto elettrosmog eroina eurexit europarlamento fallimento false flag fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giustizia sociale gold hollande ignazio marino ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie maratona mariano ferro marine le pen mario draghi mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra mossad multe musica natura nuovo ordine mondiale obbligazioni ocse oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore riserva aurea risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scoperto secessione sert sfratto sisa snowden speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse telefono cellulare teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen trust tsipras twitter universo uranio impoverito uruguay vati vegetariani vessazioni vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 30 ottobre 2011

il ricercatore Domenico Perrotta
Nel 2005 un ricercatore ha lavorato in incognito in un cantiere di Bologna, la ristrutturazione di una villa per farne uffici di lusso. Erano impiegati solo lavoratori stranieri, l`80% dei quali senza permesso di soggiorno. La maggior parte rumeni. Un microcosmo dove si concentrano pregiudizi e solidarietà, che spiega uno dei paradossi dell`economia italiana prima della crisi. L`espansione basata sulla clandestinità, il lusso costruito a condizioni di schiavitù. Anche in zone insospettabili.


“Buongiorno, sto cercando lavoro come muratore. L`Università mi paga poco`. Con queste parole Mimmo Perrotta, origini lucane ma residente in Emilia, si presenta in un cantiere edile. “Ho mentito solo a metà`, ci spiega. “La borsa per il dottorato di ricerca che mi davano a Padova non era granché, ma la mia intenzione era quella di infiltrarmi e studiare le relazioni tra operai stranieri e italiani`.
Nei due mesi di permanenza, Perrotta rimarrà l`unico operaio italiano ma scoprirà il paradosso dei clandestini che costruiscono il lusso. Viene assunto in nero e suscita diffidenza: per i padroni è una spia del sindacato, per i colleghi una spia del padrone. I suoi colleghi sono tutti rumeni, pakistani e tunisini. L`80% era senza permesso di soggiorno. Isole di marginalità in zone caratterizzate da legalità e sindacalizzazione? “Macché`, ci dice Perrotta. “Stavamo costruendo uffici di lusso, all`americana, con tanto di palestra annessa. Abbiamo ristrutturato una grande villa, a quattro piani, appena fuori dal centro di Bologna, dove la strada comincia a salire verso i colli. Ricordo il panorama che si vedeva dal cortile della villa: i tetti rossi del centro, San Petronio, le due torri, in lontananza i palazzoni della Fiera`.

Falso allarme
Poi, all`improvviso, un`auto della polizia entra dal cancello del cantiere. “Nel giro di pochi secondi tutti i miei colleghi in nero sono letteralmente scomparsi, nascosti in luoghi del cantiere inaccessibili, in attesa che la polizia uscisse. Si trattava di un falso allarme: l`automobile è entrata e dopo pochi secondi ha fatto inversione ed è andata via`.
La reazione è fulminea, anche perché il padrone rischia una multa, lo straniero senza documenti il rimpatrio.. “Siamo in garage con Gabriel, a prendere delle tavole. Arriva correndo Marian, con gli occhi pieni di paura, seguito da tutti gli altri, e dice: ‘E` entrata la polizia`. Alcuni corrono verso la sala dove ci sono gli impianti dell`aria condizionata. Paul scompare da qualche altra parte, Leonard entra in garage. Vado su, trovo Shamrez, l`operaio pakistano regolare, e gli chiedo se ha visto la macchina della polizia, lui dice di no, col solito tono disinteressato`. “Tranquilli`, dice il capo agli operai. “Se c`è qualcosa vengono i carabinieri e non la polizia. E comunque non vengono neanche quelli`, facendo intendere che ha delle garanzie.
Su questa paura si è costruito il “miracolo` dell`espansione edilizia da metà anni `90 fino al 2008, anno in cui i primi segni della crisi diventano visibili. “La legge sull`immigrazione` - ci spiega il ricercatore – “non serve a gestire i ‘flussi d`ingresso` ma a ‘regolare` il mercato del lavoro. Il risultato sono state centinaia di migliaia di braccia ricattabili, dunque a basso costo`. Nel 2007, due anni dopo la ricerca sul campo, la Romania entra nell`Unione Europea. Quell`anno sono emersi 300 mila lavoratori negli elenchi dell`Inps, dei quali 67 mila in edilizia.
Lavorare con lentezza
C`è solo una cosa, tuttavia, più importante della nazionalità. La specializzazione. “Sono l`ultimo arrivato, destinato quindi a svolgere mansioni non specializzate`, ricorda Perrotta. “Rompere muri col martello pneumatico o con mazzetta e scalpello; preparare la calce e il cemento con la betoniera; disarmare i pannelli della carpenteria; fare le pulizie nei posti dove si è lavorato; trasportare materiali; persino andare al bar a comprare le birre per tutti`.
Un rumeno privo di permesso di soggiorno ma specializzato, prendeva invece 70 euro al giorno e poteva permettersi di dire: “Capo, domani non vengo, ho un altro lavoro da 100 euro`. Non potevano sostituirlo e quindi nessuno gli diceva niente.
Il rapporto tra proprietari italiani e operai rumeni è molto complesso. Gli operai orientali si autorappresentano – nelle interviste formali - come grandi lavoratori e si contrappongono ai pigri italiani “capaci solo di stare in ufficio`. “Giro come un lupo per trovare lavoro`, ci dice un edile dell`Est. Nella vita reale del cantiere, al nuovo arrivato spiegano subito che “qui si lavora lento`. Non è una prerogativa degli stranieri, da sempre la comunità operaia prova a negoziare ritmi e produttività e commisurarla alla paga. “Se mi pagasse 100 euro metterei a bolla l`impalcatura, mi paga 50 e quindi la metto al 90%`, dice un operaio.
La slealtà nei confronti dell`impresa è giustificata dalla consapevolezza dello sfruttamento. “Non si sentono a casa né in Italia, né nella ditta in cui lavorano`, ci spiega lo studioso. I capi sono chiamati “cani` C`è una costante ricerca di un lavoro meglio pagato, anche di poco. L`azienda paga i vantaggi della manodopera a basso costo con un imponente turnover. L`Italia con un quarto del totale degli immigrati presenti sul territorio (un milione di persone, di cui 100mila in edilizia) pronto ad andar via appena concluso il progetto migratorio, quasi sempre realizzare l`investimento programmato in Romania (costruire la casa, fare studiare i figli).
Pregiudizi
Vivere quotidianamente nel cantiere permette di conoscere i pregiudizi reciproci. Cosa pensano i rumeni degli italiani? Sono drogati e sessualmente pervertiti. E anche pigri (“Adesso hai visto quanto facciamo fatica, quanto lavoriamo noi immigrati, noi rumeni, per costruire le case a voi italiani, che non lavorate per niente, o state in ufficio`) e sporchi (“Per l`80% siete dei drogati o punkabbestia`), idea derivata dalla variopinta popolazione studentesca che affolla il centro bolognese.
La conoscenza diretta, ovviamente, è un buon antidoto ai luoghi comuni. “Se io vivo tutti i giorni accanto a uno straniero è mio fratello, rischiamo insieme la vita e condividiamo il lavoro`, ci dice un operaio di Messina impegnato nei lavori della locale autostrada. “Ma se un rumeno accetta di lavorare per un salario minore mette a rischio i diritti di tutti`. La ricerca di Perrotta affronta anche questo nodo centrale e prova a smontare due luoghi comuni, uno di destra e uno di sinistra. “Vengono qui e rubano il lavoro` contrapposto a “fanno i lavori che non vogliamo più fare`.
In realtà ci spiega il ricercatore, si tratta di un circolo vizioso per cui la legge sull`immigrazione non contrasta l`irregolarità ma la crea (è impossibile l`ingresso regolare sia la successiva regolarizzazione), con effetti devastanti sul mercato del lavoro (salari bassi, ritmi intensi, impossibilità di contrattare condizioni migliori, orari di lavoro incerti, condizioni di sicurezza drammatiche). Si creano così le condizioni che escludono i lavoratori italiani. Ci sono numeri impressionanti sull`insicurezza nei cantieri, “solo nel 2007 quaranta rumeni sono morti sul lavoro`. Ecco perché la regolarità degli stranieri è un interesse generale, soprattutto degli italiani, altrimenti il “lavoro clandestino` peggiora le condizioni di tutti.
Perrotta ha raccolto la sua esperienza nel libro “Vite in cantiere` pubblicato da “Il mulino`. Aggiunge che – oltre all`azienda che l`aveva assunto - operavano in subappalto elettricisti (provenienti da Ferrara), gessisti (da Bergamo), fontanieri (bolognesi), marmisti (campani), la ditta che ha fatto la facciata (da Torino), quella che gestisce gru e ruspe (Bologna). Una giungla ai confini della legalità (e spesso oltre): una delle aziende aveva un libro paga regolare, ma gli operai lavoravano in un altro cantiere. Il subappalto a Bologna funziona con lo stesso meccanismo del caporalato in agricoltura al Sud, usa il lavoratore irregolare in nero per abbassare i costi. L`azienda che dà l`appalto principale dovrebbe controllare, ma non avviene quasi mai. E tutto rimane coperto da connivenze e silenzi.

fonte



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi