giovedì 28 luglio 2011

Val di Susa: appello di docenti e ricercatori a Giorgio Napolitano

Tav in Val di Susa. Oltre 150 docenti e ricercatori universitari scrivono un appello al Presidente della Repubblica perché sia proposta una discussione trasparente ed oggettiva sulle motivazioni della “grande opera”. La notizia - perché di questo si tratta - non trova spazio sui quotidiani nazionali, troppo occupati a raccontare di scontri e proteste. Eppure, l’appello è veramente interessante da leggere e ci consente di aprire uno spazio di approfondimento non banale sul tema No Tav


Questo il testo dell’appello:


Onorevole Presidente,
il problema della linea ferroviaria ad alta velocità/alta capacità Torino-Lyon rappresenta per noi, ricercatori e docenti, una questione di metodo sulla quale non è più possibile soprassedere.


Il pluridecennale processo decisionale che ha condotto a questa situazione è stato sempre afflitto da una scarsa considerazione del contesto tecnologico, ambientale ed economico tale da giustificare o meno la razionalità della scelta, data sempre per scontata dal mondo politico, imprenditoriale e dell’informazione, come assoluta fonte di giovamento per il Paese.



Tuttavia è ormai nota una consistente e variegata documentazione scientifica che contraddice alcuni assunti fondamentali a supporto dell’opera e ne sconsiglia nettamente la costruzione, anche alla luce di scenari economici e ambientali futuri del tutto differenti da quelli sui quali, vent’anni fa, si è basato il progetto.


Nel nostro Paese in molti casi, grandi opere sulla cui realizzazione ci si è caparbiamente ostinati anche allorché i dati oggettivi ne sconsigliavano la prosecuzione, si sono in seguito rivelate causa di danni, vittime e ingenti costi economici e ambientali che avrebbero potuto essere evitati.
Non vorremmo che, nonostante le attuali conoscenze propongano ancora una volta ragionati dubbi, la scelta intransigente di proseguire ad oltranza la costruzione dell’opera porti a doversi dolere in futuro di questa leggerezza ingiustificabile. Pertanto chiediamo rispettosamente di rimettere in discussione in modo trasparente ed oggettivo le necessità dell’opera.


Qualora la nostra istanza non venisse accolta, e le perplessità in essere si rivelassero fondate in fase di realizzazione ed esercizio dell’opera, la presente resterà a futura memoria.


Naturalmente, l’appello non può contenere, per ragioni di brevità, tutte le ragioni esposte dai fautori del “No”. Avremo comunque modo di analizzarle, in maniera approfondita e dati alla mano, per confrontarle con le ragioni dei sostenitori del “Sì”.


fonte





Condividi su Facebook

Nome

Email *

Messaggio *