Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 17 luglio 2011

ASSURDO!!!! Roma, 17 Luglio: Si è presentato In 4 diversi ospedali, per un totale di 6 volte. Accusava difficoltà respiratorie, ma per i medici non aveva niente. ma è stato rimandato a casa... E' MORTO!!!


Roma, 17 luglio - Una tragica odissea con esito mortale: vittima Giorgio Manni, 51 anni, muratore, agli arresti domiciliari per "una piccola storia di droga". L'uomo, riporta oggi il quotidiano Il Messaggero, per sei volte è andato al pronto soccorso, in quattro differenti ospedali di Roma, perchè si sentiva male, aveva difficoltà respiratorie, forti dolori ai reni. Per cinque volte è stato rimandato a casa sollecitando una terapia domiciliare dopo avergli fatto una flebo, qualche puntura, misurata la pressione. L'ultima corsa - riferisce il quotidiano - in autoambulanza in un pronto soccorso in cui, davanti a Giorgio cianotico, il medico capisce la gravità della situazione. L'uomo viene trasferito al policlinico di Tor Vergata, dove avrebbe dovuto essere operato d'urgenza per un versamento polmonare e dove, il 15 luglio, è morto. A denunciare la vicenda è la sorella. La presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ha chiesto alla direzione sanitaria della Asl RmG di attivare immediatamente una commissione d'inchiesta sul decesso di Manni. "Ho contattato il direttore sanitario - spiega Polverini in una nota - e ho sollecitato l'avvio immediato di una verifica affinché si faccia piena chiarezza su quanto accaduto negli accessi al Pronto soccorso".
Sulla vicenda è intervenuto anche Francesco Proietti Cosimi, deputato di Futuro e Libertà, che annuncia che avanzerà una richiesta alla Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori e i disavanzi sanitari "affinché si faccia chiarezza sulla vicenda". "Come è possibile - si chiede in una nota - che un uomo recatosi per sei volte al pronto soccorso venga rimandato puntualmente a casa, fino all'ultima in cui è morto? L'inaccettabile giustificazione del personale sanitario sembra appigliarsi - prosegue - al sovraffollamento delle strutture di cura laziali, ma ciò, avendo causato la morte di un essere umano, è assolutamente inaccettabile".

fonte: TM News





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi