*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 14 giugno 2011

Sconfitta con il referendum la Chiesa a Malta: i cittadini dicono SI al divorzio


Malta non è più l´unico Paese europeo a non ammettere il divorzio. Con un referendum, l´isola ha detto sì alla legge sul divorzio, con il 54 per cento dei voti favorevoli. Il successo del "sì" è una vittoria nei confronti del potere politico-religioso, che da decenni governa la piccola nazione.

 La chiesa aveva terrorizzato il 98 per cento della popolazione cattolica, con sermoni infuocati sul disastro che il divorzio avrebbe causato nelle famiglie. I parroci avevano rifiutato la comunione alle persone che facevano campagna per il sì e l´isola è stata tappezzata di manifesti di bambini che implorano i loro genitori di votare no.
La Chiesa, che qualche ora prima della chiusura dei seggi ha capito la tendenza, ieri ha chiesto scusa per la pesante ingerenza nella campagna elettorale e, a risultato acquisito, il primo ministro, Lawrence Gonzi, ha riconosciuto la volontà dei maltesi affermando: «Questo non è il risultato che desideravo, ma la volontà del popolo deve essere rispettata». Premiato il fronte trasversale del membro del Governo, Jeffrey Pullicino Orlando, promotore lo scorso anno del referendum, e del leader dell´opposizione, il laburista Joseph Muscat, che insieme all´avvocato Deborah Schembri, leader del "Movimento per il divorzio", hanno parlato di «un voto per la modernità».

da: Repubblica



Condividi su Facebook

Nome

Email *

Messaggio *