Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 24 luglio 2011
Fido in corsia  via libera dell’assessore
Sì all’interpretazione estensiva della legge”. Gli animali in visita ai padroni ammalati


Orario di passo in ospedale per i cani. I padroni malati potranno abbracciare i loro compagni nelle strutture sanitarie toscane. L’assessore alla salute Daniela Scaramuccia apre alla proposta fatta dal responsabile della sanità del Comune di Prato, Dante Mondanelli e dà il via libera a Fido nei reparti. «Tutto quello che può servire a migliorare la vita dei pazienti ci trova d’accordo», dice Scaramuccia, che spiega: «La Toscana ha già una legge che prevede la possibilità per i cani di entrare negli esercizi pubblici e commerciali nonché nei locali e uffici aperti al pubblico sul territorio regionale. Si tratta di dare una interpretazione estensiva. Partiamo dal presupposto che il nostro obiettivo è andare verso una sempre maggiore umanizzazione delle strutture sanitarie».
Gli animali, ovviamente, non potranno entrare in tutti i reparti. «Le condizioni per la loro presenza saranno indicate dai responsabili sanitari delle unità operative e dalle direzioni degli ospedali  prosegue Scaramuccia  Va fatta una valutazione caso per caso per capire la situazione ambientale, lo stato di salute dell’uomo e le caratteristiche del cane. Solo se non ci sono pericoli per il malato o disturbo per gli altri ricoverati e per il personale potrà arrivare il via libera». Ci sono unità operative dove è impensabile la presenza di cani o gatti, dalle terapie intensive alle unità coronariche alle chirurgie specialistiche. Invece i pazienti costretti a lunghe degenze in reparti come le medicine, la psichiatria o l’ortopedia avranno maggiori possibilità di ricevere visite dal loro cane. 

«La nostra Regione ha dimostrato una sensibilità nei confronti di questa tematica con la legge del 2009  prosegue Scaramuccia  dove sono stati sanciti i diritti degli animali e dei loro padroni e dove, per quanto riguarda l’aspetto sanitario, si parla esplicitamente di pet therapy in corsia». Quel tipo di attività, svolta con cani addestrati e personale specializzato, è da anni presente in varie strutture sanitarie come il Meyer. E’ ritenuta molto utile per i pazienti ma il nuovo passo è diverso perché prevede l’ingresso nella struttura sanitaria del cane della persona ricoverata, che con questa ha un rapporto speciale.
Mondanelli martedì aveva annunciato la preparazione di un nuovo regolamento comunale per la tutela e il benessere degli animali in città che deve ancora essere approvato dal consiglio comunale di Prato. Tra le altre cose nel testo si parla di animali e strutture sociosanitarie. «La prima intenzione è quella di coinvolgere le Rsa  spiega Mondanelli  Visto che molte sono convenzionate con noi vorrei che nel percorso di accreditamento delle strutture fosse incentivata la capacità di assicurare la possibilità che gli animali domestici vadano a trovare gli anziani. La natura delle strutture mi sembra adatta a questa ipotesi».
Per quanto riguarda gli ospedali, il Comune non ha competenze ma l’assessore pratese ieri spiegava di voler parlare con la Asl per ragionare insieme su come far entrare in contatto i ricoverati con i loro animali di compagnia. Poi è arrivata la presa di posizione di Scaramuccia. «Per come conosco Daniela  commenta Mondanelli  la sua sensibilità al tema è certa e sono sinceramente contento che le nostre posizioni coincidano. Tra l’altro lei viene dal Piemonte e il nostro regolamento si ispira a quello del Comune di Torino. Ci sono già unità operative che non hanno problemi se un cane va a trovare il padrone ricoverato, adesso dobbiamo passare allo studio delle modalità attuative che naturalmente dovranno rispondere al rispetto delle norme igienico sanitarie e non devono turbare l’organizzazione dei reparti».


Fonte: http://firenze.repubblica.it/cronaca/2011/07/21/news/fido_in_corsia_via_libera_dellassessore-19434948/



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi