Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 21 settembre 2011

E' 5 ottobre 2008, il presidente del consiglio ha appena rassicurato l'Europa sulla crisi, che non sarà come il 1929. Ma con Tarantini si lascia andare a considerazioni imbarazzanti sulla cancelliera tedesca. In un'altra intercettazione parla di un incontro con le Regioni, "incazzate perché gli sto tagliando i ticket"

L’intercettazione che rischia di pregiudicare i rapporti tra Italia e Germania nel mezzo della peggiore crisi economica che abbia mai colpito l’Unione europea resta custodita gelosamente negli uffici degli inquirenti di Bari. E’ quella in cui il presidente del consiglio farebbe allusioni sessuali pesanti e offensive sulla cancelliera Angela Merkel. “Culona inchiavabile”, sarebbe l’epiteto rivolto al capo della più grande potenza europea. Che ha spinto il settimanale Der Spiegela definire il capo del nostro governo “zotico e volgare”. Il brano incriminato non è mai uscito, ma le indiscrezioni lo collocano in un punto preciso dei verbali redatti dalla Guardia di Finanza.

Sono le 11,53 del 5 ottobre 2008, Silvio Berlusconi chiama Gianpaolo Tarantini, uno dei suoi fornitori di ragazze disponibili a passare nottate ad Arcore. Il giorno prima, Berlusconi era a Parigi, a un vertice G4 straordinario convocato dal presideente francese Nicolas Sarkozy sulla grande crisi finanziaria mondiale, presenti anche la Merkel e il premier britannico Gordon Brown. Berlusconi parlò molto e rassicurò tutti. Non è come la crisi del 1929, disse, “la situazione è completamente differente. Allora c’era una finanza totalmente staccata dall’economia reale”. Poi è andata come è andata.

“Mi fan lavorare come un matto”, si lamenta Berlusconi con Giampi, che lo blandisce: “Ho visto i giornali, televisioni ieri… poi ho seguito tutto il discorso su Sky…”. Poi i due passano a organizzare una cena per mercoledì 8 ottobre, in concomitanza con uno spettacolo del Bagaglino a Roma. Si accordano sul reclutamento delle ragazze (“abbiamo fino a 24 possibilità”, dicono, in base ai posti a tavola). Berlusconi “scarta” Manuela Arcuri, in favore di “gente nuova”. Il presidente del consiglio spiega di aver già provato a organizzare una serata con un altro personaggio del giro,Giampaolo Traversi, essendo tornato da Parigi “un po’ carico”.

E qui parte l’omissis che ci metterebbe in imbarazzo con i tedeschi: otto righe oscurate da un pennarello nero, inframmezzate da brevissimi cenni di Tarantini, omissati anche loro.
Il nome della Merkel torna in un’altra intercettazione. Quella del 20 novembre dello stesso anno, dove Belusconi si lamenta con Tarantini: “Mi stanno riempiendo di lavoro in una maniera indegna… faccio due, tre interventi al giorno per cui bisogna prepararsi”. E l’imprenditore, dopo la consueta dose di adulazione, lo incalza: “Il siparietto con la Merkel l’altro giorno è stato bellissimo, bellissimo veramente”. Il riferimento è al celebre “cucu” con cui il nostro presidente del consiglio aveva accolto la cancelliera al vertice italo-tedesco di Trieste, nascondendosi dietro un lampione e saltando fuori all’improvviso.

In diverse occasioni Berlusconi mischia in modo spericolato lavoro e piacere. Come il primo ottobre 2008, quando, insieme al solito Tarantini, cerca di infilare una delle solite cene tra i tanti impegni istituzionali, compresa una visita in Vaticano. Segue una lunga discussione su chi invitare:Carolina Marconi, “la” Francesca, “la” Graziana… Ma a un cero punto bisogna stringere perché, dice Berlusconi, “adesso vado a incontrare le venti Regioni italiane.. sono incazzate perché gli sto tagliando i ticket”.


fonte



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi