Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 26 ottobre 2011

polizia penitenziaria carcere Ad Asti lAbu Ghraib italiana. Al via il processo per gli agenti imputatiIntercettazioni telefoniche, testimonianze dei carcerati e di alcuni agenti penitenziari hanno portato davanti al giudice cinque poliziotti accusati di maltrattamenti e violenze sui detenuti della casa circondale di Asti. All’interno della caserma, i malcapitati, avrebbero subito impulsi selvaggi da parte dei loro carcerieri.
Nell’inchiesta, erano comparsi dodici poliziotti, ma solo per i cinque, il giudice ha disposto il rinvio a giudizio. Oggi, per loro, inizierà il processo con l’accusa di maltrattamenti e violenze. Non stiamo parlando delle carceri più dure di chissà quale parte del mondo, siamo in Italia e l’Avvocato Angelo Ginisi definisce il carcere di Asti come “la piccola Abu Ghraib italiana”.
L’indagine della magistratura astigiana era partita dal racconto di un ex agente carcerario arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti. Poi, l’inchiesta si è allargata grazie alle importanti testimonianze. Durante le indagini, i magistrati hanno rilevato che i carcerieri sottoponevano i carcerati “a un tormentoso e vessatorio regime” carcerario. Secondo l’accusa, i detenuti venivano picchiati sistematicamente in modo brutale, lasciati nudi in pieno inverno in una cella senza finestre e con bagni non agibili. Non avevano cibo, ogni tanto veniva dato loro pane e acqua.


L’inchiesta prosegue anche grazie al coraggioso racconto di due ragazzi detenuti nel 2004 nel carcere di Asti: Andrea Cirino (33 anni) e Claudio Renne (29 anni). Grazie alle loro parole sono partite le indagini minuziose degli inquirenti. “Mi lasciano nudo con una branda e senza materasso (…) faceva molto freddo(…). Io non dormivo mai perché sapevo che quando bevevano o si drogavano poi venivano a picchiarci” racconta Cirino. “Non mi davano quasi mainulla da mangiare – continua il ragazzo - e quando lo facevano ero sicuro che ci avessero sputato o urinato dentro”.
Cirino racconta di essere stato picchiato più volte dopo una sua reazione. Da quel momento, il detenuto, prendeva tranquillanti per cercare di scrollarsi di dosso la paura e per cercare di dormire. Nonostante tutto, “non appena mi addormentavo, alzano lo spioncino e gridavano: Stai sveglio, bastardo!”. Uscito dal carcere, il trauma gli è rimasto dentro. Impossibile dimenticare. Ora, il ragazzo ha paura di uscire, soffre di attacchi di panico e di rivedere quelle facce in Tribunale, non ne ha proprio voglia.
Le loro dichiarazioni sono confermate da altri agenti penitenziari che avrebbero visto le violenze e raccontato nei minimi particolari l’accaduto alla magistratura. Detenuti e carcerieri insieme, ricordano che qualcuno degli imputati beveva durante il servizio. Oltre all’alcol,  secondo la relazione della polizia, probabilmente c’era anche la droga. I ragazzi detenuti venivanotorturati in continuazione senza timore. Uno dei picchiatori in una intercettazione dice: “devi avere pure le palle…lo devi picchiare…lo becchi da solo e lo picchi. Io la maggior parte delle volte che ho picchiato li ho picchiati da solo”.
La difesa degli agenti non ci sta e ritiene questa indagine una grande montatura. «Accuse totalmente infondate e per noi calunniose» sostiene veemente l’avvocato Aldo Mirate. “Personalmente non ci credo” dice Donato Capece, segretario del maggiore sindacato di polizia penitenziaria, il Sappe. Per il segretario i due detenuti “avevano aggredito i nostri agenti e per questo sono stati mandati in isolamento. Probabilmente c’è stata una colluttazione”. Poi, Capece precisa che “non vogliamo dare l’impressione di coprire qualcuno. Perciò, se gli agenti hanno usato le maniere forti, è giusto che ne rispondano all’autorità giudiziaria. È facile sparare contro la Croce Rossa e contro la polizia penitenziaria. I fatti vanno prima accertati“.
Grazie alla forza di reagire dei detenuti e la denuncia di alcuni agenti del penitenziario, ci sarà un processo che deciderà la sorte dei cinque imputati.


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi