Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
giovedì 15 settembre 2011

apartheid
Una foto agghiacciante quella apparsa su un profilo facebook di un ragazzo bianco sudafricano. Nello scatto, "postato" su una pagina a ricordo di Eugene Terreblanche, ex leader indiscusso del Movimento di Resistenza Afrikaaner (Afrikaner Weerstandsbeweging), ucciso un anno fa, si vede un ragazzo vestito da cacciatore, con tanto di fucile con mirino, accovacciato su di un bambino di colore, che apparentemente morto.
Una foto come quelle che vengono scattate per immortalare una preda di caccia. Per tutti «Terrorblanche», questo il suo nome sul social network, è diventato "il cacciatore di bimbi neri". La polizia sudafricana sta cercando di arrivare all'uomo, proprio partendo da quel profilo filo Apartheid, anche se la foto, pubblicata il 24 giugno scorso, era stata sostituita poco tempo dopo.

Su facebook Terrorblanche avrebbe oltre 500 amici e nelle sue "info" dice di essere un impresario e di amare i Simpson.
Anche il ministro della Polizia, Zweli Mnisi, ha parlato della vicenda, spiegando che è stata aperta un'inchiesta, anche se non si esclude che la fotografia potrebbe essere stata manipolata.
Dunque si seguono tutte le ipotesi, senza tralasciare alcuna pista. La strage di Oslo è servita di lezione: non sottovalutare mai nulla. Infatti anche Anders Behring Breivik scriveva le sue follie in rete. Indisturbato.






Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi