Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 14 settembre 2011

Islanda: scegliere di essere Cuba o Haiti?
Islanda, un terribile esempio per il diritto e la lotta dei media per nascondere agli occhi dell’opinione pubblica: il recupero della sovranità popolare, il mancato pagamento dei debiti, i banchieri in galera! Tutto questo è inaccettabile e pericoloso, in questo momento di  ansia in Europa,  è un contagio. Quindi meglio continuare a parlare fino alla noia delle lussuose dimore in cui Gheddafi e la sua famiglia vivevano prima del crollo del regime. E una volta che questa notizia è esaurita, svuotata di interesse, si va a cercare nuovi distrattori. Qualsiasi cosa, purché non si parli dell’Islanda.
Islanda: un modello silenzioso, trasmissione televisiva …
Si dovrebbe guardare in Islanda. Rifiuto di sottomettersi ad interessi stranieri: l’esempio di un piccolo paese che ha chiaramente indicato che il popolo è sovrano.
Deena Stryker
www.kaosenlared.net / news / islanda-model-silenzioso-senza-Telecast
Un programma radiofonico italiano parlando della rivoluzione in corso in Islanda ha detto che era un grande esempio di quanto poco i nostri media ci raccontano del resto del mondo.
Gli americani potrebbero ricordare che all’inizio della crisi finanziaria del 2008, l’Islanda era letteralmente in bancarotta. Le ragioni sono menzionate solo di passaggio, e da allora questo poco conosciuto membro dell’Unione europea ricadde nel dimenticatoio. L’ultima cosa che le autorità vogliono è che l’Islanda possa diventare un esempio. I paesi europei potrebbero cadere uno dopo l’altro, mettendo in pericolo l’euro, con implicazioni per tutti,…
Ecco il motivo per cui  cinque anni di un regime puramente neoliberista che aveva fatto in Islanda (popolazione 320.000 persone senza esercito), uno dei paesi più ricchi del mondo: nel 2003 tutte le banche del paese sono state privatizzate, nel tentativo di attirare gli investimenti stranieri, offrendo prestiti on-line, questo ha permesso costi minimi per ottenere una percentuale relativamente alta di ritorno.
Il conto, chiamato “Icesave” ha attratto piccoli investitori,  molti inglesi e olandesi. Ma gli investimenti sono cresciuti così ha fatto il debito delle banche straniere. Nel 2003 il debito dell’Islanda è stato pari a 200 volte il suo PIL, ma nel 2007 era di 900 per cento.
La crisi finanziaria globale del 2008 è stato il colpo di grazia. Le tre principali banche islandesi, Landbanki, Kapthing e Glitnir, andarono in bancarotta e furono nazionalizzate, mentre la corona perso l’85% del suo valore nei confronti dell’euro. Alla fine di Islanda è fallita.
Contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, la crisi ha portato alla ripresa dei diritti di sovrannita islandesi, attraverso un processo partecipativo di democrazia diretta che alla fine ha portato a una nuova costituzione. Ma solo dopo molto dolore.
Geir Haarde, primo ministro di un governo di coalizione democratica sociale, negoziate 2.100 milioni di dollari di prestiti, a cui i paesi nordici hanno aggiunto altri 2.500 miliardi. Tuttavia, la comunità finanziaria Islanda subì dagli stranieri  pesanti pressioni per imporre misure drastiche. Il FMI e l’Unione europea hanno voluto prendere in consegna il suo debito, dicendo che era l’unico modo per il paese di pagare il debito ai Paesi Bassi e Gran Bretagna, che avevano promesso di rimborsarle ai loro rispettivi cittadini.
Proteste e rivolte continua e, alla fine hanno costretto il governo a dimettersi. Le elezioni svoltesi ad aprile 2009, hanno eletto una coalizione di sinistra che ha condannato il sistema economico neoliberista, ma ha subito ceduto alle loro richieste e cioè che l’Islanda dovrebbe pagare un totale di 3.500.000.000 euro. Questo richiedeva che ogni cittadino islandese pagasse 100 euro al mese (o circa $ 130) per 15 anni, l’interesse del 5,5%, per pagare un debito del settore privato. E ‘stata la goccia che fece traboccare il vaso
Quello che è successo dopo è stato straordinario. La convinzione che i cittadini dovevano pagare per gli errori di un monopolio finanziarie, che alla intera nazione deve essere imposto il pagamento dei debiti privati ​​in frantumi, ha trasformato il rapporto tra i cittadini e le loro istituzioni politiche e, infine, i leader hanno portato l’Islanda sulle posizioni dei loro elettori.
Il Capo dello Stato, Olafur Ragnar Grímsson, ha rifiutato di ratificare la legge che rende i cittadini responsabili del loro debito bancario islandese e ha deciso di convocare un referendum.
Naturalmente la comunità internazionale ha solo aumentato la pressione sull’Islanda. Gran Bretagna e Paesi Bassi, hanno minacciato di terribili rappresaglie per isolare il paese. Come gli islandesi  si sono  recati alle urne, i banchieri stranieri hanno minacciato di bloccare qualsiasi aiuto dal Fondo Monetario Internazionale. Il governo britannico ha minacciato di congelare il risparmio islandese nei suoi conti correnti. Come Grímsson ha detto: “Ci hanno detto che se abbiamo rifiutato le condizioni della comunità internazionale, siamo diventati la Cuba del Nord. Ma se abbiamo accettato, siamo diventati il ​​Nord Haiti. “(Quante volte ho scritto che quando i cubani vedeno lo stato pietoso del loro vicino, Haiti, dicono di essere  fortunati)
Nel referendum del 2010 Marzo, il 93% ha votato contro il rimborso del debito. Il FMI ha congelato i prestiti immediatamente. Ma la rivoluzione (anche se non televisiva negli Stati Uniti) non li faranno intimidire. Con il supporto di una cittadinanza arrabbiata, il governo ha avviato indagini civili e penali dei responsabili della crisi finanziaria. Interpol ha emesso un mandato di arresto internazionale per l’ex presidente di Kaupthing, Sigurdur Einarsson, e altri banchieri che hanno lasciato il paese coinvolto.
Ma gli islandesi non si fermano qui: si è deciso di redigere una nuova costituzione che ha liberato il paese dal strapotere della finanza internazionale e il denaro virtuale. (L’unico che era in vigore era stato scritto nel momento in cui l’Islanda ha ottenuto l’indipendenza dalla Danimarca nel 1918, l’unica differenza è che la costituzione danese la parola “presidente” è stata sostituita da “Re”).
Per scrivere la nuova costituzione, il popolo islandese fu rappresentato da 25 cittadini scelti tra 522 adulti che non appartengono ad alcun partito politico, ma consigliato da almeno trenta persone. Questo documento è stato il lavoro di un manipolo di politici, ma è stata scritto in Internet. Riunioni della Costituente trasmessi on-line, e cittadini potevano presentare le loro osservazioni e suggerimenti, aiutando il documento, che ha preso forma. La Costituzione, che può derivare da processi di partecipazione democratica, sarà presentato al Parlamento per l’approvazione dopo le prossime elezioni.
Alcuni lettori ricorderanno il crollo agricolo dell’ Islanda nel IX secolo che è apparso nel libro di Jared Diamond, con lo stesso nome. Oggi, questo paese si sta riprendendo dal suo collasso finanziario in modi che sono completamente opposte a quelle che sono generalmente considerati inevitabili, come confermato ieri il nuovo capo del FMI, Christine Lagarde, di Fareed Zakaria. Al popolo della Grecia è stato detto che la privatizzazione del settore pubblico è l’unica soluzione. E in Italia, Spagna e Portogallo stanno affrontando la stessa minaccia.
Si dovrebbe guardare all’ Islanda e al suo rifiuto di sottomettersi agli interessi stranieri: l’esempio di un piccolo paese, che ha chiaramente indicato che il popolo è sovrano.
Ecco perchè questa è una grande notizia
__________
Fonte: http://www.dailykos.com/story/2011/08/01/1001662/-Icelands-On-going-
Allego qui un articolo del Foglio di regime per capire a cosa servono i giornali in Italia

Che cosa hanno combinato quegli ingenui degli islandesi

Se in quella piccola isola persa nel nord i debiti non vengono ripagati c’è il rischio dell’isolamento dalla comunità finanziaria

Un paese molto piccolo – un’isola persa nel Nord con meno di mezzo milione di abitanti – un bel giorno diventa un centro finanziario. Una sua banca offre dei tassi generosi ai depositanti. I tassi generosi sono pagati con degli investimenti rischiosi. I depositi possono essere ritirati in ogni momento dalla banca, mentre gli investimenti della banca possono diventare improvvisamente illiquidi o inesigibili. Le sue attività possono, infatti, diventare difficili da vendere o l’emittente titoli può diventare insolvente. Dunque depositare i propri soldi in una banca che offre dei tassi generosi è una scelta finanziaria, non un’azione innocente. Si guadagna molto, ma si può perdere. Invece i depositanti della banca della piccola isola, contando sull’assicurazione statale sui depositi, si sono detti: “se tutto funziona, guadagno, se tutto salta, il mio deposito è assicurato”.
I depositanti in maggioranza erano inglesi ed olandesi e l’isola in questione è l’Islanda. Le perdite della banca ammontano a quattro miliardi di euro, una cifra piccola rispetto a quelle con cui si ha normalmente a che fare nel corso delle crisi finanziarie, ma enorme per la minuscola popolazione islandese – circa 50 mila euro a testa. Gli islandesi da un lato sono tenuti a pagare i depositi, perché assicurati, dall’altro, se pagano, debbono vivere in modo austero per molti anni. E’ come se ogni italiano si trovasse all’improvviso con un debito di 50 mila euro da pagare per molti anni. E’ come se ognuno di noi scoprisse che una banca italiana, che offriva dei tassi esorbitanti, finanziati comprando attività finanziarie rischiose, è fallita. E che si debbono rendere questi denari all’estero, vivendo peggio per anni.
Uno per prima cosa si chiederebbe che cosa ci sta a fare l’Autorità di Vigilanza. Poi si chiederebbe se è giusto trattare un debitore fallito come si faceva una volta, ossia mandandolo in galera, dove la galera oggi è un tenore di vita compresso per molti anni. Infine, è indetto un referendum dove ci viene chiesto che cosa pensiamo: “Volete vivere peggio per anni, perché dei signori pensavano di guadagnare senza rischio?”. In massa tutti a rispondere “No”.
Sembra tutto semplice, ma, se l’Islanda non paga i depositi, ossia se si rifiuta di soddisfare l’obbligo di garanzia, essa potrebbe essere isolata dalla comunità finanziaria, perché “non sta alle regole”. In fondo e a ben guardare, avrebbero ben potuto vigilare per impedire alla loro banca di investire in maniera rischiosa, sapendo che alla fine i depositi erano assicurati. Mentre i depositanti inglesi e olandesi sono stati cinici (se va bene guadagno, se va male sono coperto), gli islandesi sono stati ingenui (le attività finanziare non possono mai andare veramente male).

Fonti: "Foglio Quotidiano" e "Stampa Libera"

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi