*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 19 giugno 2011

Lo studio conferma: “L’omofobo è un gay represso”

Ormai è praticamente un segreto di Pulcinella: l’omofobia, il rigetto verso l’omosessualità, altro non è che omosessualità stessa, repressa ad arte da chi ha paura di ritrovarsi con un compagno di vita dello stesso sesso. Insomma, i principali oppositori dell’omosessualità altro non sarebbero che omosessuali mancati, che limitano le proprie pulsioni per paura di guardarsi allo specchio. E’ uno studio di Psychology Today a rinverdire la vecchia teoria.
OMOFOBIA E OMOSESSUALITA’ – Che l’omofobia altro non sia che paura di essere omosessuale lo dice persino Wikipedia. Ma ora una fonte ben più qualificata conferma questo tipo di impostazione: e il livello di certezza scientifica che si è in grado di raggiungere questa volta è davvero rilevante, visto che si tratta di indagini che coinvolgono la fisiologia dell’apparato sessuale.
Uno studio ha chiesto agli eterosessuali come si rapportassero in termini di disagio ed ansia con gli uomini gay. In base a questi punteggi, gli uomini sono stati divisi in omofobici e non-omofobici. Agli uomini sono stati mostrati video da tre-quattro minuti: uno di essi con sesso etero, un altro con sesso lesbico e un terzo con sesso gay. Mentre questo accadeva, un dispositivo era attaccato al pene dei partecipanti. Questo dispositivo misurava l’eccitazione sessuale degli uomini.

Il risultato? Agli uomini classificati come “omofobici” il pene si ingrossava anche alla vista del video di sesso omosex. A dimostrazione che tante chiacchere si infrangono davanti alla naturalità del comportamento umano.
FREUD – Sentenza definitiva, dunque.
Gli eterosessuali con le più spiccate caratteristiche anti-gay, a domanda, rispondevano di non essere eccitati da video sessuali maschili. Ma i loro peni raccontavano una diversa verità. Gli uomini omofobici erano i più eccitati sessualmente da atti omosessuali maschili.
 D’altronde, e PT lo ricorda, è stato per primo lo stesso Sigmund Freud a teorizzare che le nostre paure altro non sono che desideri nascosti e repressi per paura, appunto, di realizzarlo. Applicato alla psicologia sessuale, i dati mostrano un quadro abbastanza ben definito.


fonte



Condividi su Facebook

Nome

Email *

Messaggio *