Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
domenica 4 settembre 2011

Normale, iodato, marino e, addirittura, rosa: stiamo parlando del sale, da sempre utilizzato in cucina per insaporire i cibi o conservarli, antica e preziosa merce di scambio tanto da far derivare dal suo nome il sostantivo "salario". Il suo utilizzo però, ormai lo sappiamo, deve essere ben ponderato, in quanto può causare disturbi all'apparato cardio-circolatorio ed essere molto pericoloso per chi già soffre di ipertensione.

Un nuovo studio, condotto dall’Università di Toronto (Canada), dimostra inoltre che troppo sale può far male non solo a cuore e reni, ma anche al cervello, aumentando il rischio di Alzheimer. La ricerca, effettuata su 1.262 uomini e donne sani, tra i 67 e gli 84 anni di età, si è svolta misurando una volta all’anno per tre anni le condizioni di salute dei soggetti, utilizzando i test cognitivi più comunemente adoperati per diagnosticare l’Alzheimer.

La tesi dei ricercatori è che le persone anziane che utilizzano molto sale nelle loro diete e praticano poca attività fisica subiscono un declino mentale più rapido rispetto invece a chi è attento nel dosare questo condimento. In particolare, le persone che diminuiscono di circa 3 grammi al giorno l’apporto di sodio riducono di un quarto la probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari. I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Neurobiology of Aging, hanno infatti dimostrato - spiega Alexandra Fiocco, ricercatrice presso l'Università di Toronto - "che una dieta ricca di sodio, combinata con poco di esercizio, è particolarmente dannosa per le prestazioni cognitive degli anziani”.

Purtroppo l'eccesso di sale è un'abitudine assai diffusa: attualmente ogni persona si attesta quasi sempre al di sopra degli 8 grammi di sale al giorno, mentre secondo le linee guida internazionali non si dovrebbero superare i 6 grammi.

Insomma, sale in zucca sì... ma non troppo!

fonte


Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi