Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 1 agosto 2011

Dopo la strage di ieri ad Hama, la Gran Bretagna per la prima volta non esclude un'intervento armato, come quello in Libia. Intanto il presidente siriano si congratula con i militari che hanno sparato sulla folla

Per fermare la sanguinosa repressione in Siria a opera del regime di Bashar al Assad la Gran Bretagna non esclude un’intervento militare, come quello in Libia. “Non si tratta di una remota possibilità”, ha dichiarato il ministro degli EsteriWiliam Hague, ipotizzando per la prima volta quanto escluso finora dagli altri Paesi occidentali.

Intanto anche la Germania, dopo l’Italia, ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di sicurezza dell’Onu per discutere della situazione in Siria,dove in un’ennesima giornata di sangue ieri oltre 130 persone sono state uccise dalle forze di sicurezza, 100 delle quali nella sola città di Hama (Leggi). Lo ha annunciato ieri sera il portavoce della delegazione tedesca all’Onu Alexander Eber, aggiungendo che la riunione potrebbe tenersi già nella giornata di oggi.

Ieri sera il ministro degli esteri Franco Frattini aveva a sua volta chiesto una riunione urgente dell’organismo dell’Onu “per prendere una decisione molto ferma” dopo la strage di Hama, sollecitando inoltre una riunione di tutti gli ambasciatori dell’Unione europea accreditati a Damasco.

E mentre i Paesi occidentali prendono posizione contro la repressione del regime siriano, il presidente Bashar al Assad si è congratulato con l’esercito “patriottico”, come riferisce l’agenzia di stato Sana.



fonte





Condividi su Facebook

1 commenti:

Gianni ha detto...

Ribelli armati: se sparano sulle forze governative in Siria, in Russia o in Libia, gli insorti sono popolazione civile; se lo fanno in Israele o in Usa sono terroristi.
La congiura anti-siriana entra nel clou approfittando del caldo balneare, così come avviene sempre per le principali cospirazioni.
Con Assad senza se e senza ma.
Altrimenti la Siria sarà sprofondata in un nuovo Iraq, dove comandano gli integralisti, alleati di Washington e di Tel Aviv, dove ogni libertà è conculcata e tutte le religioni sono perseguitate in nome della Sharia. E di Wall Street.
Con Assad senza se e senza ma.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi