Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 26 luglio 2011

scorte 300x225 Lesercito dei sotto scorta, a Roma 300 auto e mille uomini impiegati ogni giornoCinquanta volanti delle forze dell'ordine impiegate ogni giorno di pattuglia, contro trecento auto dedicate ai servizi di scorta a circaduemila personalità ritenute a rischio. Sono i dati riferiti alla città di Roma che raccontano una sproporzione tutta italiana per cui lo Stato tutela se stesso più che i cittadini, salvo poi fare campagne populiste sulla sicurezza ad ogni elezione. I numeri, contenuti i una lettera inviata dal sindaco di Roma,Gianni Alemanno, al ministro dell'Interno, Roberto Maroni (che pare non abbia gradito la missiva), raccontano una città - la capitale d'Italia - abbandonata a se stessa, con pochi uomini e mezzi a proteggerla.
E se il numero delle volanti che ogni giorno pattugliano Roma è sei volte inferiore rispetto a quelle impiegate per le scorte, la sproporzione riguarda anche gli agentiseimila tra la Città Eterna e provinciamille di scorta a duemila persone ritenute "a rischio".


Il paradosso - denunciano i sindacati di polizia - è che le scorte una volta assegnate quasi mai vengono revocate. E spesso si tratta di politici ormai usciti dai Palazzi del potere, di giudici minacciati dalle Brigate Rosse trent'anni fa, di economisti promotori di leggi contestate ma superate. A decidere sulle scorte sono il Comitato provinciale per la Sicurezza pubblica e - per le cariche più alte dello Stato - il Dipartimento informazioni per la sicurezza.
Il tutto mentre le volanti delle forze dell'ordine viaggiano con una media di 200mila chilometri nel motore e spesso finiscono in assistenza "tanto che - spiega Enzo Letizia, segretario dell'associazione Nazionale Funzionari di Polizia - può accadere che un commissariato abbia gli uomini in servizio ma non le volanti".






Condividi su Facebook

1 commenti:

ussnavy ha detto...

e che c, , ,o si può commentare!!mi dispiace per i soliti polizziotti che sono derisi e bistrattati

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi