Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

sabato 16 luglio 2011


Capra“Gli esperimenti OGM sulle capre della AgResearch hanno avuto una svolta stravagante: le gravidanze che sono andate a buon fine hanno prodotto per lo più dei piccoli transgender (= non sono femmine, non sono maschi… ndt) che lo staff della AgResearch chiama ‘goys’, secondo l’Associazione Soil & Health (Terra & Salute) della Nuova Zelanda.
Un manager della AgResearch di recente ha rivelato alla Soil & Health e alla GE Free NZ (NO OGM della Nuova Zelanda), durante un tour al suo sito-prova Ruakura con animali OGM, che la più parte delle capre prodotte con modificazione genetica, erano transgender. Sembra che circa il 75% fossero “goys” ed il resto femmine”.
Ma non è tutto!.. “Le femmine “goys”, femmine in corpi maschili sterili, saranno munte per fare degli accertamenti e vedere se nel latte ci sarà la proteina umana intenzionalmente modificata geneticamente”, ha detto il portavoce della Soil & Health – Organic NZ, Steffan Browning.
(…) AgResearch ha tenuto traccia dei piccoli OGM nati ed è risultato che fossero soggetti ad una serie di carenze e disturbi incluso artrite, fatiche respiratorie, deformità e ovaie perforate. (1)
“i 15 “goys” che abbiamo visto, avevano 4 vere sorelle, con una che è stata munta a 6 mesi a seguito dell’approvazione raggiunta dal comitato interno per l’etica” (2) (etica???.. che buontemponi sti’ scienziati…)


“Considerato che recenti resoconti hanno mostrato come gli scienziati della AgResearch intenzionalmente abbiano corrotto la ricerca di monitoraggio sui rischi microbici legati al trasferimento orizzontale del gene (HGT), questi risultati riproduttivi innaturali e le continue problematiche sulla salute degli animali, dovrebbero decretare la fine degli esperimenti della Ruakura OGM”, ha detto Mr Browning. (3)
“Un archivio dati sulla buona salute degli animali ed una reputazione sulla mancanza in loro di OGM, sono molto importanti per la immagine commerciale della Nuova Zelanda e sono sempre più richiesti dai consumatori. Esperimenti crudeli per un futuro allevamento OGM non sono ciò che vogliono i Neozelandesi né i preziosi consumatori oltremare”. (4)
“AgResearch è il crudele operatore finale di una partnership d’affari con uno sporco produttore di farmaci, Genzyme, che è stato indagato e multato dalla FDA Americana ( Food & Drug Administration) per scarse pratiche di produzione”. (5)
(…) La Soil & Health vuole che gli esperimenti crudeli ed innaturali sugli animali si chiudano immediatamente, che venga riaffermato il New Zealand Bioethics Council (Consiglio Bioetico della Nuova Zelanda) e che il governo faccia velocemente dei passi verso una produzione biologica, altamente sostenibile e desiderabile e esente da crudeltà su animali.
NOTE:
(1) http://www.ermanz.govt.nz/no/compliance/agresearch.html ERMA Annual reports on GMF98009 and GMD 02028 

(2) Photographs attached and available at a higher resolution. 

(3) http://www.organic-systems.org/journal/Vol_6(1)/pdf/6(1)-Heinemann-pp3-19.pdf 

(4) http://www.organicnz.org/soil-and-health-press/1007/kiwi-poll-rejects-ge-animals/%20 

(5) http://www.reuters.com/article/idUSN2124303620100421
Traduzione: Cristina Bassi





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi