Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 30 settembre 2011

La Johnson & Johnson in questi giorni è protagonista di uno scandalo: ammette di pagare profumatamente i medici affinchè facciano pubblicità ai propri prodotti durante le sedute coi pazienti.

Lo ha reso noto il Wall Street Journal rivelando che la multinazionale ha  pubblicato sul proprio sito i dati relativi agli investimenti destinati a questa ‘tipologia’ di marketing.

Ovviamente non si tratta di un improvviso desiderio di trasparenza e onestà.

Johnson & Johnson infatti ha ritenuto opportuno rendere noti questi dati d’ accordo con il governo americano a  fronte di un “piccolo” risarcimento di una frode quantificata in 2,3 miliardi di dollari (frode legata a prescrizioni forzate di farmaci non idonei o non autorizzati dalla FDA).
Non è ancora stato reso di pubblico dominio l’ammontare complessivo delle retribuzioni effettuate ai medici, si parla di cifre tra i 20 e i 25 mila dollari per medico al trimestre.
Questo “incidente”  è purtroppo solo l’ultimo di una lunga serie , facciamo un po’ di biografia dell’azienda.



La Johnson & Johnson, multinazionale di prodotti farmaceutici americana, con 190 filiali sparse in 52 paesi, conta un  fatturato di circa 36 miliardi di dollari e nel mondo è la più grande impresa di materiali e macchinari sanitari, seconda a livello farmaceutico.

Tra  il ’94 e il ’97  è regina di violazioni alle leggi sul lavoro negli USA e ha pagato multe per 5.750 dollari; ha inoltre pagato cinque milioni di dollari per aver indotto i propri dipendenti a distruggere le prove emerse da un’indagine federale condotta dalla Food and Drug Administration sulla pubblicizzazione di un farmaco in casi non ammessi (MM Gennaio 1995).

Secondo IBFAN , trasgredisce il codice OMS sul latte in polvere perché pubblicizza bottiglie per l’allattamento artificiale. Johnson & Johnson inoltre è tra le imprese che eseguono esperimenti sugli animali.

Nel 2001, sotto il controllo della Jansenn Cilag, ad un cartello formato da 39 imprese farmaceutiche con lo scopo di far annullare la legge Mandela, ossia il provvedimento per consentire al Sudafrica di importare farmaci anti Aids liberi da brevetti, e quindi ad un costo minore, e più accessibili alla gente povera.

Ancora voglia di spalmarvi l’olietto Johnson’s Baby, tanto reclamizzato, il cui ingrediente principale è la paraffina (scarto della lavorazione del petrolio)?

L’olio Johnson, sulla pelle, fa effetto plastica (per questo la pelle resta untuosa e l’olio sembra non assorbirsi mai!) e non permette alla pelle di respirare, in questo modo, l’acqua naturalmente presente nelle cellule della pelle, non può uscire, e rimanendo intrappolata, dona l’illusione di un’aspetto idratato; in realtà state violentando la vostra pelle.

fonte



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi