Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 13 settembre 2011

I morti sul lavoro in Italia si ricordano solo quando muoiono in gruppo. Il quotidiano stillicidio dei singoli passa quasi inosservato, finisce nelle brevi, scade nel silenzio delle non-notizie, scavalcato dalle escort, dalle beghe giudiziarie dei nostri politici, dall'italietta che ogni giorno va in onda sui teleschermi e sul web, dove notizie fotocopiate regolano l'indignazione comune ma dimenticano l'umanità vicina, quella che lavora in fabbrica. E muore. 


"Nel XXI secolo non si può morire di lavoro", ripetono i presidenti di istituzioni, associazioni, enti e fondazioni alle diverse commemorazioni. Eppure si muore. Una strage che - secondo i dati dell'Ossservatorio Vega Engineering - dall'inizio del 2011 ha mietuto già 348 vittime, 24 in più (+7,4%) di quelle registrate negli stessi mesi dello scorso anno. Trecentoquarantotto persone che sono uscite di casa la mattina e non vi hanno fatto più ritorno. Una strage che se fosse accaduta in un solo giorno, avrebbe superato di poco il dramma del terremoto dell'Aquila e attirato la solidarietà dei Paesi stranieri, costringendo il Parlamento a proclamare il lutto nazionale.  Ma nulla di tutto ciò accadrà mai. In Italia si commemorano i militari morti in guerra ma non quanti ogni giorno costruiscono questo Paese con il lavoro. Sarà retorico e forse populista ma è così. E i media non aiutano: ci si ferma alla notizia solo quando muoiono tre o più lavoratori - vedi il caso di Frosinone - altrimenti l'eco della vicenda è pari a un titoletto di breve che scorre nella parte bassa del teleschermo o - peggio - a una notizia non data. 






Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi