Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 14 giugno 2011
Secondo un rapporto globale sulla prevenzione dell'Hiv lanciato oggi, si stima che ogni giorno 2500 giovani vengano contagiati dal virus Hiv. Mentre la diffusione dell'Hiv e' leggermente diminuita tra i giovani in genere, le giovani donne e le ragazze adolescenti si trovano di fronte a un rischio particolarmente elevato di infezione, a causa sia della loro vulnerabilita' a livello biologico sia della disuguaglianza e dell'esclusione che patiscono a livello sociale.
Per la prima volta 'Opportunita' nella crisi: Prevenire l'Hiv dalla prima adolescenza alla giovane eta' adulta' presenta dei dati sui contagi da Hiv tra i giovani ed evidenzia i rischi che gli adolescenti affrontano nel passaggio all'eta' adulta. Pubblicato da Unicef, Unaids, Unesco, Unfpa, Oil, Oms e Banca Mondiale, il rapporto individua i fattori che fanno aumentare il rischio di infezione, ma anche le opportunita' di potenziare i servizi di protezione e di sfidare le pratiche sociali dannose.

"Per molti giovani, il contagio da Hiv e' conseguenza di negligenze, esclusioni e violazioni che non si verificano all'insaputa di famiglie, comunita' e leader politici e sociali. Questo rapporto esorta i leader a tutti i livelli a costruire una catena di prevenzione per mantenere informati, protetti e sani gli adolescenti e i giovani", ha dichiarato il direttore generale dell'Unicef Anthony Lake.

"L'Unicef si e' impegnato in questa causa. Dobbiamo proteggere il secondo decennio di vita, affinche' il viaggio dall'infanzia all'eta' adulta non venga deviato dall'Hiv; un viaggio, tra l'altro, particolarmente carico di difficolta' per le bambine e le giovani donne". Secondo il rapporto, "nel 2009 i giovani dai 15 ai 24 anni incidevano per il 41% dei nuovi contagi tra gli adulti sopra i 15 anni. Si stima che, in tutto il mondo, 5 milioni (da 4,3 milioni a 5,9 milioni) di giovani in quel gruppo di eta' fossero sieropositivi nel 2009.

Nel gruppo di eta' compresa tra i 10 e i 19 anni, nuove stime parlano di 2 milioni (da 1,8 milioni a 2,4 milioni) di adolescenti sieropositivi". Questi adolescenti "vivono per la maggior parte nell'Africa sub-sahariana e sono perlopiu' di sesso femminile e inconsapevoli della loro condizione di sieropositivita'. A livello globale, le giovani donne costituiscono piu' del 60% di tutti i giovani che convivono con l'Hiv. Nell'Africa sub-sahariana, questa percentuale sale addirittura al 72%". (DIRE)

fonte: Copyright Redattore Sociale



Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi