Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 13 luglio 2011
Nota: quando a "spaccare tutto" sono altre categorie, i mass media li definiscono "black block": una frangia di estremisti No Tav spacca tutto? Sono tutti black block! Allora questi attivisti cattolici possiamo definirli "cattolici black block", giusto? 


Alta tensione a Belfast, in Irlanda del Nord. La scorsa notte, infatti, si sono verificati violenti disordini a Broadway, quartiere cattolico della città, e si teme che nelle prossime ore la situazione in questa nazione del Regno Unito da sempre in parte ostile al protestantesimo possa degenerare.
A scatenare la furia della frangia cattolica della popolazione è stata tradizionale marcia annuale in occasione della vittoria Guglielmo III d'Orange sul papista Giacomo II nella Battaglia di Boyne del 1690, culmine delle celebrazioni protestanti. Infatti, appena i fuochi d'artificio hanno dato il via alla festa è stato scontro aperto tra polizia e manifestanti, con lancio di proiettili di gomma da parte delle forze dell'ordine a cui i cattolici hanno risposto con pietre e bottiglie molotov.
Sono sette come minimo gli agenti feriti, mentre al momento pare che tutti i civili siano rimasti illesi.


Questo episodio è il culmine di due settimane di incidenti di stampo religioso che si sono concentrati nei quartieri orientali di Belfast, i più gravi che si siano verificati nella nazione da diverso tempo a questa parte.
Le recenti violenze lasciano pericolosamente riaffiorare lo spettro dei "troubles", ovvero i trentennali conflitti interconfessionali che hanno provocato circa 3500 morti in Irlanda del Nord prima di concludersi con gli accordi di pace firmati nel 1998.



fonte





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi