Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 26 luglio 2011
Da Kabul al Chiomonte. Tornati dalla guerra, gli alpini della Taurinense hanno rimesso la mimetica e sono saliti in Valsusa per difendere il cantiere della Tav dagli assalti degli attivisti.

In base al decreto sicurezza del 2008, i militari italiani possono affiancare le forze di polizia nel controllo cittadino e di siti 'sensibili'. Risulta particolarmente anomala la tenuta anti-sommossa. "L'impiego è stato assai strano  - spiga Luca Marco Comellini, ex maresciallo e fondatore del Partito dei Militari -, direi singolare, se non avessi forti dubbi che sia stato legale. In generale ho forti dubbi sull'utilizzo delle forze armate per questo tipo di operazioni. Sono stati messi lì per la vigilanza al sito, non riesco a capire con quali compiti e con quali funzioni. Un conto sono le funzioni di polizia, un conto quelle di vigilanza, e sono solo queste ultime quelle riservate ai militari. La tenuta antisommossa non ci doveva proprio essere. Purtroppo sappiamo quali sono le idee del nostro ministro della Difesa e della sua propaganda. Questo è uno snaturamento delle forze armate, si sottraggono funzioni a coloro che le dovrebbero esercitare, ovvero le forze di Polizia".

Far la guardia alle ruspe è stata la consegna alla Maddalena: dar man forte a polizia e carabinieri nel respingere la protesta dei valsusini. Domenica erano 150 le penne nere. Oltre il doppio gli ex-alpini che li hanno contestati. 'Montanari' contro montanari. Veterani contro nuove leve, che qualcuno chiama già mercenari. Da qui proveniva il glorioso battaglione Susa, e anche da queste valli partono gli alpini destinati alla Forza di intervento rapido della Nato. Ora che li hanno visti dar manforte a polizia e carabinieri, i valsusini si chiedono: dove è finito lo spirito degli alpini?

Walter Neirotti è di Bussoleno, e ha fatto l'alpino quasi quarant'anni fa. "Ma non sono iscritto all'Ana (Associazione Nazionale Alpini, ndr). L'alpino l'ho fatto da militare, quando andava fatto. Ma io sono sempre stato contro tutte le guerre e non ho amato molto la divisa. Nel fine-settimana eravano tantissimi, centinaia di ex-alpini. Mi chiedo come si fa, a mandare gli alpini a fare ordine pubblico in modo così pesante contro una popolazione. Buona parte sono reduci dall'Afghanistan, dove siamo andati a 'combattere il terrorismo'. Certo, ora siamo terroristi anche noi qui della Val Susa, è per questo che ci combattono. Ma combattono se stessi, perché in ogni paesino di queste valli ci sono metri di lapidi di caduti in tutte e due le guerre mondiali, ed erano tutti alpini. Mandare soldati che fanno ordine pubblico contro una popolazione che nei secoli ha dato il sangue per la patria è stato uno schiaffo, un insulto. Erano in tanti a protestare: ne ho visti centinaia col cappello da alpini, e soprattutto gente della mia età. Contro cosa protestavano? Contro i falsi alpini, quelli che avevano scudo e manganello, quelli in tenuta antisommossa. Al presidio vengono anche utilizzati per perlustrazioni, setacciano i boschi, fanno le ronde come nelle città. Solo che qui non siamo in città".

Ha turbato molti, la vista degli alpini contro i valligiani. Gli alpini No-Tav, quelli da questa parte delle barricate, gli hanno scritto una lettera: "Abbiamo sfilato fianco a fianco con voi all'adunata del 150° anniversario dell'Unità d'Italia e non ci piace vedervi lì. Ci sconforta vedere divise sempre onorate difendere simili interessi". Enzo Chiappusso, ex-artigliere alpino, ora operaio, è di Novalesa e ha 57 anni. "Oggi sono un volontario della protezione civile. Giro l'Italia, e do una mano per sistemare i disastri che soprattutto i nostri politici hanno combinato. Quest'anno darò indietro la tessera dell'Ana, perché le dichiarazioni del presidente non mi sono andate giù". Il presidente dell'Ana, Corrado Perona, ha scritto, in una lettera ai veterani della Valsusa, di non farsi strumentalizzare e coinvolgere in manifestazioni 'di carattere politico'. "Gli associati dell'Ana - si leggeva nel documento - non possono utilizzare il cappello alpino per manifestazioni di carattere politico, a maggior ragione in presenza di così evidenti tentativi di strumentalizzazione".

Chiappusso ci è rimasto male, così come il gruppo degli alpini 'No Tav', che hanno rispedito al mittente le 'farneticazioni' di Perona, scrivendo una contro-lettera in cui affermano che "ci hanno pensato altri a 'strumentalizzare e sporcare la nostra storia e tradizione', ovvero quelli che decidono e sostengono l'utilizzo delle truppe alpine come truppe di invasione e occupazione di uno Stato sovrano quale l'Afghanistan, che non ha mai avuto problemi con il nostro Paese, utilizzo che, oltre a violare l'art. 11 della Costituzione viola totalmente lo spirito alpino e provoca inaudite sofferenze alla popolazione locale".

"Con tutto il rispetto per chi ha dato la vita in Afghanistan - spiega infine Chiappusso - i nostri alpini non vanno a portare aiuti con zappe e badile nelle cosiddette 'missioni di pace', ma anzi, vanno armati fino ai denti. Perona deve venire a informarsi in mezzo alla gente. Io vado nel Caucaso la settimana prossima a fare un cinquemila metri. Mi porto il cappello degli alpini. I veri alpini siamo noi. Gli altri sono solo militari professionisti".

Gli alpini non hanno partecipato alle azioni di contenimento dei manifestanti. Lo spiega l'avvocato Emanuele D'amico, presente in Valsusa ieri: "Sono equipaggiati per farlo ma non l'hanno fatto". Perché hanno scelto proprio gli alpini? "Per 'far numero', probabilmente, in vista di una futura dichiarazione dell'area 'sito strategico e militare', e perché costano meno rispetto a polizia e carabinieri. Certo, sarebbe inquietante, o meglio, tra l'inquietante e il ridicolo, in un futuro non troppo lontano vedere i blindati Lince, quelli che dovrebbero resistere agli ordigni in Afghanistan, essere impiegati in una zona come la Valsusa, che non è esattamente un teatro di guerra".






Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi