Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 19 luglio 2011
Una notizia pur essendo tragica, è importantissima per stabilire che la nostra ipotesi (per noi verità) che Niki Aprile Gattisia stato ucciso e non suicidato sia fondata.

La Magistratura che ha archiviato la morte di Niki come suicidio, tra le righe, aveva fatto intendere che la verità che urla a squarciagola Ornella Gemini potrebbe essere quasi un'ipotesi fantascientifica. Addirittura il garante dei detenuti di Sollicciano Corleone in una intervista su Radio 24 diceva che era assurdo che Niki sia stato ucciso e che per farlo ci voleva un'organizzazione troppo sofisticata e in breve tempo non potevano organizzare un omicidio. E invece, oggi, c'è una notizia che potrebbe aprire la strada anche all'accertamento per la vera causa della morte di Niki Aprile Gatti.
Il 18 novembre del 2007 Marco Erittu, sassarese, 40 anni, viene trovato agonizzante sul proprio letto, con un lenzuolo intorno al collo e in parte conficcato in bocca: è impossibile salvarlo. Si pensava ad un suicidio, a una morte per impiccagione. Gli agenti della polizia penitenziaria trovarono l’uomo moribondo in cella. Sul posto giungono i medici del 118 che non possono far altro che constatare il decesso per soffocamento. Ed esattamente come Niki, la morte venne classificata come suicidio.
Ma a distanza di quattro anni c'è stato un colpo di scena: per gli inquirenti è stato un omicidio.
Fermiamoci un attimo. Noi per Niki avevamo ipotizzato che ucciderlo purtroppo non sarebbe stato poi così tanto complicato come volevano farci credere. Bastano tre persone. Due detenuti legati alla criminalità organizzata, o comunque appartenenti ad una banda criminale, e ovviamente per forza di cose un secondino.
Perchè è stato ucciso Niki? Lo abbiamo detto, pubblicato, documentato molte volte: poteva essere quel granello di sabbia che avrebbe inceppato l'ingranaggio. E non doveva avvenire perchè è chiaro come la luce del sole che dietro ci siano interessi di forti Poteri che coinvolgono grossi gruppi finanziari e collusione tra Stato e criminalità organizzata.
Ritorniamo all'omicidio-suicido di Erittu. Per gli inquirenti è accaduto questo: l'agente avrebbe lasciato la porta della cella aperta, consentendo a due detenuti di entrare e soffocare Erittu con una busta di plastica avvolta intorno al capo. La cella era stata quindi richiusa e la morte di Erittu era stata classificata come suicidio.
Il movente sarebbe questo: l'eliminazione di quello che sarebbe potuto diventare un testimone scomodo su vicende legati a sequestri di persona negli anni '80.
Ora io mi chiedo: come hanno fatto ad archiviare in fretta e furia la morte di Niki, nonostante le numerose contraddizioni ed elementi non chiariti?
Niki è stato ucciso e per strozzarlo hanno magari utilizzato lo stesso laccio usato successivamente per simulare un'impiccagione... davvero improbabile visto che non poteva assolutamente sostenere il suo peso.
Tutti noi che ci impegniamo per rendere Giustizia a Niki non abbiamo mai archiviato.
E gli eventi ci stanno dando ragione. Purtroppo.






Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi