Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 28 luglio 2011


Decesso choc alle Scotte di Siena, Mugnai e Marignani (Pdl): «Le ultime ore della donna un autentico calvario...


...La Regione dia risposte immediate e chiare su fatti e responsabilità»
            
Una trasfusione non necessaria effettuata con sangue destinato ad altro paziente ha aperto la strada a un’agonia di giorni conclusasi con il decesso choc di una paziente ottantenne di Sansepolcro: è accaduto l’altro ieri al policlinico senese delle Scotte e ora sulla vicenda, di cui si sta già occupando la magistratura, dovrà far luce la Regione Toscana. A chiamarla a questo compito un’interrogazione depositata oggi dal Vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale Stefano Mugnai (Pdl) e dal Consigliere regionale del Pdl Claudio Marignani, che chiedono espressamente all’assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia e al governatore Enrico Rossi «risposte immediate e chiare sull’accaduto», oltre che di «appurare con le dovute verifiche se ci siano responsabilità certe». Non solo, però, perché Mugnai e Marignani domandano anche «azioni per evitare il ripetersi di queste tragedie».
Tutto, però, dopo aver ricostruito in narrativa le troppe stazioni dell’autentica via crucis patita dall’anziana donna, «ricoverata nel reparto di cardiologia del policlinico di Siena Santa Maria alle Scotte il 30 maggio scorso per cardiopatia valvolare con stenosi aortica severa e stenosi valvolare mitralica e precisamente».
«La paziente – si legge nell’interrogazione – è stata operata il 09.06.11 con successo, e sono state impiantate due valvole biologiche. Le condizioni al 10.06.11 dei valori generali risultavano migliori del previsto. In seguito, l’11.06.11 è stata effettuata trasfusione con sangue non compatibile destinato ad altro paziente (la paziente non ne aveva bisogno). Ancora, al 18.06.11 la paziente ha avuto emorragie interne. Il 22.06.11 è stato asportato l’intestino crasso. L’08.07.11 la paziente ha subito un ulteriore intervento per risistemare lo sterno, che si era staccato». Non solo: «Nelle ultime settimane la paziente era stata sottoposta alla terapia intensiva con la  macchina per dialisi, in quanto aveva  perso la funzione renale». L’atto finale il 27 luglio scorso, con il decesso alle ore 18. «Preso atto che la procura della Repubblica di Siena ha aperto un’inchiesta» e «ritenuto doveroso appurare come mai si sia arrivati a questa tragedia», Mugnai e Marignani sottopongono adesso il caso alla giunta regionale. Per capire cosa sia accaduto. E perché non accada ancora.


Dal comunicato stampa del Consigliere Regionale PdL Stefano Mugnani





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi