Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta governo editoriale esteri economia scandali fatti e misfatti salute diritti civili mass media giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo manipolazione mediatica guerra bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari massoneria Russia poteri forti sovranità monetaria razzismo manifestazione finanza debito pubblico tasse israele disoccupazione siria UE ucraina travaglio agricoltura militari marijuana banchieri mario monti trilaterale germania canapa geoingegneria califfo terrorismo Grecia obama vaticano ISIS Traditori al governo? bambini big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta vaccini cancro tecnologia PD nwo equitalia Angela Merkel BCE armi austerity sondaggio meritocrazia suicidi umberto veronesi fini nucleare m5s magdi allam ministero della salute privacy video cannabis clinica degli orrori eurogendfor Putin marra sovranità nazionale staminali CIA assad bancarotta boston bufala droga informatitalia.blogspot.it monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco fmi fukushima golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia suicidio svendita terra turchia violenza aldo moro arsenico barnard bonino carne chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione università vegan virus 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione chernobyl corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse paola musu pensioni radioattività riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online ungheria vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt orban overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia ricerca riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 1 giugno 2011


nikola tesla
Il geniale inventore, nato il 10 luglio 1856 in Serbia, ha influito sul nostro modo di vivere molto più di altri celebrati scienziati

Tra pochi giorni (10 luglio) ricorre l'anniversario della nascita di Nikola Tesla, colui che - oltre un secolo fa - ha scoperto la corrente alternata, inventato la radio prima di Marconi, sperimentato una macchina che generava terremoti e realizzato mille piccole e grandi invenzioni su cui si basano moltissime delle tecnologie contemporanee. Cerchiamo di saperne di più con Massimo Teodorani.

Quando si pensa alle grandi menti che hanno illuminato il nostro passato il pensiero corre a Einstein, Leonardo, Marconi o altri, ma in pochi pensano a Nikola Tesla. Eppure, il geniale inventore nato il 10 luglio 1856 in Serbia ha influito sul nostro modo di vivere molto più di altri celebrati scienziati. Tra pochi giorni ricorrerà l'anniversario della sua nascita e abbiamo deciso di cogliere l'occasione per intervistare Massimo Teodorani, autore del libro “Tesla – lampo di genio” che ha ripercorso con noi le vicende dello scienziato e le sue invenzioni ed intuizioni, spesso dimostratesi efficaci e persino profetiche.
Tra pochi giorni ricorre l'anniversario della nascita di Nikola Tesla. Possiamo dire che Tesla è senza dubbio lo scienziato più sottovalutato di tutti i tempi?
Non sarei così radicale in questa affermazione. È stato certamente – e, se si vuole, “colpevolmente” – un po’ troppo poco menzionato dalle istituzioni accademiche ufficiali, se non per la sua invenzione della corrente alternata (da cui sono poi derivate moltissime delle sue successive invenzioni) e per l’unità di misura dell’induzione magnetica che porta il suo nome. Volendo giudicare la cosa in termini del tutto realistici ritengo che la ragione di questo sia dovuta a due fattori principalmente. Il primo fattore – che è il più importante solo in apparenza – è certamente l’atteggiamento di supponenza, pregiudizio irrazionale e deliberato sospetto di molti accademici tradizionalisti, ben poco propensi ad accettare di prendere in esame teorie del tutto nuove. Ma soprattutto, dietro a questa parte degli accademici ritengo possa esserci l’establishment economico-capitalista che sicuramente non vede di buon occhio la possibile applicazione su larga scala di metodi di produzione dell’energia che potrebbero essere in urto frontale contro il business attuale del petrolio e di altri sistemi convenzionali di approvvigionamento dell’energia che, oltre ad aver massacrato l’equilibrio ecologico, hanno riempito da sempre le tasche di chi tira le fila. Il secondo fattore è, senza alcun dubbio, dovuto a Tesla stesso, il quale, pur essendone capace, è sempre stato poco propenso ad adottare la metodologia matematica nella presentazione ufficiale delle sue teorie, il che era senza dubbio una grave lacuna e uno sbaglio di strategia da parte sua, dal momento che la scienza per essere realmente condivisa e controllata richiede che ci si attenga ai protocolli standard di comunicazione dei risultati, cosa che io stesso condivido. Inoltre lui, seppur in buona fede, fece l’errore madornale di coinvolgere troppo il grande pubblico nelle sue scoperte. È un fatto assodato – ma da lui infantilmente trascurato – che larga parte della gente di tutti i luoghi e tutte le ere è sempre stata totalmente impreparata nel metodo scientifico e, conseguentemente, in una corretta interpretazione dei risultati, con il serio rischio di propagare poi le ricerche di Tesla in maniera del tutto scorretta e screditante. Questa è stata, a mio parere, la principale colpa/ingenuità di quello che era nei fatti un grande scienziato.


Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Tesla lampo di genio di Massimo Teodorani 
Il libro di Massimo Teodorani, “Tesla – lampo di genio”Edison, Marconi e chissà quanti altri hanno avuto una fama molto più grande di quella di Tesla, eppure le loro invenzioni non sono minimamente paragonabili. In particolare Edison, dopo aver “assunto” Tesla alle sue dipendenze, lo ha contrastato per tutta la vita. Qual è la più grande differenza tra Edison e Tesla?
Non si può certamente negare il valore fattuale di Edison e (soprattutto) di Marconi, i quali hanno dato moltissimo alla tecnologia, innovandola radicalmente e rivoluzionando il mondo in senso reale e globalizzato. Ma si può senza alcun dubbio anche affermare che le invenzioni di Tesla sono state largamente più rivoluzionarie – proprio perché ben funzionanti e utilizzate su larga scala – di quelle di Edison, ad esempio. Basta solo pensare alla differenza di efficienza tra corrente continua e corrente alternata e tra le obsolete lampadine ad arco di Edison con quelle a fluorescenza e ad alto rendimento di Tesla. E poi Tesla era molto meno succube del “dio denaro” di quanto non lo fosse Edison.
Quanto all’invenzione della radio, non penso sia realmente successo che Marconi avesse “rubato” le idee di Tesla (anche se Marconi si era accuratamente informato sulle coeve ricerche di Tesla), ma che semplicemente fossero arrivati entrambi allo stesso risultato seppur per vie differenti. Certamente è un fatto assodato (anche legalmente) che Tesla fu il primo a inventare la radio, anche se forse non così sofisticata come la versione di Marconi. Spesso, nei periodi della storia, all’improvviso avvengono come invenzioni simultanee nel mondo, ma questo il più delle volte non è dovuto alla disonestà dell’uno o dell’altro ma ad una stranissima “sincronicità” che accade spesso nei punti di svolta dell’umanità. Comunque se dovessi scegliere tra gli avversari di Tesla, Edison e Marconi, sceglierei Marconi.
Quali sono, secondo te, le principali invenzioni di Tesla?
Non è uno scherzo elencarle tutte, ma ci provo lo stesso. Il motore a induzione e la corrente alternata da esso prodotta, il trasmettitore ad amplificazione con cui riusciva a trasmettere energia a distanza e senza cavi, le lampadine a fluorescenza, la radio, il radar, il tubo catodico, la tecnica radiografica a raggi X, il tachimetro, l’iniettore elettrico dei motori, la turbina senza pale, metodi per l’imbrigliamento dell’energia solare e dei raggi cosmici, i circuiti elettrici sintonizzati, i sistemi a radiocomando, i principi dell’aereo a decollo verticale, le porte logiche e la robotica, il risonatore meccanico ed elettrico, le armi a energia diretta, la macchina elettroterapica. E sono solo la parte più nota, che riguarda esclusivamente le invenzioni effettivamente scaturite col tempo in qualcosa di reale e non solo di semplici brevetti … Tutte queste invenzioni sono state effettivamente realizzate e costituiscono il corredo tecnologico della nostra vita di tutti i giorni. Per questa ragione tutta l’umanità deve moltissimo a Tesla.
In che modo la sua figura influisce nella nostra quotidianità?
Direi che l’aspetto più eclatante di questa influenza è marcatamente pratico, e ciò è dovuto al fatto che moltissimi dei mezzi tecnologici attuali (inclusi i seguenti: la televisione, il computer, la tomografia TAC, il microscopio elettronico, il treno a levitazione magnetica, l’acceleratore di particelle) sono nati proprio dalle intuizioni e sperimentazioni di Tesla, e questo è un patrimonio immenso che ci dovrebbe rendere pienamente debitori nei confronti del suo operato. Sul piano invece più astratto direi che la figura Tesliana rappresenta a tutt’oggi sicuramente un esempio eclatante dello scienziato geniale e fuori da qualunque compromesso scellerato: sicuramente questa figura è una vera e propria “icona sia intellettuale che morale” che agisce – in questo caso positivamente – nell’immaginario collettivo e quindi anche nel nostro quotidiano.
Raggio morte Tesla
Tra le sue sperimentazioni, destano impressione quelle sul raggio della morte (o raggio della pace)
Tra le sue sperimentazioni, destano impressione quelle sul raggio della morte (o raggio della pace), sull'elettricità senza fili, sulla manipolazione dell' “etere”, che avrebbe permesso all'essere umano di manipolare la realtà, creando e alterando l'esistente. Che ne pensi?
Certamente ci sto riflettendo da molto tempo. Il “raggio della morte”, ad esempio, oggi non è più una semplice manifestazione di intenti. Del resto ci aveva pensato anche lo stesso Guglielmo Marconi 65 anni fa. Le armi ad energia diretta (DEW: Direct Energy Weapons) sono oggi una realtà operativa, prevalentemente impiegata nel progetto di “scudo spaziale”, ma certamente non si tratta delle “terribili armi” che sarebbero state usate dagli americani a Bagdad (molto recentemente ho personalmente parlato di questo con un noto ingegnere aerospaziale americano della NASA con cui sto collaborando da tempo, il quale mi ha confermato che la notizia è una vera e propria bufala). Si fa confusione tra armi non-letali a microonde ad uso anti-sommossa (tuttora operative) con “terribili nuove armi a raggio” che sarebbero state usate contro civili inermi: in realtà si tratta purtroppo di (troppi) incidenti – dovuti ad una errata designazione del bersaglio – causati da nuovi tipi di armi convenzionali (e la cosa non può che intristire ulteriormente) che non hanno nulla a che vedere con il “raggio della morte”. Questo mondo è, oggi più che un tempo, un ricettacolo di menzogne più o meno abilmente e miratamente veicolate mediaticamente. E, ovviamente, c’è chi manipola la cosa. Certo si tratta di complotti, ma di polarità opposta a quelli che vengono fatti passare per veri, facendo leva sulla buona fede della gente e sulla sua globale ma innocente ignoranza.
Quanto alla “manipolazione dell’etere”, ci si riferisce alla possibile estrazione di energia dal vuoto quantistico, ricerca su cui si sta lavorando da tempo. Non solo a scopo energetico in senso lato ma anche per permettere la realizzazione di una forma di teletrasporto, che richiede l’estrazione e l’utilizzo di quella che viene chiamata “energia negativa”. Ma siamo ancora indietro di 20 anni almeno nella realizzazione di questo progetto, anche se esistono da tempo le basi fisico-matematiche che lo supportano. E ci arriveremo, prima o poi.
Molte delle idee di Tesla sono stare realizzate dopo la sua morte. Quali saranno le prossime?
Estrazione di energia dal vuoto quantistico, propulsione elettromagnetica, teletrasporto quanto-relativistico (altrimenti denominato “star gate”). Queste sono le prime che mi vengono in mente, e ritengo che, se non ci estingueremo prima, riusciremo senz’altro a raggiungere il risultato perlomeno per quanto riguarda le prime due, nel medio-lungo termine.
Quale, secondo te, il più grande errore della sua vita?
Non ho dubbi su quanto ti sto per dire. L’aver comunicato troppo con il grande pubblico e troppo poco con i suoi colleghi dell’accademia. Ovviamente il primo approccio nasceva dalla sua assoluta buona fede, dal suo entusiasmo nella condivisione delle sue scoperte all’umanità, e dalla sua devozione verso la gente (che, evidentemente, non meritava tanto) su vasta scala piuttosto che verso un “oscuro ed elitario circolo Pickwick” trincerato dietro parrocchie universitarie. Avrebbe invece dovuto fare ogni sforzo per far accettare le sue idee, anche le più ardite, proprio all’interno di questo “circolo”, e le capacità di sottomettere articoli matematici non gli mancavano sicuramente (ad esempio, Tesla, sulla base di pregressi studi accademici, era molto più ferrato in matematica e fisica di quanto non lo fosse Edison). Certamente avrebbe dovuto turarsi il naso di fronte a taluni “soloni dell’accademia” – e ciò è pienamente comprensibile soprattutto se ad agire è un genio che fa obiettivamente fatica a prendere direttive da personaggi che spesso (ma solo in parte, per fortuna) sono più simili a ragionieri e burocrati che a veri scienziati – e accettare le regole del gioco, ovvero sottomettere a riviste con peer-review articoli tecnici secondo i canoni accettati e condivisi della scienza galileiana (il che non è affatto un male! Bensì una *garanzia* che quanto è stato inventato è realmente attendibile e riproducibile, e non arrecante pericoli alla collettività). Sono più che sicuro che se Tesla avesse dedicato anche solo il 10% del suo tempo a fare questo, rinunciando ogni tanto a pensare autarchicamente ad alcune delle sue innumerevoli ricerche (e ne aveva veramente abbastanza, anche senza il bisogno di iterare l’inventiva), non solo adesso egli sarebbe ufficialmente ricordato come il più grande scienziato di tutti i tempi dopo Leonardo, ma noi probabilmente adesso viaggeremmo verso altre stelle e non, come facciamo ora, usando la versione raffinata e computerizzata di una tecnologia spaziale che invece è ormai vecchia di secoli. Il sistema si cambia da dentro e non da fuori, se davvero si vuole essere ricordati dai posteri e, soprattutto, se si vuole realmente incidere socialmente con i frutti delle proprie innovazioni.
Tesla non si è mai preoccupato di gestire il denaro e, pur avendo “incontrato” milioni di dollari, è morto povero. Segno di talento o di follia?
Era un autarchico. Nessuna reale follia, penso (se non alcune manie compulsive). E soprattutto era talmente preso dal suo lavoro che non aveva il tempo di gestirsi economicamente e con la necessaria strategia e oculatezza; e poi aveva ben pochi consulenti se non sé stesso. Semmai, senza che se ne accorgesse veramente, aveva spesso accanto squali sempre pronti a utilizzare e asservire il suo talento e purtroppo, senza che la sua candida ingenuità lo sapesse, millantatori che ne strumentalizzavano le conoscenze facendo leva su alcune sue affermazioni pubbliche improvvidamente troppo entusiastiche. Era un genio troppo grande per una umanità troppo stupida, inetta, impreparata e amorale. E il concetto potrebbe essere iterato anche oggi, moltiplicando per un ordine di grandezza.
Nikola Tesla credeva che solo la diffusione della coscienza potesse permettere lo svilupparsi di un futuro armonioso. Ad oltre 100 anni dalla sua nascita, credi che la coscienza globale sia aumentata o diminuita?
Io la vedo in fase di collasso esponenziale, a livello globale, anche se non caratterizzante tutte le persone ma solo il 90% di esse. È una osservazione obiettiva, purtroppo, e probabilmente condivisa da molti altri. Chi ha in sé alcuni presupposti evolutivi per poter dire di essere in grado di “espandere la propria coscienza”, tace, o comunque si rapporta solamente con un gruppo molto limitato di persone, ovvero con quelle che sono preparate – sia scientificamente che coscienzialmente – a fare buon uso di tutto questo. Altri individui, forse in parte “illuminati” ma poi nei fatti completamente ingenui (o improvvisamente diventati furbi), si stanno dando in pasto ad una “mercificazione dello spirito”, che non potrà che accelerare l’entropia umana e dare propulsione al medioevo prossimo venturo.
In un periodo in cui le fonti energetiche si sono trasformate in fonte di morte e distruzione (guerre per il petrolio, inquinamento, incidenti nucleari, impossibilità di smaltimento delle scorie ecc) le teorie di Tesla sull'energia libera assumono una nuova luce. Potranno aiutarci a costruire un futuro diverso?
Ad un certo momento vedremo volare nuove macchine in cielo (o forse le vediamo già?) e sarà una sorpresa per tutti. Meglio che sia una sorpresa piuttosto che certe nuove conoscenze vengano divulgate anzitempo e, soprattutto, a individui totalmente impreparati nella gestione del metodo scientifico e nel “management morale” delle cose del mondo.
Sarà possibile leggere l'intervista integrale a Massimo Teodorani nella versione ebook di "Tesla-Lampo di genio" in uscita il 10 Luglio in occasione del Tesla Day!

Vedi il libro "Tesla Lampo di genio"




Condividi su Facebook

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi