Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

lunedì 25 luglio 2011
In serata, una quarantina di manifestanti hanno bloccato la statale 24 nei pressi di Chiomonte, con gravi disagi per la circolazione. Presente anche Haidi Giuliani. "Oggi - ha detto - il G8 di Genova è qui"


Non s’allenta la tensione a Chiomonte (Torino) intorno al cantiere per l’avvio dei lavori per la costruzione della linea ad alta velocità Torino-Lione. Sia durante la scorsa notte, sia per tutta la giornata di oggi si sono susseguite azioni e iniziativa di appartenenti al movimento No Tav che hanno lanciato pietre, bulloni, petardi, bombe carta, palloncini con liquido organico e palline imbrattate contro le forze dell’ordine schierate a protezione dell’area del cantiere. Polizia e Carabinieri hanno risposto con getti di acqua dagli idranti e con il lancio di alcuni lacrimogeni, sia nel corso della notte, sia in mattinata, sia in serata. Proprio in serata, una quarantina di manifestanti hanno bloccato la statale 24 nei pressi di Chiomonte, con gravi disagi per i turisti che stavano scendendo a valle dopo aver trascorso il fine settimana in montagna.

Sempre in serata, alcune centinaia di manifestanti dell’area antagonista, anarchica e dei Centri sociali – secondo quanto riferito dalla Questura di Torino – con caschi e altre protezioni, hanno tentato di abbattere, spingendolo, il cancello di protezione dell’area della centrale elettrica di Chiomonte. Una ventina di loro sono riusciti a scavalcare il primo cancello e sono stati bloccati dalle forze dell’ordine prima del secondo cancello e della recinzione. Contro Polizia e Carabinieri c’è stato un lancio fittissimo di pietre, petardi e bombe carta dal pendio di una collina. Quattro carabinieri del battaglione ‘Toscanà sono stati colpiti da ordigni artigianali e sono rimasti feriti alle braccia e alle gambe.



L’azione è cominciata poco dopo che i moderati del movimento No Tav, che hanno dato vita a una manifestazione assolutamente pacifica con 1500-2000 persone, si erano allontanati dalla zona dove, nel pomeriggio si erano radunati per manifestare la loro opposizione alla linea ferroviaria. Alla manifestazione dei moderati hanno partecipato anche alcune centinaia di ex Alpini che, sempre oggi, hanno dato vita al primo raduno degli Alpini No Tav per protestare contro la Tav ma anche contro la presenza di circa 150 alpini della Taurinense impegnati nella zona di Chiomonte in attività di supporto alle forze dell’ordine.


Sempre nel pomeriggio, nella zona del campeggio No Tav allestito nei pressi dell’area del cantiere, è arrivata Haidi Giuliani, la mamma del giovane Carlo ucciso da un carabiniere durante la manifestazione No global del 2001. “Oggi – ha detto – il G8 di Genova è qui. Carlo – ha aggiunto tra gli applausi della folla che si è riunita per ascoltarla – aveva capito per primo cosa succedeva in Val Susa” e “andò a manifestare a Torino quando furono uccisi Sole e Baleno”, riferendosi aMaria Soledad Rosas ed Edoardo Massari, i due giovani anarchici morti suicidi in carcere nel 1998 dopo essere stati arrestati con l’accusa di essere autori di attentati No Tav. “Qui, oggi – ha concluso – stanno violando tutto. Qui c’è il confine della democrazia”.


I No Tav, infine, su Facebook hanno respinto con sdegno le voci, riprese anche da alcuni siti Internet di news, di un ruolo del movimento nell’incendio alla stazione Tiburtina di Roma. La Polizia, infine, ha continuato l’azione di ‘bonificà dei boschi dai quali spuntano i manifestanti per lanciare pietre e petardi contro le forze dell’ordine. Sono stati trovati un passamontagna, due scudi artigianali da autodifesa, una mazzetta, un falcetto, una tanica con cinque litri di liquido infiammabile, e anche due taniche di liquido maleodorante, tre spranghe di metallo, alcune mazze di legno e numerosi pezzi di ferro divelti dalla recinzione e dal cancello realizzati a protezione dell’area del cantiere.


fonte





Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi