Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 10 settembre 2011

Dopo le polemiche tra alcuni esponenti del movimento No Tav e i VVFF impiegati a Chiomonte nell'ambito del cantiere contestato, ricorderete l'appello che abbiamo lanciato a militanti NO Tav e Vigili del fuoco: un appello che sembra esser stato recepito dalle organizzazioni sindacali dei VVFF

E dopo la presa di posizione dei Vigili del Fuoco tesserati USB (in fondo all’articolo) arriva un’altro importantissimo comunicato da parte di quelli CGIL e CISL. La richiesta non lascia spazio a fraintendimenti: chiedono che i colleghi attualmente dislocati in valle vengano immediatamente ritirati! Se consideriamo, inoltre,  i numeri di tesserati a queste sigle sindacali, ci rendiamo conto di quanto il fronte dei vigili contrari a prestare servizio per la costruzione dell’alta velocità sia elevato e fortemente significativo. Uno schiaffo pesantissimo alla questura e alla Lobby Si Tav. Il loro comunicato dice tutto…buona lettura! A sarà dura!

Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direttore Regionale per il Piemonte
Dott. Ing. Bruno NICOLELLA

Oggetto: impiego personale del C.N.VV.F. in Val di Susa – richiesta ritiro
Egregio Direttore,
Con il passare delle settimane e visti gli ultimi fatti accaduti in Val di Susa, facilmente reperibili attraverso i siti internet, si rafforza sempre di più in noi l’idea che il servizio che stiamo espletando esuli totalmente da quelli che sono i nostri compiti istituzionali.
Ci si interroga, infatti, su quale sia il vero motivo che ci porta a presenziare i luoghi della protesta dal momento che sfugge ai nostri occhi ove sia il soccorso tecnico urgente o la difesa civile.
Abbiamo già espresso, in un precedente incontro sindacale, la volontà di rafforzare il distaccamento di Susa, prossimo ai cantieri, con personale aggiuntivo, nel caso in cui si tema veramente che dalla protesta scaturiscano disordini capaci di alimentare incendi di una qualche natura.
Non siamo invece disposti a fornire un servizio di assistenza alle forze dell’ordine per mantenere l’ordine pubblico, cosa che non rientra per nulla nei nostri doveri e che riguarda esclusivamente i loro compiti.
Non intendiamo svendere la nostra professionalità e il sentimento di benevolenza della popolazione che più volte ci è stato manifestato, per dover intervenire in una vicenda che ci porta ad essere attori protagonisti pur senza volerlo.
Ci riteniamo in balia delle richieste della questura che pare oramai essere diventata la nostra prima dirigente.
Ribadiamo quindi di non voler continuare a svolgere compiti di ordine pubblico presso i cantieri della T.A.V. e le chiediamo che il personale appartenente al corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, operante in quei luoghi, venga immediatamente ritirato.
Distinti saluti.
F.to
FP CGIL VVF REGIONALE FED. GIANNI NIGRO
Reg. SICUREZZA CISL ANTONIO MAZZITELLI
Torino, 27 agosto 2011
qui di seguito quello scritto da USB P.I. Vigili del Fuoco Regionale

Lett. Amm. 15/08/11
Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direttore Regionale per il Piemonte
Ing. Bruno NICOLELLA
Ufficio Garanzia dei Diritti Sindacali
Viceprefetto Aggiunto Giuseppe CERRONE

Oggetto: impiego personale del C.N.VV.F. in Val di Susa – richiesta ritiro
Egr. Direttore
la scrivente USB, fin dal primo momento in cui codesto Dipartimento ha deciso di inviare personale e mezzi del Corpo Nazionale in Val di Susa ha espresso la propria contrarietà.
Mai come in queste ultime settimane quel che avviene in Val di Susa è da considerarsi come un intervento di ordine pubblico.
Con diverse note e durante quei pochi incontri che ci sono stati presso il Comando di Torino
tra l’Amministrazione e le OO.SS. la scrivente USB ha esternato le proprie preoccupazioni ed il proprio disappunto.
In diverse occasioni è apparso a tutti che il Dirigente del C.N.VV.F. di Torino prendesse ordini diretti dalla Questura e che i suoi naturali interlocutori non fossero più i Vigili del Fuoco.
In un video, facilmente reperibile sul Web, si vedono i Vigili del Fuoco che in un tentativo rocambolesco di portare soccorso ad una persona che protestava pacificamente su un albero, urtano maldestramente lo stesso mettendo di fatto a repentaglio la vita di chi in teoria, secondo la Questura, avremmo dovuto soccorrere.
Il 13 agosto apprendiamo che la Direzione Regionale per il Piemonte ha richiesto ai Comandi della Regione personale da inviare in supporto alle squadre già presenti in Val di Susa, senza la ben che minima contrattazione sindacale e\o relativa informativa.
Siamo certi che miracolosamente per la metà di settembre i Vigili del Fuoco saranno in grado di sganciarsi dalla zona in oggetto, ma ad oggi la continua presenza del C.N.VV.F. in Val di Susa oltre ad uno sperpero di denaro pubblico vede i Vigili del Fuoco impegnati impropriamente a disposizione di una ditta privata ed al servizio della Questura.
Nel richiamare la mancanza di corrette relazioni sindacali, con la presente, chiediamo l’immediato ritiro del personale del Corpo dal sopraccitato contesto di ordine pubblico.
Distinti Saluti.
USB P.I. Vigili del Fuoco Regionale






Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi