Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 7 luglio 2011

Stupro a una suora: Padre Fedele condannato a 9 anniNostante i suoi proclami d'innocenza, padre Fedele Bisceglia e' stato condannato a nove anni e tre mesi di reclusione. Per i giudici di Cosenza, l'ex frate ha violentato la suora, anche se l'uomo non smette di urlare la propria estraneita' alle accuse e annuncia di ricorrere in secondo e terzo grado. Avete infangato un sacerdote onesto, si tratta di un complotto messo in piedi ai miei danni, e' il commento a caldo. E' la pagina piu' dolorosa mai scritta dalla magistratura di Cosenza.
Anche il suo segretario Antonio Gaudio è stato condannato per lo stesso reato, a 6 anni e 3 mesi. S'infittiscono così i guai per l'ex frate francescano, noto per l'esuberanza di suoi modi, la passione da vero ultrà per il Cosenza e le comparsate in tv. Intemperanze, queste, che già gli costarono nel 2007 l'espulsione dall'Ordine generale dei frati minori, dopo l'ennesima partecipazione ad una partita del Cosenza, in curva tra gli ultrà. 
La vicenda risale al gennaio 2006, quando padre Fedele finì in carcere per i cinque stupri denunciati dalla suora. La donna raccontò agli inquirenti di essere stata sottoposta a farmaci, che l'avrebbero resa completamente succube dei suoi presunti violentatori. Per ben cinque volte, così, fu vittima di violenza. Padre Fedele, da parte sua, si è sempre dichiarato innocente, respingendo tutte le accuse. "Sono innocente" - Già nei giorni scorsi, a conclusione delle arringhe difensive, era stato lo stesso Bisceglia a ribadire la propria innocenza con una lettera, in cui invitava la suora ad uscire allo scoperto e a dire la verità. Chiedeva, inoltre provocatoriamente, all'ex questore e all'ex dirigente della mobile che l'arrestarono cinque anni fa, dove fossero le prove della sua colpevolezza.  Agli strepiti dell'ex frate fa da contraltare la soddisfazione espressa dalle suore Francescane dei Poveri, secondo cui la sentenza "rappresenta un grande sollievo per la nostra suora e tutte le donne immigrate coinvolte come vittime in questa triste vicenda".
Fonte libero-news.it






Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi