Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 2 agosto 2011

pronto soccorso 2 I ticket sulla sanità, colpire i poveri e salvare la castaUn salasso senza fine. E a rimetterci, solo ed esclusivamente i più poveri. Ecco il nuovo ticket sanitario che da oggi è applicato in moltissime regioni italiane. Si tratta di 25 euro in più sui codici bianchi al pronto soccorso e 10 in più sulle visite specialistiche. Una tassa sui malati che colpisce chi usufruisce delle strutture pubbliche, cioè chi non può permettersi un'assicurazione privata. La maggiorazione dei ticket è stata recuperata da una legge del 2007 attraverso una norma inserita nella manovra finanziaria approvata a metà luglio.
Le regioni sul piede di guerra. I nuovi ticket si sommano a quelli già in vigore, già imposti da ogni singola Regione. E proprio le Regioni sono sul piede di guerra. “Un problema oggettivo e tecnicamente non corretto”, spiega Vasco Errani, governatore della Regione Emilia-Romagna. Se è vero che le Regioni sono libere di introdurre i ticket o trovare forme equivalenti, sarà molto difficile sostituirli in quegli enti locali con un bilancio in rosso. Solo 4 governatori hanno annunciato di aver trovato forme alternative al ticket, ma altri, favorevoli o contrari che siano, si troveranno nell'impossibilità oggettiva di poter decidere.
Rimodulare i ticket sul reddito”. Il confronto tra governo e regioni proseguirà ancora nei prossimi giorni. Oggi è stato avviato un tavolo tecnico, domani quello politico. “Le Regioni pongono un problema sull’applicabilità del decreto tecnico e dei ticket e contestano nel merito il criterio di attuazione”, ha spiegato Raffaele Fitto, ministro degli Affari regionali. Tra le proposte dei governatori, la rimodulazione dei ticket sulla base del reddito e della tipologia delle prestazioni.
Ed ancora una volta nord contro sud. Alcuni presidenti, soprattutto quelli che guidano regioni virtuose del nord, non vogliono sentir parlare di aumento dei ticket. “Non possiamo pagare per gli sprechi degli altri. Se saremo costretti ci opporremo con i dovuti ricorsi”, spiega Luca Zaia, governatore del Veneto.
I labili confini del codice bianco. La manovra definisce “codice bianco” la prestazione sanitaria “inappropriata” ad un regime di pronto soccorso. In parole semplici, rientrano nel codice bianco quei cittadini che si rivolgono a strutture di pronto soccorso senza una concreta urgenza. A questi il governo impone il pagamento del nuovo ticket, oltre a tutti quei cittadini che ricorrono a visite mediche nelle strutture pubbliche come le Asl. Nel pronto soccorso sarà il medico a stabilire il codice dopo la visita. Farà fede quindi, per il pagamento del ticket, il codice assegnato in uscita. Così, chi si rivolge al pronto soccorso per un mal di pancia, per influenza e per punture di insetti rischia di pagare il ticket.
Così, ancora una volta, saranno le fasce più deboli a pagare i tagli imposti dalla politica. I più ricchi negli ospedali pubblici non ci mettono mai piede.





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi